PDA

Visualizza Versione Completa : Giochi online: sanzioni per chi viola la legge



Fiammaz
29-06-2008, 19:01
http://www.agicoscommesse.it/writable/datiarticoli/SFocus4.htm

AlexB81
29-06-2008, 19:17
quindi bloccano tutti i siti????

zio_slim
29-06-2008, 19:38
a me pare di aver capito che si tratta soltanto di un inasprimento di sanzioni pecuniarie per chi pubblicizza (tipo con banners, ecc...) siti di scommesse non autorizzati aams

Capellone
29-06-2008, 19:41
se la società proprietaria del portale che ospita i banner ha sede legale all\' estero e opera su server non italiani... beh... l\'aams gli fa una ricca e generosa pomxa... :lol: :lol:

Luciom
29-06-2008, 19:51
A me sembra che sia una richiesta per fastweb etc di negare l\'accesso ai siti di scommesse, poker, etc.

Però non si capisce niente in quei decreti (come al solito)

Fiammaz
29-06-2008, 19:54
Capellone ha scritto:

se la società proprietaria del portale che ospita i banner ha sede legale all\' estero e opera su server non italiani... beh... l\'aams gli fa una ricca e generosa pomxa... :lol: :lol:

Ma se è così allora tutti i siti su cui giochiamo adesso (che hanno sede non in Italia) rimarranno accessibili...

AlexB81
29-06-2008, 19:58
non lo so io son preoccupatissimo.Anche se han sede all estero che cambia posson bloccare l accesso i provider

dillon1977
29-06-2008, 20:06
AlexB81 ha scritto:

non lo so io son preoccupatissimo.Anche se han sede all estero che cambia posson bloccare l accesso i provider
E che siamo in cina???e gioco digitale allora???non si violerebbe la concorrenza cosi\'??Boh,ci vorrebbe un legale esperto nel settore........cmq lol,nn mi sono mai accorto che la sede della AAMS è sotto casa mia.......

Scimmiaperpoco
29-06-2008, 20:09
AlexB81 ha scritto:

non lo so io son preoccupatissimo.Anche se han sede all estero che cambia posson bloccare l accesso i provider

si infatti il problema è questo, fino a quando si limitano a bloccarli con i DNS....
bisogna vedere poi le singole room come si comportano, non penso che inteverranno tecnicamente solo per far giocare gli italiani e pure nella illegalità, anche se sarebbe solo un nostro problema avendo loro sede legali all\'estero.

Fiammaz
29-06-2008, 20:28
Scimmiaperpoco ha scritto:

AlexB81 ha scritto:

non lo so io son preoccupatissimo.Anche se han sede all estero che cambia posson bloccare l accesso i provider

si infatti il problema è questo, fino a quando si limitano a bloccarli con i DNS....
bisogna vedere poi le singole room come si comportano, non penso che inteverranno tecnicamente solo per far giocare gli italiani e pure nella illegalità, anche se sarebbe solo un nostro problema avendo loro sede legali all\'estero.

Mah, le singole room...per logica stanno al gioco di aams, perchè se no non si spiegherebbe il comportamento di pokerstars e full tilt: stanno acquistando la licenza o me lo sono sognato??? (se fanno cosi significa che faranno qualcosa per bloccare l\'accesso ai .com).
Ma non esistono responsabili di PS e FT per l\'Italia??? Cosi per chiedere cosa vogliono fare. Perchè, alla fine, siamo alle solite... NON SAPPIAMO NULLA, vergognoso

RaySantilli
29-06-2008, 20:35
secondo me come già ho detto altrove è un modo per prendere soldi dalle PR estere
comprano la licenza e ci lasceranno giocare
non potendo rompere alle PR direttamente visto che hanno sedi estere rompono a chi ci collega a loro
Ora aumenteranno il rake per i giocatori italiani :laugh:
:laugh:

Fiammaz
29-06-2008, 20:47
AlexB81 ha scritto:

non lo so io son preoccupatissimo.Anche se han sede all estero che cambia posson bloccare l accesso i provider

Ma dai su...al max lasci il cash e ti dai ai sit sui siti italiani con il rake vantaggiosissimo

Beatme
29-06-2008, 21:19
se non fosse per gli amici e per la cucina avrei già lasciato questo paese da tempo. Il discorso è sempre lo stesso, siamo e resteremo anni luce indietro rispetto agli altri paesi. Tempo dieci anni e il burundi ci supera!

Poi pensavo che col nuovo governo di destra le cose sarebbero migliorate invece...tutto il contrario. Prendiamo per il culo il governo comunista cinese perchè censura tutto...bhe noi ci stami avvicinando a qualcosa del genere.

Ogni giorno nasce una nuova federazione di poker live ma nessuno si è mai interessato seriamente a questo problema. Ci vorrebbe una associazione NO PROFIT che lottasse per i nostri diritti, e su tutti:

- Il diritto a spendere i miei soldi come cazzo mi pare
- Il diritto a giocare dove è più semplice e CONVENIENTE

visto che so che c\'è gente che manda continuamente mail all\'aams...xchè non aprire un sito di protesta per far sentire la nostra voce?

Io la butto li

Fiammaz
29-06-2008, 21:28
Non è una brutta idea...no no assolutamente, la cosa sarebbe fattibile e sicuramente forse, si potrebbe far sul serio qualcosa. Si potrebbe spargere la voce sui vari forum e coinvolgere le associazioni live e perchè no le riviste del settore

dillon1977
29-06-2008, 22:27
Be@tme ha scritto:

se non fosse per gli amici e per la cucina avrei già lasciato questo paese da tempo. Il discorso è sempre lo stesso, siamo e resteremo anni luce indietro rispetto agli altri paesi. Tempo dieci anni e il burundi ci supera!



- Il diritto a spendere i miei soldi come cazzo mi pare
- Il diritto a giocare dove è più semplice e CONVENIENTE

visto che so che c\'è gente che manda continuamente mail all\'aams...xchè non aprire un sito di protesta per far sentire la nostra voce?

Io la butto li
Giustamente giocare cash game online è reato,nn si puo\' e nn si deve,si rischia dipendenza e quant\'altro.Poi pero\' è legalissimo spendere tutto lo stipendio ai gratta e vinci da 5 e 10 euro(tendenza soprattutto del sud italia) o giocarsi 3/4 di pensione al bingo(vedi servizio di report su rai3 di qualche sett fa).Li\' non cè dipendenza,macchinette videopoker NON C\'E\' dipendenza.....nono!!
Cmq se vi puo\' interessare proprio qualche giorno fa un\'azienda del bolognese mi ha chiesto consulenza IT per delle future macchinette che la AAMS vuole mettere in circolazione.Dalle info che sono riuscito a \"rubare\" si va dal classico videopoker a nuove macchine per giocare hold\'em.Ci sara\' una smart card per collegare in rete la macchina con il sistema informativo AAMS per il monitoraggio costante delle giocate e delle vincite ed eliminare in maniera definitiva quelle taroccate.L\'unica cosa che nn ho capito è il sistema di riscossione vincite.....Come al solito le cose sono \"illegali\" se lo stato non ha un ritorno economico......

AlexB81
29-06-2008, 22:32
c è la poker player alliance in usa qui no secondo voi si riesce a far qualkosa prima che accadano dei disastri?
A parte questo tutto cio è contro il libero mercato blablabl...

Fiammaz
29-06-2008, 22:40
AlexB81 ha scritto:

c è la poker player alliance in usa qui no secondo voi si riesce a far qualkosa prima che accadano dei disastri?
A parte questo tutto cio è contro il libero mercato blablabl...

Il casino è che non sappiamo bene di cosa lamentarci, perchè non ci sono stati dati i dettagli delle operazioni che vuole fare lo Stato. Se sapessimo bene le cose allora si potrebbe fare qualcosa, ma in queste condizioni dubito. L\'idea di fare un sito e/o un associazione che cerchi di difendere i nostri diritti ci sta tutta e vale la pena di tentare. Ma bisogna muoversi, perchè finchè non sono attive le room .it forse, ma dico forse, si può fare qualcosa, ma dopo ce lo prendiamo tutto nel CxxO.

Beatme
29-06-2008, 23:15
inizierei col lamentarmi contro la censura imposta dallo stato nei confronti dei siti che loro dichiarano insicuri???? ma loooooooooool s epokerstars e party fatturano + di 10 big aziende italiane messe insieme!!!!

Poi lotterei affinchè il poker online diventasse legale, MA come lo vogliamo noi, non loro!

AlexB81
29-06-2008, 23:15
comunque ovunque è scritto che il blocco siti gia come è ore è fuori norma per UE:

http://it.pokernews.com/news/2008/1/siti-nnon-raggiungibili-blocco-aams.htm

http://antioscuramento.com/

Beatme
29-06-2008, 23:19
si appunto ma siccome alla UE se ne sbattono ci vuole qualcuno che parli per noi e gli dia una smossa

Fiammaz
29-06-2008, 23:21
Infatti io è già da tanto che dico di provare a fare qualcosa...

AlexB81
29-06-2008, 23:21
quindi cosa possiam fare?suggets?

Fiammaz
29-06-2008, 23:28
Possiamo PROVARE a fare qualcosa...ma tutti devono sostenere la causa

AlexB81
29-06-2008, 23:32
io ho trovato questo:

http://www.hwupgrade.it/forum/archive/index.php/t-1581226.html

nel secondo post si parla di un avvocato che sostiene illegale il blocco ovviamente ...l ho googlato e trovato questo:

http://www.blegal.it/in/article/53/stefano-sbordoni

Fiammaz
29-06-2008, 23:35
MA è una questione diversa, quello riquarda l\'oscuramento... giorni fa si parlava di restrizione di ip che è peggio

Beatme
29-06-2008, 23:58
qualcosa si può fare, voi se volete continuate il discorso, io dopo il 750k gtd vi dirò la mia su quel che si può fare.

AlexB81
29-06-2008, 23:58
In realta per inibizione si intende quello che c è ora è lo stesso termine usato qui:

http://www.agicoscommesse.it/writable/datiarticoli/27_06_08_v21.htm

dove dicono che bloccano gli ip io non ho trovato...

Fiammaz
30-06-2008, 00:11
Be@t credo che tutti siamo interessati

Capellone
30-06-2008, 00:33
Ragazzi... non diciamo inesattezze... al momento attuale le poker room non sono sanzionabili nè tantomeno lo sono i giocatori italiani che giocano su room non autorizzate aams. Semplicemente la legge italiana, al momento, vieta ai provider italiani di fornire collegamento alle succitate poker rooms. Se cambiamo i dns non violiamo nessuna legge, nè tantomeno giocando su Pokerstars o Full Tilt... chiaro è che nel momento in cui ritiriamo delle vincite e non le denunciamo siamo passibili di denuncia per evasione fiscale, omessa dichiarazione ecc ecc.
Ora resta un ultimo nodo... come può il fisco italiano accertare che pinco pallino ha tirato giù 40K in 3 mesi da Full Tilt o Pokerstars ? semplice... non possono... per il semplice fatto che queste hanno sede dove il fisco italiano non ha potere... dubito che venga fatta una rogatoria internazionale per inchiappettarsi chi trae profitti non dichiarati dal poker online. (OVVIAMENTE questo è il motivo per cui ogni giocatore normodotato intellettualmente dovrebbe utilizzare neteller per le proprie transazioni ;) )

Ripeto: al momento attuale giocare a poker online NON E\' ILLEGALE. Sfido chiunque a citarmi un articolo del codice italiano in cui ci si vieti questa pratica.
Ricordo anche che la giurisprudenza italianaè in netto contrasto con le disposizioni UE e che il nostro Paese sta già pagando signore multe per il sopruso usato nei confronti delle room oscurate a cui si vieta il mercato italiano. Nel caso in cui qualcuno venga preso e perseguito per la pratica del gioco online, se passati i gradi di giudizio in italia non viene riconosciuto il sopruso subito, si fa ricorso alla Corte di Giustizia Europea e state sereni che i magistrati italiani si mettono tutti a chiappe per aria... Secondo voi perchè a NESSUNO è stato mai torto un capello fino ad ora ? Perchè non riescono a provare che Capellone gioca su Noiqpoker o Full Tilt ? Non penso proprio... semplicemente perchè NON POSSONO FARCI NIENTE... Capellone PUO\' giocarci... Capellone a fare le penne in faccia agli sbirri e gli sbirri muuuuuuuti.... :P :P :P :P :P :P :P
State sereni... a meno che non si esca dall\' Europa, si batta moneta propria, si chiudano i confini, si esca da Schengen e si ripudi l\' Istituzione Europea tutta, quindi se lasciamo fare a Bossi e ai suoi sgherri :P :P :P :P , non corriamo alcun pericolo.

Fiammaz
30-06-2008, 00:37
Capellone ha scritto:

Ragazzi... non diciamo inesattezze... al momento attuale le poker room non sono sanzionabili nè tantomeno lo sono i giocatori italiani che giocano su room non autorizzate aams. Semplicemente la legge italiana, al momento, vieta ai provider italiani di fornire collegamento alle succitate poker rooms. Se cambiamo i dns non violiamo nessuna legge, nè tantomeno giocando su Pokerstars o Full Tilt... chiaro è che nel momento in cui ritiriamo delle vincite e non le denunciamo siamo passibili di denuncia per evasione fiscale, omessa dichiarazione ecc ecc.
Ora resta un ultimo nodo... come può il fisco italiano accertare che pinco pallino ha tirato giù 40K in 3 mesi da Full Tilt o Pokerstars ? semplice... non possono... per il semplice fatto che queste hanno sede dove il fisco italiano non ha potere... dubito che venga fatta una rogatoria internazionale per inchiappettarsi chi trae profitti non dichiarati dal poker online. (OVVIAMENTE questo è il motivo per cui ogni giocatore normodotato intellettualmente dovrebbe utilizzare neteller per le proprie transazioni ;) )

Ripeto: al momento attuale giocare a poker online NON E\' ILLEGALE. Sfido chiunque a citarmi un articolo del codice italiano in cui ci si vieti questa pratica.
Ricordo anche che la giurisprudenza italianaè in netto contrasto con le disposizioni UE e che il nostro Paese sta già pagando signore multe per il sopruso usato nei confronti delle room oscurate a cui si vieta il mercato italiano.
State sereni... a meno che non si esca dall\' Europa, si batta moneta propria, si chiudano i confini, si esca da Schengen e si ripudi l\' Istituzione Europea tutta, quindi se lasciamo fare a Bossi e ai suoi sgherri :P :P :P :P , non corriamo alcun pericolo.

Me lo auguro, in un certo senso mi rassicuri, ma non del tutto. Dopo tutto sto casino, gli skill games risulteranno un flop??? Dai qualcosa per impedirci di giocare lo faranno

Capellone
30-06-2008, 00:39
occhio... gli skill games restano l\'unico modo per vincere legalmente... non l\'unico modo per giocare legalmente... perchè le vincite di giocodigitale sono tassate... quelle di FT no... ;)
per ovviare a questo problema... usa neteller e la neteller card... i tuoi soldi non entreranno MAI in territorio italiano e il fisco italiano non ti potrà dire assolutamente nulla ;)
Ragiona... negli USA come hanno fatto a bloccare il gioco ? Si sono inchiappettati chi muoveva i $$$... non hanno chiuso le room... è l\'unico modo per metterci i bastoni tra le ruote... ma l\' Italia non può farlo... perchè sennò è l\' Europa che si inchiappetta l\' Italia ;)

Fiammaz
30-06-2008, 00:44
Capellone ha scritto:

occhio... gli skill games restano l\'unico modo per vincere legalmente... non l\'unico modo per giocare legalmente... perchè le vincite di giocodigitale sono tassate... quelle di FT no... ;)
per ovviare a questo problema... usa neteller e la neteller card... i tuoi soldi non entreranno MAI in territorio italiano e il fisco italiano non ti potrà dire assolutamente nulla ;)
Ragiona... negli USA come hanno fatto a bloccare il gioco ? Si sono inchiappettati chi muoveva i $$$... non hanno chiuso le room... è l\'unico modo per metterci i bastoni tra le ruote... ma l\' Italia non può farlo... perchè sennò è l\' Europa che si inchiappetta l\' Italia ;)

Ma scusa allora PS che acquista la licenza per l\'Italia non fa una mossa -EV? Tanto tutti giocano sul .com

Capellone
30-06-2008, 00:52
Personalmente ritengo il fatto che Pokerstars compri la licenza totalmente ininfluente... si tolgono il fastidio della licenza investendo una cifra per loro irrisoria... Acquistando la licenza, in compenso, possono fare pubblicità a tamburo battente in italia sul gioco in real money... pubblicizzeranno la loro piattaforma e poi a passare dalla tournament mode alla .com ci vuole davvero poco.... sicuramente non lo fanno per avere mercato per una versione tournament mode... ma per la .com ... ce la vedete pokerstars che invita i giocatori italiani a fare solo tornei ? :lol: :lol: :lol: io no... :)

Un caso analogo al nostro è stato vissuto in Polonia... là l\' Europa si è già inchiappettata chi di dovere e infatti stanno mollando la presa... qui in Italia è solo questione di tempo...
Grazie a Dio c\'è l\' Europa... altrimenti staremmo esclusivamente nelle mani di incompetenti mangioni...

Fiammaz
30-06-2008, 00:57
Capellone ha scritto:

Personalmente ritengo il fatto che Pokerstars compri la licenza totalmente ininfluente... si tolgono il fastidio della licenza investendo una cifra per loro irrisoria... Acquistando la licenza, in compenso, possono fare pubblicità a tamburo battente in italia sul gioco in real money... pubblicizzeranno la loro piattaforma e poi a passare dalla tournament mode alla .com ci vuole davvero poco.... sicuramente non lo fanno per avere mercato per una versione tournament mode... ma per la .com ... ce la vedete pokerstars che invita i giocatori italiani a fare solo tornei ? :lol: :lol: :lol: io no... :)

Un caso analogo al nostro è stato vissuto in Polonia... là l\' Europa si è già inchiappettata chi di dovere e infatti stanno mollando la presa... qui in Italia è solo questione di tempo...
Grazie a Dio c\'è l\' Europa... altrimenti staremmo esclusivamente nelle mani di incompetenti mangioni...

Mi hai convinto ;)

IronVaks
30-06-2008, 01:09
Capellone ha scritto:


Un caso analogo al nostro è stato vissuto in Polonia... là l\' Europa si è già inchiappettata chi di dovere e infatti stanno mollando la presa... qui in Italia è solo questione di tempo...
Grazie a Dio c\'è l\' Europa... altrimenti staremmo esclusivamente nelle mani di incompetenti mangioni...
Cosa è accaduto in Polonia?

zio_slim
30-06-2008, 01:33
Capellone ha scritto:

Ragazzi... non diciamo inesattezze... al momento attuale le poker room non sono sanzionabili nè tantomeno lo sono i giocatori italiani che giocano su room non autorizzate aams. Semplicemente la legge italiana, al momento, vieta ai provider italiani di fornire collegamento alle succitate poker rooms. Se cambiamo i dns non violiamo nessuna legge, nè tantomeno giocando su Pokerstars o Full Tilt... chiaro è che nel momento in cui ritiriamo delle vincite e non le denunciamo siamo passibili di denuncia per evasione fiscale, omessa dichiarazione ecc ecc.

Ripeto: al momento attuale giocare a poker online NON E\' ILLEGALE. Sfido chiunque a citarmi un articolo del codice italiano in cui ci si vieti questa pratica.

ahiahiahi bacchettata per capellone... :P
Per la cronaca ricordo che il texas hold\'em cash è considerato gioco d\'azzardo (lol), quindi si applica il seguente articolo:

cito articolo 720 del codice penale (http://it.wikisource.org/wiki/Codice_Penale/Libro_III/Titolo_I#Art._720_Partecipazione_a_giuochi_di_azza rdo):

Art. 720 Partecipazione a giuochi di azzardo

Chiunque, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, o in circoli privati di qualunque specie, senza esser concorso nella contravvenzione preveduta dall\'articolo 718, è colto mentre prende parte al giuoco d\'azzardo, è punito con l\'arresto fino a sei mesi o con l\'ammenda fino a lire un milione. La pena è aumentata: 1) nel caso di sorpresa in una casa da giuoco o in un pubblico esercizio; 2) per coloro che hanno impegnato nel giuoco poste rilevanti.

ora la fattispecie che si giochi online da casa propria in una casa da gioco non autorizzata che però si trova in Costarica o alle Bahamas di sicuro va ad infilarsi in una sorta di \"vuoto\" legislativo dovuto al fatto che il fenomeno delle scommesse online è abbastanza recente e quindi ancora parzialmente deregolamentato.
Ma di sicuro non ci si può trincerare dietro questo vuoto e dire \"è legale\", perchè legale non è.
Altrimenti (ipotesi) mettiamo che nel paese di Cicciolandia sia legale stuprare i bambini e diffondere i video; teoricamente un pedofilo in Italia allora potrebbe collegarsi a un sito con i server nel paese di Cicciolandia e guardare filmati di bambini stuprati tutto il giorno senza commettere reato? Dubito fortemente.

Il fatto che per ora sia tutto \"tollerato\" non deve cmq far sentire un giocatore tutelato dal codice perchè non lo è.

P.S: tra l\'altro credo che molti pokeristi avrebbero seri problemi anche con l\'articolo 724 :laugh:

Capellone
30-06-2008, 02:03
bravo Zio... hai sottolineato un passaggio importante. Il Baco Legale che è stato lasciato aperto, attulamente lascia scoperta totalmente qualsiasi attività online. La legge dice che non possiamo giocare in luogo pubblico o privato. Per questo dico che ANCORA possiamo giocare senza problemi. Perchè NESSUN ARTICOLO fa espresso divieto di giocare online. Se giochiamo al circolo è illegale, perchè la legge lo vieta espressamente. Che si stia in un limbo giuridico è fuori di dubbio perchè non è pratica su cui si è legiferato. Ma proprio questo buco giuridico tutela i giocatori.

Altro punto:
Io aprendo Pokerstars non gioco d\'azzardo. Utilizzo un software che ha licenza per operare in Europa. E, purtroppo per lo stato italiano, le leggi europee hanno precedenza giuridica su quelle nazionali :lol: :lol: :lol:

P.S.

Il codice penale serve a dire ciò che non si può fare. Tutto quello che non è indicato come reato non è passibile di multa, ammenda o pena ;)

P.P.S.

allora è vero che i Bocchiniani la laurea la vincono con i punti agli happy hour sul naviglio... :lol: :lol: :lol:

Capellone
30-06-2008, 02:35
allora... ho fatto una bella ricerca sul codice e online...
e devo ammettere che mi sono sbagliato sulla liceità del gioco del poker online.
O meglio... non mi sono sbagliato in toto... ho detto un\' inesattezza nel momento in cui ho affermato l\'inesistenza di articoli che vietassero questa pratica... l\'articolo c\'è, ma cozza con quanto detto recentemente dalla Corte di Giustizia Europea.
Vado a rendere un po\' più incasinate le idee con lo snocciolamento dei succitati articoli :

Allora, prima di tutto, (anche per parare le chiappe a chi ci dà spazio su questo portale) devo dire che giocare d\'azzardo in Internet ed attraverso Internet costituisce attività illecita, sia per chi predisponga le strutture per giocare sia per il giocatore stesso.

Infatti tutta la materia è regolata da alcune norme del Codice Penale, dal Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza e dalla più recente legge sui giochi d\'azzardo \"automatici\", n.401 del 13.12.1989.

Esaminiamo con attenzione quello che dice la legge; l\'art. 718 del Codice Penale recita testualmente:

718. Esercizio di giuochi d\'azzardo.

Chiunque in un luogo pubblico o aperto al pubblico, o in circoli privati di qualunque specie, tiene un giuoco d\'azzardo o lo agevola è punito con l\'arresto da tre mesi ad un anno e con l\'ammenda non inferiore a lire quattrocentomila.

Per inciso, le disposizioni contenute nel presente articolo non si applicano ai fatti commessi a bordo delle navi passeggeri iscritte nel Registro internazionale, durante il periodo di navigazione al di là del mare territoriale, in virtù di quanto disposto dall\'art. 5, D.L. 30 dicembre 1997, n. 457.

Da qui ancora una volta abbiamo la prova che, non esistendo in Internet le c.d. \"acque internazionali\", zona franca, non è possibile in via di principio applicare alla rete i concetti propri del diritto della navigazione.

Si potrebbe obiettare a questo punto che il reato viene commesso all\'estero, ma anche qui la giurisprudenza ha chiarito che:

La raccolta in territorio italiano di scommesse e giocate concernenti \"avvenimenti sportivi esteri\" da parte di un allibratore estero, che si avvalga in Italia di un intermediario il quale curi la trasmissione delle puntate giocate al primo, integra gli estremi del reato di cui all\'art. 4 della legge 13 dicembre 1989 n. 401. Infatti, il capoverso del primo comma dello stesso art. 4 della legge n. 401 del 1989 punisce \"chiunque partecipi\" all\'organizzazione di pubbliche scommesse su competizioni di persone o animali e giuochi di abilità (diverse da quelle specificamente descritte nella prima parte della norma) \"mediante la raccolta di prenotazione di giocate e l\'accreditamento delle relative vincite e la promozione e la pubblicità effettuate con qualunque mezzo di diffusione\": partecipare all\'organizzazione non implica che la stessa, intesa come complesso organico e stabile di persone e di cose, si dispieghi totalmente o prevalentemente in territorio italiano nè che quivi venga posta in essere un\'attività costituente \"presupposto indefettibile di operatività\" dell\'organizzazione medesima, ma significa dare, comunque, un contributo efficiente all\'attività organizzata, sicchè;, ed è la stessa previsione legislativa ad affermarlo, la raccolta delle puntate, la riscossione delle poste ed il pagamento delle vincite in territorio nazionale integrano un evidente apporto partecipativo all\'organizzazione delle scommesse, frustrando l\'interesse fiscale dello Stato all\'esercizio in regime di monopolio ed al controllo della gestione di giuochi lucrativi a carattere collettivo. (Sez. III, sent. n. 2449 del 26-09-1997)

Quindi sicuramente anche colui che metta a disposizione il server web oppure in qualche modo favorisca il gioco d\'azzardo ovvero anche semplicemente l\'utilizzazione di \"macchine automatiche\" attraverso la rete attua un comportamento che può integrare gli estremi del reato del quale stiamo parlando.

Infatti la legge n.401/1989, all\'art. 4, tra l\'altro afferma:

1. Chiunque esercita abusivamente l\'organizzazione del giuoco del lotto o di scommesse o di concorsi pronostici che la legge riserva allo Stato o ad altro ente concessionario, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni.

E\' quindi abbastanza evidente come il termine \"organizzazione\" sia abbastanza onnicomprensivo da poter far rientrare in tale concetto praticamente qualunque attività in qualunque forma organizzata, e - conseguentemente - anche quelle effettuate attraverso la rete.

Attenzione perchè il comma 3 dell\'articolo appena citato punisce anche chi gioca; infatti:

3. Chiunque partecipa a concorsi, giuochi, scommesse gestiti con le modalità di cui al comma 1, fuori dei casi di concorso in uno dei reati previsti dal medesimo, è punito con l\'arresto fino a tre mesi o con l\'ammenda da lire centomila a lire un milione.

Se poi esaminiamo l\'art. 110 del T.U. delle leggi di pubblica sicurezza, questo al 3 comma afferma:

L\'installazione e l\'uso di apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da gioco d\'azzardo sono vietati nei luoghi pubblici o aperti al pubblico e nei circoli ed associazioni di qualunque specie.

Per poi continuare ai commi 4 e 5:

Si considerano apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici per il gioco d\'azzardo quelli che hanno insita la scommessa o che consentono vincite puramente aleatorie di un qualsiasi premio in denaro o in natura che concretizzi lucro, escluse le macchine vidimatrici per il gioco del Totocalcio, del Lotto, dell\'Enalotto e del Totip.

Si considerano apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da trattenimento e da gioco di abilità quelli in cui l\'elemento abilità e trattenimento è preponderante rispetto all\'elemento aleatorio.

Quindi possono ben rientrare nel concetto di \"congegno automatico ed elettronico\" anche un programma che funzioni attraverso la rete; in fondo, ricordiamolo, da qualche parte nel mondo esiste qualche computer dove \"fisicamente\" risiede il programma.

Ancora attenzione al fatto che il gioco è considerato illecito anche se svolto in circoli privati, così come ha chiarito la Cassazione Sez. 1 con la sentenza n.7237 de 23.06.94:

In tema di gioco d\'azzardo, il fatto che il videogioco non sia in un luogo pubblico, ma in un circolo privato, non ha alcun rilievo, dato che sia l\'art. 718 cod. pen. che l\'art. 110 del T.U.L.P.S. puniscono il fatto in essi previsto anche se commesso in circoli privati.

E veniamo adesso a considerare la posizione del \"giocatore\"; secondo la legge italiana commette un illecito penale anche questi; infatti l\'art. 720 del Codice Penale dice che:

Chiunque, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, o in circoli privati di qualunque specie, senza essere concorso nella contravvenzione preveduta dall\'articolo 718, è colto mentre prende parte al giuoco d\'azzardo, è punito con l\'arresto fino a sei mesi o con l\'ammenda fino a lire un milione.

Ed anche qui la Cassazione ha chiarito che (Sez. III, sent. n. 1983 del 27-02-1985):

Il prendere parte al giuoco d\'azzardo, indica l\'attività di chi, scommettendo o puntando, distribuendo o ricevendo carte per giocare, o in altro modo, partecipa al giuoco da altri tenuto.

Quindi nessuna possibilità di sfuggire alla legge.

BADATE BENE PERO\' :

Da ultimo però occorre spiegare che il vero problema per l\'investigatore è cogliere\" con le \"mani nel sacco\" sia il gestore che il giocatore; orbene, se l\'attività di organizzazione, presupponendo una stabile organizzazione, può essere smascherata con le normali tecniche di \"intelligence\", unitamente ad un corretto tracciamento dei dati reperibili nella rete, sicuramente la seconda ipotesi (quella che riguarda il giocatore) è di più difficile realizzazione.

Infatti connettendosi in maniera sporadica alla rete, il giocatore può più facilmente sfuggire e soprattutto, potrebbe essere di fatto troppo dispendioso in termini di dispiego di forze da parte dell\'Autorità, tracciare l\'attività del giocatore sulla rete e contemporaneamente predisporre attraverso i normali mezzi investigativi l\'arresto in flagranza dello stesso. C\'è da sottolineare poi come quanto descritto come penalmente rilevante qui sopra sia del tutto lecito a detta della Corte di Giustizia Europea, organo massimo in tema di giurisprudenza in Europa.

ricordiamo, quindi, l\'illiceità del comportamento per la legge Italiana, e la liceità per la Corte Europea.
Da sottolineare che quanto detto dalla Corte Europea deve essere accettato e applicato dalle dottrine nazionali. Ricordiamo che lo Stato Italiano (NOI) sta pagando multe salate per i provvedimenti contro alcuni provider, e che tali provvedimenti sono stati aspramente perseguiti già in Polonia. Altro caso di disallineamento della legislatura locale ed europea è quello Francese. Caso di cui vedremo presto la conclusione.

Per quanto poco possa valere, il mio parere è che si possa giocare serenamente semplicemente perchè è, nella pratica, IMPOSSIBILE ED IMPENSABILE che qualcuno vi dica \"A\". In Italia, da che esiste il gioco online, non esiste giursprudenza riguardante persone colte a giocare online e perseguite penalmente. Se lo avessero voluto fare, lo avrebbero fatto, statene certi.

Spero di non aver portato troppa confusione alla questione ;)


P.S.

vorrei anche far notare le date in cui queste leggi sono entrate in vigore... viviamo nella preistoria giuridica... si legifera su ogni cagata che interessi i potenti ma quando c\'è da mettere chiarezza in una materia che muove un sacco di soldi e interessa decine (centinaia? ) di migliaia di cittadini allora tutto si risolve in un nulla di fatto... skyfo...

Luciom
30-06-2008, 08:29
Chiunque, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, o in circoli privati di qualunque specie

Questo esclude ovviamente casa propria, infatti come ti ho detto anche dal vivo NON è illegale se vieni da me e facciamo a gari di sputi in alto scommettendo 100 eur. E\' illegale se tessero un tot di gente e apro casa mia con regolarità a un gruppo di persone (v. circolo privato di qualunque specie).
Quindi per il CP posso giocare in casa mia d\'azzardo (online o meno) per quanto mi pare a alto quanto voglio.

Porto a controesempio il download di materiale pirata che è specificatamente illegale; nn è illegale solo possedere il sito che ne consente il download, ma anche l\'atto fisico di scaricare il file.

Stars e gli altri fanno reato in Italia quando mi consentono di giocare, anche da casa mia (v. post stralungo di capellone).

Per il resto quoto su tutto capellone, compresi i post a pag 2-3 del 3ead, le conseguenze etc.

GbjAndyS
30-06-2008, 08:49
Porto la mia esperienza:

Questa mattina volevo creare per la prima volta un account su PartyPoker per smarcare il bonus che avevo visto su PSO (www.pokersourceonline.com)

Tramite OpenDNS ho scaricato il software, fin qui tutto bene.

Una volta creato l\'utente mi sono loggato e ho tentato di effettuare il deposito in denaro come da richiesta per il bonus... mi e\' apparso un messaggio che diceva che i giocatori provenienti dall\'Italia non potevano effettuare questa operazione !

Ho scritto all\'assistenza e poco dopo mi ha risposto un gentilissimo operatore, dicendomi che si scusava ma attualmente avevano bloccati la possibilita\' a tutti i nuovi account ITALIANI di effettuare versamenti.

Potevo solo giocare tramite i \"soldi virtuali\".

Francamente sono preoccupato anche io della situazione... non dal punto di vista monetario, siccome non sono pro, ma del fatto che non possa piu\' a continuare questo hobby... proprio ora che cominciavo ad ingranare !!!

Fiammaz
30-06-2008, 09:20
GbjAndyS ha scritto:

Porto la mia esperienza:

Questa mattina volevo creare per la prima volta un account su PartyPoker per smarcare il bonus che avevo visto su PSO (www.pokersourceonline.com)

Tramite OpenDNS ho scaricato il software, fin qui tutto bene.

Una volta creato l\'utente mi sono loggato e ho tentato di effettuare il deposito in denaro come da richiesta per il bonus... mi e\' apparso un messaggio che diceva che i giocatori provenienti dall\'Italia non potevano effettuare questa operazione !

Ho scritto all\'assistenza e poco dopo mi ha risposto un gentilissimo operatore, dicendomi che si scusava ma attualmente avevano bloccati la possibilita\' a tutti i nuovi account ITALIANI di effettuare versamenti.

Potevo solo giocare tramite i \"soldi virtuali\".

Francamente sono preoccupato anche io della situazione... non dal punto di vista monetario, siccome non sono pro, ma del fatto che non possa piu\' a continuare questo hobby... proprio ora che cominciavo ad ingranare !!!

Party ha già chiuso le porte agli italiani un bel po\' di tempo fa

zio_slim ha scritto:]


P.S: tra l\'altro credo che molti pokeristi avrebbero seri problemi anche con l\'articolo 724 :laugh:

Articolo 724 Bestemmia e manifestazioni oltraggiose verso i defunti
:laugh: :laugh: :laugh: :laugh: :laugh:

GbjAndyS
30-06-2008, 09:25
Ok, quindi e\' stata una banale coincidenza... meglio cosi\'... anche se sul sito di PartyPoker non avevo visto riferimenti espliciti a questa cosa.

Sapete di altri siti che effettuano questo blocco ?

Perche\' parlavate anche di PokerStars ?

Fiammaz
30-06-2008, 09:30
GbjAndyS ha scritto:


Perche\' parlavate anche di PokerStars ?

Parlavamo di pokerstars perchè comprerà la licenza italiana e quindi, secondo me, poteva bloccare gli utenti italiani del .com e trasferirli sul .it

Miglio
30-06-2008, 09:35
se ci sbatton dentro io porto le carte... qualcuno ha le fiches?:dry: :laugh:

p.s. non voglio stare in cella col galb.


se è illegale solo ritirare le vincite sono tranquillo.

YellowPecora
30-06-2008, 10:08
Ragazzi ma ci sono poker room \"legali\" in Italia?

Se sì quali?

gimmy81
30-06-2008, 10:24
YellowPecora ha scritto:

Ragazzi ma ci sono poker room \"legali\" in Italia?

Se sì quali?

gioco digitale :X

TheNicki
30-06-2008, 10:27
YellowPecora ha scritto:

Ragazzi ma ci sono poker room \"legali\" in Italia?

Se sì quali?

Gioco digitale.it, ma senza cash game, e credo inizi a potersi giocare a soldi dai primi di Luglio, ma non ne sono sicuro...

Miglio io ho le fiches. GalB lo mettiamo in isolamento, altrimenti ci stupra tutti :)


Party è un annetto almeno che ha bloccato l\'accesso ai giocatori italiani, e credo che sia l\'unica poker room ad aver sposato questa politica.

GbjAndyS
30-06-2008, 10:44
Se giocare online e\' cosi\' severamente vietato dalla legge, come e\' possibile che alcuni giocatori italiani siano sponsorizzati dalle piu\' note poker-rooms ?

Non hanno paura di essere perseguiti dalla finanza ?

In fondo hanno la loro faccia sui banner con nome e cognome, non e\' cosi\' difficile identificarli come quando si gioca da casa...

Fiammaz
30-06-2008, 10:46
GbjAndyS ha scritto:

Se giocare online e\' cosi\' severamente vietato dalla legge, come e\' possibile che alcuni giocatori italiani siano sponsorizzati dalle piu\' note poker-rooms ?

Non hanno paura di essere perseguiti dalla finanza ?

In fondo hanno la loro faccia sui banner con nome e cognome, non e\' cosi\' difficile identificarli come quando si gioca da casa...

Questo è un punto interessante... E poi pensate se Minieri, abituato a giocare gli hu da 1K+ dovrà scendere a giocare gli HU da 100 euro....lol

LuCkyTD
30-06-2008, 12:07
Cmq i pro generalmente sponsorizzano la versione .net della poker room, almeno in Italia...Riguardo i pro che non potrebbero più giocare ai propri livelli, fossi in loro emigrerei :D

Scimmiaperpoco
30-06-2008, 12:30
Putroppo ancora dai post non è emersa nessuna certezza, quindi si parla solo in base ad ipotesi...

l\'unica certezza emersa, che condivido, è la paura fottuta di finire in cella insieme a galb che non aspetta altro..., anche se credo che alcuni tipo irto siano in bluff... :laugh: :laugh: :laugh: :laugh: :laugh:

BaZzoR85
30-06-2008, 12:33
karma up x capellone per il post.

p.s: meno male che scappo in america 3 mesi :laugh:

Luciom
30-06-2008, 12:35
I fossi minieri mi preoccuperei di pagare le tasse sui soldi che riceve dallo sponsor, e sulle vincite anche fatte all\'estero, cosa che nn so se sta facendo.

massi8183
30-06-2008, 12:49
Queste sono le solite ca*ate che AAMS mette in atto per scoraggiare i giocatori Italiani ed in effetti qualcuno alla fine molla.

Su un forum di scommesse ho trovato un utente che prendendo paura ha scritto a Betfair per sapere quali rischi corresse e questa è stata la risposta:


Visto che volevo dormire ancora più tranquillo ho mandato una @ a Betfair... questa è la loro risposta:

On 19/06/08

Gentile xxxxxxx,

Ti ringraziamo per averci contattato.

Desideriamo informarti che gli utenti che scommettono con Betfair.com non corrono nessun rischio di nessun tipo. Il governo italiano intima ai provider di bloccare l\'accesso ad alcuni siti ma per l\'utente finale non e\' prevista nessuna sanzione qualora attraverso la sua connessione internet riesca a raggiungere i server dei siti bloccati.

Cordiali saluti.

Giovanni *********

Capisco che chi vive di poker come Luciom ed AlexB81 (a proposito complimenti per il blog, veramente ben fatto) possa preoccuparsi...ma a tutto c\'è una soluzione:
2 o 3 anni fa alcuni miei conoscenti che vivevano scaricando il gioco [preso a \"nero\"] su Betfair (scommesse sportive) per non avere ne problemi di oscuramento (che sarebbe il meno) ne problemi con la giustizia, hanno affittato una casa un passo fuori Ventimiglia...et voila, ecco superato l\'ostacolo ;)

Questa è una storia che va avanti da qualche anno e la finale è sempre quella:
lo Stato Italiano (lo scrivo maiuscolo, ma sarebbe da fare il contrario) non potrà mai e poi mai fare niente per impedire che un utente Italiano possa collegarsi, giocare o scommettere con questi siti...almeno finchè restiamo in Europa :lol:

Quindi no fear boys!!

:kiss:

Capellone
30-06-2008, 12:56
massi8183 ha scritto:


lo Stato Italiano (lo scrivo maiuscolo, ma sarebbe da fare il contrario) non potrà mai e poi mai fare niente per impedire che un utente Italiano possa collegarsi, giocare o scommettere con questi siti...almeno finchè restiamo in Europa :lol:

Quindi no fear boys!!

:kiss:

Questo... purtroppo lo Stato Italiano può rompere le scatole nell\' immediato (anche se solo in linea puramente teorica... le forze dell\' ordine non hanno i soldi per il carburante, figuratevi se ce l\'hanno per controllare noi che giochiamo con le cartine...) ma nel caso in cui questa ipotesi si verificasse, tramite ricorso alla Corte Europea lo Stato Italiano dovrebbe calare le braghe e farsi penetrare avidamente... Galb asciuga quella bavetta, schifoso :lol: :lol: :lol:

IronVaks
30-06-2008, 13:32
Luciom ha scritto:

I fossi minieri mi preoccuperei di pagare le tasse sui soldi che riceve dallo sponsor, e sulle vincite anche fatte all\'estero, cosa che nn so se sta facendo.
Ma per esempio dei $530.000 vinti alle wsop quanto dovrebbe pagare in Italia?

Capellone
30-06-2008, 13:33
in Italia nulla... sono redditi maturati all\' estero... sono tassati alla fonte

IronVaks
30-06-2008, 13:40
Capellone ha scritto:

in Italia nulla... sono redditi maturati all\' estero... sono tassati alla fonte
Si possono anche portare su un conto italiano senza nessun problema?

Capellone
30-06-2008, 13:47
certo che si... tu vinci dei soldi in maniera legale, paghi le dovute tasse dove sei tenuto a farlo, e poi porti i soldini a casa :)

zio_slim
30-06-2008, 14:18
si ok

puoi farlo se però paghi le tasse in America

quando vinci un torneo lì negli USA, loro ti chiedono \"Paghi qui le tasse o nel tuo paese?\" Tu puoi tranquillamente dire che le paghi in Italia, e loro ti sganciano 530K puliti; ma poi devi pagarle però. Altrimenti i soldi li fai girare su un conto non italiano, se non vuoi incorrere in evasione fiscale.

GALB
30-06-2008, 14:50
Io come al solito ogni volta che leggo questi thread, alla fine ho sempre il vomito.
Non per quello che scrivono gli utenti ma per il paese di merda in cui viviamo.
Se bloccano Full Tilt/Pokerstars/Everest etc etc agli italiani, giuro che mi vado ad incatenare sotto il parlamento, ovviamente del giocare in se non mi interessa, ma per una questione di principio.




P.S. Se poi ci mettono in galera a tutti quanti bè, visto il numero di volte che sono nominato in ogni post,quello che deve camminare spalle al muro sono io :P.

metanodotto
30-06-2008, 22:49
stasera sul software di xpropoker:

http://img28.picoodle.com/img/img28/4/6/30/t_xprobetm_dfa9997.gif (http://www.picoodle.com/view.php?img=/4/6/30/f_xprobetm_dfa9997.gif&srv=img28)

Capellone
30-06-2008, 23:05
Tranquillo Metano... è successo in passato con Full Tilt e tanti altri portali... man mano che trovano nuovi portali provvedono a metterli nelle black list... piuttosto... sarà meglio che lo staff di CBET verifichi se i link alla pr in questione con cui offrono il programma di affiliazione funzionano ancora ;) ...

prettyfish
01-07-2008, 03:11
in italia funziona tutto alla cazzo come al solito, sono schifato da leggere certe cose... assurdo

MartyMcFly
01-07-2008, 19:35
GbjAndyS ha scritto:

Porto la mia esperienza:

mi e\' apparso un messaggio che diceva che i giocatori provenienti dall\'Italia non potevano effettuare questa operazione !


Alcuni bookmaker UK (ad esempio Eurobet e Ladbrokes) hanno fatto così, hanno vietato l\'apertura di conti e hanno chiuso quelli già esistenti ai residenti in italia dirottandoli sul .it, che è tutto un altra cosa (in peggio ovviamente).

MartyMcFly
01-07-2008, 19:37
zio_slim ha scritto:

si ok

puoi farlo se però paghi le tasse in America

quando vinci un torneo lì negli USA, loro ti chiedono \"Paghi qui le tasse o nel tuo paese?\" Tu puoi tranquillamente dire che le paghi in Italia, e loro ti sganciano 530K puliti; ma poi devi pagarle però. Altrimenti i soldi li fai girare su un conto non italiano, se non vuoi incorrere in evasione fiscale.

Un bel c/c cifrato in Svizzera e chi ti becca + B)

AlexB81
01-07-2008, 19:37
Quindi cosa possiam fare prima che magari accadano cose brutte?

Gridi
01-07-2008, 19:47
Boh io ho fatto un bel cash out preventivo intanto.
Mi sono lasciato 20x sul sito e il resto sulla carta

Fiammaz
01-07-2008, 20:16
Gridi ha scritto:

Boh io ho fatto un bel cash out preventivo intanto.
Mi sono lasciato 20x sul sito e il resto sulla carta

Non credo che i soldi spariscano cosi...al massimo li trasferiranno sul sito .it

AlexB81
01-07-2008, 20:44
i soldi sicuro non spariscono.Ma fare tipo poker player alliance x italia?

RoccoGE
01-07-2008, 20:46
cashare out come dice alex è inutile.Tanto se tipo chiudono stars e ti ridirigono sul .it basta che mandi mail al support e gli chiedi di fare cash out..Fine dei problemi.

Rocco

zio_slim
01-07-2008, 21:01
AlexB81 ha scritto:

Ma fare tipo poker player alliance x italia?
sono troppo pochi i poker players in italia.
Per i \"pokeristi\" italiani, data la situazione attuale, credo ci sia già una associazione di categoria (http://www.giocatorianonimi.org/)

Fiammaz
01-07-2008, 21:13
Alex, fai come faccio io (come spero io). Non preoccuparti, tutti sembrano cosi sicuri e tranquilli che io mi sento mezzo mongolo a cagarmi addosso. Credo che se ci fosse veramente motivo di allarmarsi qualcuno lo avrebbe già fatto promuovendo qualche sorta di azione

Miglio
01-07-2008, 21:20
ma voi lasciate sulla room 20 buy in??:dry:

massi8183
01-07-2008, 21:49
Ragazzi tranquilli, non succede niente che non sia già successo in passato, sono anni che oscurano i siti e gli utenti Italiani continuano a giocare con i .com, quindi nessun problema.

Per quanto riguarda i cash out preventivi direi che non ce n\'è assolutamente bisogno.
Io avevo il conto (scommesse sportive) con Ladbrokes.com e quando decisero di non accettare più clienti dall\'Italia mi avvertirono preventivamente e saldarono tutto senza il minimo problema.
Dipende chiaramente dalla serietà della società.

:kiss:

Luciom
02-07-2008, 03:40
ma voi lasciate sulla room 20 buy in??

No io ne ho 80 per il 10-20.

Alex, fai come faccio io (come spero io). Non preoccuparti, tutti sembrano cosi sicuri e tranquilli che io mi sento mezzo mongolo a cagarmi addosso.

Io sono tranquillo ma non sono sicuro. Non sono sicuro perchè nn è chiaro esattamente nel dettaglio pratico ciò che accadrà e le conseguenze, ma sono tranquillo perchè ritengo estremamente improbabile che le conseguenze siano particolarmente dannose.

Miglio
02-07-2008, 09:35
Luciom ha scritto:

ma voi lasciate sulla room 20 buy in??

No io ne ho 80 per il 10-20.



ma come fai a fidarti di lasciare il valore di un monolocale su una room??:huh:

pur seria che sia è pur sempre un semplice sito internet... io lascio tutto sulla posta pay visto le mie misere somme, nel caso di bisogno il cash in è istantaneo...:dry:

Luciom
02-07-2008, 09:57
ma come fai a fidarti di lasciare il valore di un monolocale su una room??

pur seria che sia è pur sempre un semplice sito internet... io lascio tutto sulla posta pay visto le mie misere somme, nel caso di bisogno il cash in è istantaneo...

Se mi suggerisci alternative son pronto a far diverso... neteller puoi avere un solo conto e d è capped a 35k (obv il mio è capped)

Miglio
02-07-2008, 10:20
50 posta pay:dry: :laugh:

aprire un altro conto money bank no?

cmq. netteler immagino faccia cash in istantanei no?

18 buy in sul conto... magari altri 20 sulla room e gli altri 40 li metti al sicuro no?:dry:

Gridi
02-07-2008, 10:24
Per la mole che sposta lucio gli conviene obv lasciare li.
Per me e te miglio è molto + tranquillo :)

Ps: Io ho tolto il resto sopra 20x non per paura che spariscano lol questo è chiaro, ma solo per maggiore tranquillita se gli parte la brocca e congelano le operazioni come mi sembra abbian fatto in america all\'inizio, avere parte del bank congelato e riaverlo dopo tot mesi mi girerebbero los cojones.
Non succedera mai.. ma meglio fesso che coglionato! :) :) :)