PDA

Visualizza Versione Completa : Il declino delle.it



Ti Ringrazio
25-06-2010, 10:31
E' passato ormai un anno dalla nascita delle .it.
Se da una parte questa normativa ha contribuito a far conoscere e diffondere il gioco del poker in Italia, dall'altra ha sgozzato il suo futuro.

Penso che tutti noi abbiamo notato come, in questi mesi l'utenza si stia riducendo sempre di più.
Multitablare e quindi giocare per professione, è diventanto impossibile!
Al massimo si può multitablare l'NL20 ma ciò toglie la speranza di avere rendimenti soddisfacenti per l'impegno...meglio dedicarsi unicamente ad altro.

Tutto ciò riduce anche la possibilità di bonus premio per i regular ma non solo, nei limiti alti si spennano a vicenda. Su un sit da 6max NL100 e NL50 troviamo al massimo 3 giocatori occasionali; al massimo! Di solito ce ne sono 1\3.

La prospettiva italiana è di un gioco for fun, un gioco di microlimiti.

Adesso il terrore di una full tilt. it mi toglie ogni speranza di maturare in questo gioco.
E' necessario un' intesa europea, che possa portare ad un mercato chiuso ed unito tra i diversi paesi. Solo così la prospettiva futura del poker rimarrà accettabile, quasi in linea con la prospettiva mondiale.

Ti Ringrazio
25-06-2010, 10:43
Parlo anche dei sit, tornei..non ho mica fatto cenno al cash, mah. ^^

klee
25-06-2010, 11:03
Parlo anche dei sit, tornei..non ho mica fatto cenno al cash, mah. ^^

level?

Gi01
25-06-2010, 11:09
Parlo anche dei sit, tornei..non ho mica fatto cenno al cash, mah. ^^



Multitablare e quindi giocare per professione, è diventanto impossibile!
Al massimo si può multitablare l'NL20
NL100 e NL50

Uberlevel?

Ovviamente ci sono decine di regs e purtroppo, più di tutto, ci sono troppe rooms.

Selezione naturale...

edocas
25-06-2010, 11:11
cit: "Se da una parte questa normativa ha contribuito a far conoscere e diffondere il gioco del poker in Italia, dall'altra ha sgozzato il suo futuro."

in generale tutto il discorso mi è sembrato confuso, ma questa frase in particolare non l'ho compresa. grazie per un'eventuale delucidazione.

Calizzo
25-06-2010, 11:15
http://forum.continuationbet.com/f18/su-stars-sono-skillati-20126/

[ ] games are dead

Raistlin
25-06-2010, 11:16
imo quando scrive nl20 nl50 nl100 parla di sit con terminologia sbagliata

adopsio
25-06-2010, 11:18
imo quando scrive nl20 nl50 nl100 parla di sit con terminologia sbagliata

Penso anche io. Solo che non avere chiarissime queste cose inficia un po' il giudizio che si può avere sull'autore del post :galb:

Lid
25-06-2010, 11:18
Come nell'evoluzione di tutti i mercati anche in quello italiano prima o poi ci sarà un consolidamento di 3-4 pr. Al momento sono veramente troppe con un'offerta troppo frammentata in un mercato che ha dei precisi confini.

La vera soluzione sarebbe quella di regolamentare il gioco a livello europeo ma non sarà facile anche perchè ogni singolo stato ci vorrà guadagnare qualcosa.

IronVaks
25-06-2010, 11:29
Il CASH is the way...sia per i giocatori che per le room...

Ockam
25-06-2010, 12:19
ancora non è così tragica la cosa, se ti applichi riesci ad avere un discreto edge, comunque a mio avviso non è una situazione destinata a durare ancora a lungo e credo che fra qualche anno vivere solo di poker sarà abbastanza impensabile a meno che tu non abbia delle predisposizioni tue di partenza che ti rendono veramente forte, il gioco per quanto complesso non è ai livelli di..che ne so "gli scacchi" che effettivamente a livelli alti sono inaccessibili a chi è mediamente intelligente. Inoltre Internet è strapieno di forum(come questo) e nozioni. Programmi come tn, hm, wizard etc sono gestibili da tutti senza bisogno di essere dei geniacci dell'informatica(perfino mia madre più o meno capisce hm dopo aver letto le varie guide, ho detto tutto)e in più aumentano il numero dei coach, coachati e di libri sull'argomento. La mia personalissima opinione è che pensare di poter vivere di poker per sempre sia gambling puro. Io mi sono accorto che in 5 anni c'è stato un cambiamento allucinante, quando ho iniziato era tutto incredibilmente più semplice ai tavoli. Questo in 5 anni..boh mi domando fra 10 come saranno le cose..

Ti Ringrazio
25-06-2010, 13:01
:p
ancora non è così tragica la cosa, se ti applichi riesci ad avere un discreto edge, comunque a mio avviso non è una situazione destinata a durare ancora a lungo e credo che fra qualche anno vivere solo di poker sarà abbastanza impensabile a meno che tu non abbia delle predisposizioni tue di partenza che ti rendono veramente forte, il gioco per quanto complesso non è ai livelli di..che ne so "gli scacchi" che effettivamente a livelli alti sono inaccessibili a chi è mediamente intelligente. Inoltre Internet è strapieno di forum(come questo) e nozioni. Programmi come tn, hm, wizard etc sono gestibili da tutti senza bisogno di essere dei geniacci dell'informatica(perfino mia madre più o meno capisce hm dopo aver letto le varie guide, ho detto tutto)e in più aumentano il numero dei coach, coachati e di libri sull'argomento. La mia personalissima opinione è che pensare di poter vivere di poker per sempre sia gambling puro. Io mi sono accorto che in 5 anni c'è stato un cambiamento allucinante, quando ho iniziato era tutto incredibilmente più semplice ai tavoli. Questo in 5 anni..boh mi domando fra 10 come saranno le cose..

Davvero interessante come analisi, complimenti!

Affidiare gran parte del nostro tempo a cose più concrete è sicuramente l'atteggiamento giusto.
Non a caso, pur giocando con passione sto finendo gli studi di Economia in Management e Diritto d'Impresa; tra non molto inizierò a lavorare come contabile senza tralasciare ne lo studio ne il gioco del poker.

Quello che voglio dire è che l'avvento del poker deve essere preso nelle giuste misure!

Invece, ho notato che molte persone anche conoscenti si gettano sul poker investendo gran parte del loro tempo. Atteggiamento deleterio se non si guadagnano cifre tali da remunerare in 5 - 10 anni tutto quello che si guadagnerebbe in 40 anni in un diverso lavoro.
Anche guadagnare 2000 al mese non sarebbe sufficiente a giustificare l'impegno in un'attività senza garanzie future.


Questo è il mio pensiero, oltre al fatto che una buona dose di ignoranza\pignoleria dilaga in tutti i giochi d'azzardo. Ma questo è un altro discorso tuttavia remunerativo, fonte di guadagno.:p

Good life everyone!

Peppeds
25-06-2010, 13:38
io dico che le cose non stanno cosi'! premesso che non è il mio obbiettivo lavorare col poker, rimango pienamente convinto che si puo' fare!

per quanto possa crescere sempre di più il numero di coachati, cresce sempre di piu il numero di omini interessati al gioco ed in ogni caso non moriranno le persone che giocano solo per divertimento!
l'unico problema rimane il grosso numero di rooms che tendono a dislocare i flussi di player tanto da rendere le tante room popolate non sufficentemente..

osvys
25-06-2010, 13:53
:p

Quello che voglio dire è che l'avvento del poker deve essere preso nelle giuste misure!

Invece, ho notato che molte persone anche conoscenti si gettano sul poker investendo gran parte del loro tempo. Atteggiamento deleterio se non si guadagnano cifre tali da remunerare in 5 - 10 anni tutto quello che si guadagnerebbe in 40 anni in un diverso lavoro.
Anche guadagnare 2000 al mese non sarebbe sufficiente a giustificare l'impegno in un'attività senza garanzie future.



diciamo che in questo tuo secondo post ci sono spunti più interessanti rispetto al primo dove i concetti erano un pò più confusi (ecco perchè quelcuno ti ha un pò sbeffeggiato ;))
Ad ogni modo il tuo ragionamento si può estendere a qualsiasi altro settore lavorativo (specie nella consulenza per i liberi professionisti): più hai capacità e ti applichi, più puoi guadagnare, più sai investire i tuoi guadagni, più in futuro ti troverai le spalle coperte. Il tuo ragionamento mi sembra quasi si possa paragonare (con le dovute proporzioni) al mondo del calcio dove dopo 10-15 anni di carriera un giocatore si ritira e se nn ha saputo gestirsi i guadagni si trova culo a terra. Bè ti assicuro nel poker non è così, anzi da qui a 5-10 anni, specie con il cash, e si spera, mercati più allargati (.eu?) la possibilità di crearne un lavoro da questo giochino può essere un'opportunità da nn trascurare. Certo, come dici tu, avere un lavoro sicuro che ti da mangiare è tutta un'altra cosa, il poker in questo senso è un pò salto nel buio, ma esempi di molte persone (skillate!!!) che il salto lo hanno fatto ce ne sono e tanti anche in italia.

astrognauta
25-06-2010, 15:06
quest'uomo si droga; tra l'altro mi ha dato rep+1, il che conferma la mia tesi; o ne suffraga la supposizione. oppure, ne soffre la supposta; così, se vi pare. ci va l'apostrofo perchè "quest" non esiste ed è una tronca, fosse stato "nessun" non ci sarebbe stato bisogno del segno di elisione; ci tengo che ciò, paragrafemia terra mia, sia ben chiarito.

osvys
25-06-2010, 15:44
quest'uomo si droga; tra l'altro mi ha dato rep+1, il che conferma la mia tesi; o ne suffraga la supposizione. oppure, ne soffre la supposta; così, se vi pare. ci va l'apostrofo perchè "quest" non esiste ed è una tronca, fosse stato "nessun" non ci sarebbe stato bisogno del segno di elisione; ci tengo che ciò, paragrafemia terra mia, sia ben chiarito.

:confused::confused:

:beer:?

nasopanic
25-06-2010, 16:01
quest'uomo si droga; tra l'altro mi ha dato rep+1, il che conferma la mia tesi; o ne suffraga la supposizione. oppure, ne soffre la supposta; così, se vi pare. ci va l'apostrofo perchè "quest" non esiste ed è una tronca, fosse stato "nessun" non ci sarebbe stato bisogno del segno di elisione; ci tengo che ciò, paragrafemia terra mia, sia ben chiarito.

No, prego, forse intendeva, dati tempi, viste le allusioni, che, per quanto concerne, nel momento, che poi, in sostanza, ecco, non vorremmo, capisci, che succedesse, perché, lo sai - oh, sì che lo sai -, che succedesse, dicevo, nell'eventualità di una ripetizione.

No?

yomik
25-06-2010, 16:08
i love u guys (x3-x4)

durante questi giorni di merda, leggere le vostre megastronzate mi fa un bene che nemmeno immaginate :D

Atreides
25-06-2010, 18:20
Penso che tutti noi abbiamo notato come, in questi mesi l'utenza si stia riducendo sempre di più.
Multitablare e quindi giocare per professione, è diventanto impossibile!
Al massimo si può multitablare l'NL20 ma ciò toglie la speranza di avere rendimenti soddisfacenti per l'impegno...meglio dedicarsi unicamente ad altro.

what? io non li vedo sti problemi, su stars perlomeno non ci sono, c'è un gran traffico a tutti i livelli, obv piu si sale piu diminuisce, ma comunque c'è e ce n'è abbastanza per massare infinito.


La prospettiva italiana è di un gioco for fun, un gioco di microlimiti.

ma quando mai? perchè dici questo? non ci sono decine di grinders che vivono col giochino?

Adesso il terrore di una full tilt. it mi toglie ogni speranza di maturare in questo gioco.
E' necessario un' intesa europea, che possa portare ad un mercato chiuso ed unito tra i diversi paesi. Solo così la prospettiva futura del poker rimarrà accettabile, quasi in linea con la prospettiva mondiale.

per la questione europea, secondo me sarà per forza di cose la naturale evoluzione del fenomeno poker online italiano ed europeo.
per il resto quoto gi01, ci son troppe room e i giocatori son troppo sparpagliati, quindi spero che col tempo quelle piu piccole chiudano o si fondano e rimangano pochi players nel mercato, ma tutti con ottimo traffico.
boh sarà che sono ottimista di carattere ma tutti questi post apocalittici sul poker .it io non li capisco mica :confused:

Atreides
25-06-2010, 18:23
La mia personalissima opinione è che pensare di poter vivere di poker per sempre sia gambling puro. Io mi sono accorto che in 5 anni c'è stato un cambiamento allucinante, quando ho iniziato era tutto incredibilmente più semplice ai tavoli. Questo in 5 anni..boh mi domando fra 10 come saranno le cose..

ma perchè? o meglio, perchè parli di sempre? nessun pokerplayer è in grado di sapere che farà professionalmente dieci anni dopo, ma solo perchè è un mondo in costante evoluzione e non si puo programmare nulla, ma è sempre piu in espansione, ci sono i .com, ci saranno (spero) i .eu, ci saranno miliardi di giocatori asiatici che vogliono anche loro andare all in, siamo 7 miliardi di persone qualcuno che gioca a poker lo si troverà sempre lol, apparte eventi imprevedibili per me sarà cosi.

astrognauta
25-06-2010, 18:41
atreides, io credo che ockram, quando parla di associare il voler giocare a poker PER SEMPRE al puro gambling, non abbia tutti i torti: c'è sempre il 2012; che rimane un AZZARDO.

ah, la droga!

Mat
25-06-2010, 19:07
chi lo fa per lavoro, se davvero un domani ci fosse il crash del mercato italiano (cosa che imo non ci sarà mai, anzi..), potrebbe tranquillamente valutare di andare a giocare all'estero.
senza contare che già ora c'è gente che ha fatto questa scelta.

klee
25-06-2010, 19:34
oggi come oggi ha meno futuro un operaio fiat di un ppp. Finchè stampano soldi non c'è problema.

Ti Ringrazio
26-06-2010, 13:59
oggi come oggi ha meno futuro un operaio fiat di un ppp. Finchè stampano soldi non c'è problema.

Se stampi denaro hai bisogno di lingotti d'oro!
Se non li hai, dovrai sostenere gli interessi tramite il prestito; anche se fossero a fondo perduto, è necessario che si crei produttività tale da giustificare la moneta in circolazione.

Se ciò non dovesse avvenire, salirà il debito pubblico principale causa di un crack finanziario di un intero Paese;
Ciò bloccherebbe ogni forma produttiva e si ritornerebbe con la zappa in mano e le bestie da pascolare!

La nostra generazione paga le conseguenze di quella passata che si è riempita le tasche!
Le banche stanno ritirando la moneta in circolazione; strozzando l'economia la riportano nel punto di equilibrio, Break Even Point (http://www.studiamo.it/dispense/diritto-commerciale/break-even-point.html), in cui la nostra produttività è inversamente proporzionale alla moneta in circolazione.

La crisi e le informazioni che diffondono alle masse, sono volontariamente ambigue!
Il nostro Paese è in una fase di regressione irreversibile, fino a quando non giungerà il BEP.

La pubblica amministrazione sta riducendo drasticamente il suo organico, taglia i fondi e sussidi a migliaia di imprese che pur essendo private trovavano sostegno\ convenienza a rimanere sul territorio italiano.

Minor moneta in circoclazione, minor consumo, minore produttività, minore ricchezza sociale! :(

Mio caro Klee, no non basta stampare moneta... serve creare produttività non gente che lavora!
L'Italia ha bisogno, oggi, soprattutto di menti non di braccia; Queste sono consequenziali a chi crea lavoro, non vengono prima ma dopo.

Scusate, ma non ho resistito a dilungarmi su un argomento economico.

Buona vita e buone a cose a tutti.
E per non cadere in un velo di pessimismo vi ricordo che proprio nel momento di maggior crisi, coloro che rischiano in titoli speculativi saranno premiati della loro lungimiranza. :)

ykin83$
26-06-2010, 18:35
il reg forte prende moooolto edge dal reg debole.Il fish è un vantaggio incredibile,ma anche tutti i reg deboli non sono male come vantaggio,tu dici che ad ogni sit ci sono 3-4 reg ok ma di questi per me reg puri forse sono 2,gli altri sono reg scarsi che mi portano profitto.

Gaspar1
26-06-2010, 18:54
Io distinguirei il declino delle .it, in quanto poker room, dal declino delle prospettive dei giocatori.

Le poker room .it, in quanto tali (ovvero in società che operano esclusivamente con clinetela italiana), stanno già malissimo.
Se consideraimo da una parte gli introiti (rake) e dall'altra le spese (autorizzazioni, software, hardware, dipendenti, promozioni, pubblicità, sponsorizzati, garantiti, etc .....) dubito che ci sia qualche room .it che quest'anno possa fare utili.
Non so se l'introduzione del cash possa cambiare le loro prospettive. Attualmente stanno in piedi solo perchè supportate da gruppi che fanno utili all'estero (Stars, Bwin, Party) o che hanno altri core business in Italia (Sisal, Snai, Lottomatica).
Vedo moltissima approssimazione e piani di marketing che, visti dall'esterno (dunque con notevoli limiti) spesso paiono fatti "per tentativi", senza che ci sia un'idea di investimenti/ritorni, specialmente in alcune room.

Dal punto di vista dei giocatori, se intendi il fatto che ben pochi possano pensarci di vivere nel tempo, quoto quanto già scritto da altri.
Il gioco è relativamente facile e pochissimi hanno un edge "naturale" in grado da sconfiggere con costanza rake/concorrenza, dato che le informazioni base su come giocare senza fare troppe puttanante sono disponibili a chiunque, gratis.
Rispetto a un anno fa, momenti di good run a parte, non c'è nessuno che possa pensare di guadagnare uguale da sit/mtt, a parità di skill. Ogni anno il field tenderà a livellarsi sempre più.
Anche le sponsorizzazioni che sono una delle basi della possibilità di viverci, a mio avviso sono destinate a restringersi di molto: il valore aggiunto che gli sponsorizzati portano alla room è quasi sempre di gran lunga inferiore alla spesa prevista per gli stessi. Naturalmente qualche grande nome potrebbe fare eccezione.

Almeno l'80% di quellli che pensano di fare i ppp tra 5 anni farà altro.
Il 20% che continuerà a fare bei soldi con costanza sono dei grandissimi, che in quanto tali sarebbero emersi anche in altri campi.

P.S.
Già oggi buona parte dei top player guadagnao più da attività collaterali (pubblicità, organizzazione tornei, ruolo manageriale nelle room, coaching, staking, etc) che dal gioco.

ikillu23
26-06-2010, 19:42
Io distinguirei il declino delle .it, in quanto poker room, dal declino delle prospettive dei giocatori.

Le poker room .it, in quanto tali (ovvero in società che operano esclusivamente con clinetela italiana), stanno già malissimo.
Se consideraimo da una parte gli introiti (rake) e dall'altra le spese (autorizzazioni, software, hardware, dipendenti, promozioni, pubblicità, sponsorizzati, garantiti, etc .....) dubito che ci sia qualche room .it che quest'anno possa fare utili.
Non so se l'introduzione del cash possa cambiare le loro prospettive. Attualmente stanno in piedi solo perchè supportate da gruppi che fanno utili all'estero (Stars, Bwin, Party) o che hanno altri core business in Italia (Sisal, Snai, Lottomatica).
Vedo moltissima approssimazione e piani di marketing che, visti dall'esterno (dunque con notevoli limiti) spesso paiono fatti "per tentativi", senza che ci sia un'idea di investimenti/ritorni, specialmente in alcune room.

Dal punto di vista dei giocatori, se intendi il fatto che ben pochi possano pensarci di vivere nel tempo, quoto quanto già scritto da altri.
Il gioco è relativamente facile e pochissimi hanno un edge "naturale" in grado da sconfiggere con costanza rake/concorrenza, dato che le informazioni base su come giocare senza fare troppe puttanante sono disponibili a chiunque, gratis.
Rispetto a un anno fa, momenti di good run a parte, non c'è nessuno che possa pensare di guadagnare uguale da sit/mtt, a parità di skill. Ogni anno il field tenderà a livellarsi sempre più.
Anche le sponsorizzazioni che sono una delle basi della possibilità di viverci, a mio avviso sono destinate a restringersi di molto: il valore aggiunto che gli sponsorizzati portano alla room è quasi sempre di gran lunga inferiore alla spesa prevista per gli stessi. Naturalmente qualche grande nome potrebbe fare eccezione.

Almeno l'80% di quellli che pensano di fare i ppp tra 5 anni farà altro.
Il 20% che continuerà a fare bei soldi con costanza sono dei grandissimi, che in quanto tali sarebbero emersi anche in altri campi.

P.S.
Già oggi buona parte dei top player guadagnao più da attività collaterali (pubblicità, organizzazione tornei, ruolo manageriale nelle room, coaching, staking, etc) che dal gioco.
ma scusa cmq nelle .com che esistono da 10 anni e passa c'e' gente che continua a battere il suo livello e camparci .. il grosso prob delle .it è il bacino dove non c'e' un grosso ricambio e le troppe room che disperdono il traffico ..se ci sarà una naturale aggregazione ..per arrivare ad un max 2-3 room .it sarebbe ideale per aver quel ricambio di players almeno ai low/midle stack dove l'edge è molto alto..per un reg "normale"

quello che vorrei capire è l'impatto del cash..non vorrei che fosse quello che ucciderà i sit e mtt

Ti Ringrazio
27-06-2010, 10:59
Penso che quello sia sicuro, ikillu.
Il cash rappresenta il 70% delle entrate sulle .com rispetto ai sit e mtt, di conseguenza in Italia ci sarà un' altrettanta riduzione di affluenza in quel settore.

E' stato un piacere conoscere le vostre opinioni, a presto.