PDA

Visualizza Versione Completa : Cbet for charity



il_Finnico
17-03-2008, 15:06
Come sapete continuationbet non parla quasi mai di eventi Live nei circoli, ma ogni tanto qualche eccezione si può fare.

Questa sera inaugura il circolo di Tortona con un sit di beneficenza al quale partecipa anche il nostro sito.

Per chi vuole ci vedremo lì. Io arriverò verso le 18.30. Il programma è: sit, cena e torneo.

In bocca al lupo agli amici Davide e Nico per la nuova attività.

Miglio
17-03-2008, 15:11
quindi stasera nn sei dei nostri??

se è per beneficienza sei perdonato;)

zio_slim
17-03-2008, 15:12
si certo finnico visto che non sei su telelombardia ma qui ci leggono pure dalla Sardegna, magari specifica che Tortona è in provincia di Alessandria, donkey :P

GALB
17-03-2008, 15:35
Ma io come faccio a fare chips se non c''è il finnico stasera :(

Vabè almeno cerca di vincere al circolo :)

il_Finnico
17-03-2008, 16:40
Calma Calma.... dunque vediamo

Tortona è un comune piemontese della provincia di Alessandria, situato sulla destra dello Scrivia, tra la pianura di Marengo e le estreme propaggini collinari dell''Appennino Ligure. È sede vescovile.

I ritrovamenti avvenuti nell''attuale area urbana testimoniano la frequentazione del territorio già durante il Neolitico. Fu un oppidum (villaggio fortificato) dei Liguri Statielli tra VIII e il V secolo a.C., con il nome di Derthona.

Dopo la conquista romana del territorio, la città divenne colonia romana intorno al 120 a.C., trasformandosi in un fiorente centro agricolo e commerciale, all''incrocio di importanti vie di comunicazione: la via Postumia (che collegava Genova ad Aquileia), la via Fulvia (proveniente da Pollenzo) e la via Emilia Scauri (proveniente da Vada Sabatia, l''odierna Vado Ligure, attraverso Aquae Statiellae, l''odierna Acqui Terme). Eretta una seconda volta in colonia da Augusto (tra il 40 e il 30 a.C.) assunse il nome di Julia Derthona.

Completamente cristianizzata nella seconda metà del IV secolo, divenne sede vescovile. Vi ebbe luogo la deposizione e l''uccisione dell''imperatore romano d''Occidente Maggioriano, deposto dal suo generale di origini barbare Ricimero nel 461.

Nell''XI secolo riuscì a sottrarsi al potere del vescovo, ergendosi a libero comune, con il nome di Terdona,. Fu alleata di Milano e rivale di Pavia e partecipò tra i primi comuni alla ribellione all''autorità imperiale. Cinta d''assedio dal Barbarossa nel 1155, fu conquistata e distrutta.

Ricostruita con l''aiuto dei milanesi, aderì alla Lega Lombarda e partecipò alle lotte comunali, cambiando spesso schieramento. Conquistata da Luchino Visconti nel 1347, seguì le sorti del ducato di Milano, sotto il dominio dei Visconti, prima, e degli Sforza, poi, fino al XVI secolo. Tortona fu anche città dotale di Cristina di Danimarca, moglie dell''ultimo duca di Milano Francesco II Sforza; la principessa, poi duchessa di Lorena, morì qui nel 1590.

Successivamente in mano agli spagnoli, fu fortificata ed elevata a baluardo difensivo ai confini del ducato di Milano.

Teatro di scontri durante la guerra di successione spagnola (1706), venne annessa nel 1738 ai domini sabaudi da Carlo Emanuele III.

Nel 1796, con la discesa di Napoleone in Italia, il castello fu ceduto ai francesi dall''armistizio di Cherasco. Arresasi agli austro-russi di Suvorov dopo la battaglia di Novi (1799), ripassò in mano ai francesi che nel suo territorio stabilirono il loro quartier generale in occasione della battaglia di Marengo (14 giugno 1800). In seguito agli accordi presi con lo zar di Russia, Napoleone, ne ordinò lo smantellamento delle fortificazioni (1801) e la distruzione del castello. Annessa all''Impero Francese nel 1802, ritornò definitivamente ai Savoia nel 1814.

La seconda metà del XIX secolo rappresentò per la città un periodo di floridezza, testimoniato dal profondo rinnovamento urbanistico del periodo.

Il nome Tortona, e i suoi precedenti Dertona e Terdona, deriverebbero dal motto latino che si trova anche nello stemma cittadino e che dice Pro tribus donis simil Terdona leonis ("Tortona è simile a un leone in virtù di tre doni-caratteristiche"). Questo motto alluderebbe al prestigio e all''imporanza che accompagnano la città sin dai tempi più antichi.

Secondo la tradizione Tortona possiede sette colli come Roma.

Tortona è probabilmente una delle poche città ad avere contemporaneamente sette colli e una madonnina: probabilmente per questo da alcuni è chiamata "piccola Roma" o "piccola Milano".

Una delle specialità gastronomiche della città sono i cosiddetti Baci di Dama.

Il Mare di Vho è un''espressione tipica della città che fa riferimento a una fantomatica distesa d''acqua (inesistente) che la tradizione collocava in prossimità di una delle frazioni storiche della città. In realtà ci si riferisce a una vasca ricavata dal vecchio fossato del Castello di cui la popolazione si serviva e alla quale era molto legata.

A Tortona escono tre settimanali cartacei: Settegiorni a Tortona (in edicola il sabato), Panorama di Tortona (esce il mercoledi) e Il Popolo Dertonino (di proprietà della Curia e pubblicato ogni giovedi).

----------------------------------------------------------------------------------------


Poi mi sa che al circolo la connessione ci sarà quindi non è detto che stasera non partecipi...

Free chips 4 all guys...

Bilardojoe
17-03-2008, 16:45
finnico sei un genio. Karma + assicurato :lol:
abito vicino, presto farò una visita al neo circolo

Miglio
17-03-2008, 16:50
ti sei dimenticato che a Tortona vive Samantha... figlia del lattaio... quella che è stata col cugino di Drupi nel lontano 97... se le info le vuoi dare, dalle completeB) :laugh:

però saresti un record... va ad un circolo per poi farsi un torneo online:laugh: :laugh:

yddaki
17-03-2008, 18:26
e dovresti anche specificare che quando si arriva in auto via autostrada è meglio dare un''occhiata in alto quando si passa sotto cavalcavia, i tortonesi hanno simpatici passatempo

sgamble
17-03-2008, 18:44
il_Finnico ha scritto:

Calma Calma.... dunque vediamo

Tortona è un comune piemontese della provincia di Alessandria, situato sulla destra dello Scrivia, tra la pianura di Marengo e le estreme propaggini collinari dell''Appennino Ligure. È sede vescovile.

I ritrovamenti avvenuti nell''attuale area urbana testimoniano la frequentazione del territorio già durante il Neolitico. Fu un oppidum (villaggio fortificato) dei Liguri Statielli tra VIII e il V secolo a.C., con il nome di Derthona.

Dopo la conquista romana del territorio, la città divenne colonia romana intorno al 120 a.C., trasformandosi in un fiorente centro agricolo e commerciale, all''incrocio di importanti vie di comunicazione: la via Postumia (che collegava Genova ad Aquileia), la via Fulvia (proveniente da Pollenzo) e la via Emilia Scauri (proveniente da Vada Sabatia, l''odierna Vado Ligure, attraverso Aquae Statiellae, l''odierna Acqui Terme). Eretta una seconda volta in colonia da Augusto (tra il 40 e il 30 a.C.) assunse il nome di Julia Derthona.

Completamente cristianizzata nella seconda metà del IV secolo, divenne sede vescovile. Vi ebbe luogo la deposizione e l''uccisione dell''imperatore romano d''Occidente Maggioriano, deposto dal suo generale di origini barbare Ricimero nel 461.

Nell''XI secolo riuscì a sottrarsi al potere del vescovo, ergendosi a libero comune, con il nome di Terdona,. Fu alleata di Milano e rivale di Pavia e partecipò tra i primi comuni alla ribellione all''autorità imperiale. Cinta d''assedio dal Barbarossa nel 1155, fu conquistata e distrutta.

Ricostruita con l''aiuto dei milanesi, aderì alla Lega Lombarda e partecipò alle lotte comunali, cambiando spesso schieramento. Conquistata da Luchino Visconti nel 1347, seguì le sorti del ducato di Milano, sotto il dominio dei Visconti, prima, e degli Sforza, poi, fino al XVI secolo. Tortona fu anche città dotale di Cristina di Danimarca, moglie dell''ultimo duca di Milano Francesco II Sforza; la principessa, poi duchessa di Lorena, morì qui nel 1590.

Successivamente in mano agli spagnoli, fu fortificata ed elevata a baluardo difensivo ai confini del ducato di Milano.

Teatro di scontri durante la guerra di successione spagnola (1706), venne annessa nel 1738 ai domini sabaudi da Carlo Emanuele III.

Nel 1796, con la discesa di Napoleone in Italia, il castello fu ceduto ai francesi dall''armistizio di Cherasco. Arresasi agli austro-russi di Suvorov dopo la battaglia di Novi (1799), ripassò in mano ai francesi che nel suo territorio stabilirono il loro quartier generale in occasione della battaglia di Marengo (14 giugno 1800). In seguito agli accordi presi con lo zar di Russia, Napoleone, ne ordinò lo smantellamento delle fortificazioni (1801) e la distruzione del castello. Annessa all''Impero Francese nel 1802, ritornò definitivamente ai Savoia nel 1814.

La seconda metà del XIX secolo rappresentò per la città un periodo di floridezza, testimoniato dal profondo rinnovamento urbanistico del periodo.

Il nome Tortona, e i suoi precedenti Dertona e Terdona, deriverebbero dal motto latino che si trova anche nello stemma cittadino e che dice Pro tribus donis simil Terdona leonis ("Tortona è simile a un leone in virtù di tre doni-caratteristiche"). Questo motto alluderebbe al prestigio e all''imporanza che accompagnano la città sin dai tempi più antichi.

Secondo la tradizione Tortona possiede sette colli come Roma.

Tortona è probabilmente una delle poche città ad avere contemporaneamente sette colli e una madonnina: probabilmente per questo da alcuni è chiamata "piccola Roma" o "piccola Milano".

Una delle specialità gastronomiche della città sono i cosiddetti Baci di Dama.

Il Mare di Vho è un''espressione tipica della città che fa riferimento a una fantomatica distesa d''acqua (inesistente) che la tradizione collocava in prossimità di una delle frazioni storiche della città. In realtà ci si riferisce a una vasca ricavata dal vecchio fossato del Castello di cui la popolazione si serviva e alla quale era molto legata.

A Tortona escono tre settimanali cartacei: Settegiorni a Tortona (in edicola il sabato), Panorama di Tortona (esce il mercoledi) e Il Popolo Dertonino (di proprietà della Curia e pubblicato ogni giovedi).

----------------------------------------------------------------------------------------


Poi mi sa che al circolo la connessione ci sarà quindi non è detto che stasera non partecipi...

Free chips 4 all guys...


firmato "il finni_pedia".org

minchia io a tortona andavo a comprare il fumo...:silly:
bei tempi quelli...

il_Finnico
18-03-2008, 06:00
Holla Guys... appena rientrato dalla trasferta... Sit di beneficenza... ho fatto la giusta beneficenza.

Torneo...hammmm 14esimo (a premio in 8).

Ma la parte più interessante è stata il post torneo...attenzione: HU di poker indiano con una signorina, in palio le nostre maglie personalizzate (io cbet e lei la sua)... domani sera avrete il responso.

PS: sono uscito 14esimo perchè il buon gianni mi ha mandato 6 cuba durante il torneo... e i miei granchi sono sprofondati contro AK a cuori con flop QT8 con due cuori....

PPS: per chi è di milano... flop QT8 non male... fermata della rossa verso bisceglie...

GALB
18-03-2008, 12:38
poker indiano? strip poker con kamasutra finale? :D

orson71
19-03-2008, 02:55
zio_slim ha scritto:

si certo finnico visto che non sei su telelombardia ma qui ci leggono pure dalla Sardegna
pure dalla sardegna? perchè internet arriva anche lì? :silly:

il_Finnico
19-03-2008, 19:16
Allora scusate per il ritardo (mi scuso soprattutto con certa una persona)

Dicevamo...esco dal torneo e inizio un HU di poker indiano. E'' un gioco molto complicato che proverò a spiegare :laugh: . Praticamente si gioca come il NL Holdem normale con una piccola differenza. Le due carte che riceviamo non le vediamo ma ce le mettiamo sulla fronte girate.

In questo modo noi vediamo le carte del nostro avversario ma non le nostre (avete presente il detto "giocare sulle carte dell''avversario e non sulle vostre" ecco...quella roba lì)

Ovviamente le puntate si fanno come al solito.

La gentil donzella mi chiede "ma che ci stiamo giocando?". Decidiamo di mettere le nostre magliette in palio, dato che le era appena arrivato il primo modello della sua linea di t-shirt da poker.

Io avevo la mia maglia di c-bet.

Qui sotto il mio "trofeo"

http://www.imagehosting.com/out.php/t1640938_DSC00339.JPG[/URL]

http://aycu18.webshots.com/image/48977/2001900834701487494_th.jpg (http://allyoucanupload.webshots.com/v/2001900834701487494)


Nonostante le sue continue sculate ( :P ) son riuscito, con tecnica perfetta, a portare a casa la maglia. Dato che però non si era portata il cambio, allora l''ho gentilmente omaggiata della shirt del finnico di c-bet

P.S: coach preparamene un''altra (nera con nick dietro e basta)

Raistlin
19-03-2008, 19:47
il_Finnico ha scritto:

poker indiano. E'' un gioco molto complicato che proverò a spiegare :laugh: . Praticamente si gioca come il NL Holdem normale con una piccola differenza. Le due carte che riceviamo non le vediamo ma ce le mettiamo sulla fronte girate.

In questo modo noi vediamo le carte del nostro avversario ma non le nostre (avete presente il detto "giocare sulle carte dell''avversario e non sulle vostre" ecco...quella roba lì)

Ovviamente le puntate si fanno come al solito.

MA E'' UN GIOCO FIGHISSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSIMOOOOOO OOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!

cassidy
19-03-2008, 19:48
Non ho parole....
Presentazione ufficiale: sono la signorina del poker indiano.
Ho seguito il finnico dal momento in cui sono uscita dal suo stesso tavolo dopo lo scoppio dei miei due AA contro un K8 con un K al flop a cui segue il mio all, il call del tipo con K8 e l''augurio del finnico che provoca ovviamente un altro K al turn...
Finny non vede carte per tutto il resto del torneo decide di buttarsi con una coppia di tre e si schianta contro lo stesso di prima che questa volta sfoggia un AK e ovviamente fa colore...
Per testare il vero talento del finnico decidiamo che un poker indiano va più che bene ( a quanti cuba eri a quel punto?) e voilà signore e signori come d''incanto si accende la fortuna del signorino che incastra due scale in tre mani, colore,tris,full.....qualsiasi cosa voi possiate immaginare è semplicemente successa...quindi ho perso la mia maglietta che essendo della mia taglia al finnico sta come una guaina del dott.Gibaud .. ( a questo punto propongo di averla indietro in cambio di una della tua taglia).
Grazie Finny per avermi insegnato che il poker è tecnica...

Miglio
19-03-2008, 20:51
l''unico modo perchè il finnico tolga una maglietta ad una donzella è questo???:dry: :laugh:

il_Finnico
20-03-2008, 01:45
Beh Miglio... conosci un modo più originale??? Scherzi a parte... ehm... si... è l''unico modo.

@cassidy: i cuba erano troppi (davvero troppi). E poi la maglia te l''ho messa su subito e mi sta una meraviglia (appena butto giù un po'' di pancetta.. poi vedi come mi scolpirà il fisico :-D ).

Comunque grazie per la tua compagnia durante il torneo. Sei una giocatrice coi fiocchi: hai buona lettura, selezioni le mani, conosci i tells di tutti. Davvero mi hai fatto una grandissima impressione. Per la maglia vediamo... è pur sempre un trofeo di guerra.. ma non disperare che magari ti torna...