PDA

Visualizza Versione Completa : Quanti sbagli.....



biziolaz
01-02-2008, 17:14
Ciao a tutti,
volevo sottoporvi questa mano (costellata di sbagli) per qualche commento e suggerimento.

torneo live da 100, tavolo finale (scusate se non sarò troppo preciso sui dati).

6 giocatori rimasti
avarege circa 60000
2 short
altri più o meno in average
4 a premio

bui 2000/4000 ante 400
io utg+1 (stack circa 60000)

il giocatore utg (stack circa 80000) ha fatto molti limp e chiamato raise modesti quasi sempre (anche con mani marginali).

utg. raise 8000

io (utg+1) spillo ako e faccio raise 25000

fold, fold, fold, fold

utg. call per i restanti 17000

pot circa 59000

flop. 4 5 8 rainbow

utg. check

io. check (dopo aver pensato di andare allin per rappresentare una overpair)

turn. (4 5 8) 7

utg. bet 10000

io. call (avevo a questo punto deciso di tirarmi fuori dalla mano ma 10 su 60 boh call)

river. (4 5 8) (7) A

utg. allin

io. call (del caprone con la bavetta)

showdown:

utg. A 6

io. muck e buonanotte (ore 4.30am)

è da stamattina che ci penso su, e parte la sua chiamata "ardita" al mio raise sul flop, quello che non digerisco sono i miei errori dopo il flop:
1. check dopo il suo check
2. call turn
3. call river

il punto è che credo abbia preso tutte le mie decisioni troppo frettolosamente (abituato ai tornei online), facendogli in mano Aq,Aj coppia bassa.

ps. ho letto poco tempo fa proprio qui un articolo molto lucido sulla continuation bet, secondo voi qui ci stava o, essendo ormai una mossa abusata, non avrebbe rappresentato una certa mano forte??

grazie in anticipo
fabrizio

GALB
01-02-2008, 17:19
Tu quanto avevi di stack? cmq considerando che l''average era 60k immagino che eri + o - la...

Secondo me reraisare di quasi mezzo stack non ha senso è meglio pushare direttamente (cosa sicuramente giusta se no il cold call è meglio perchè con AK se non prendi il flop poi non sai dove stai...


Per il resto vabè c''era poco da fare anche se io sarei andato cmq diretto all in al flop se ha una coppia tipo 99/TT/JJ bravo lui :)

Beldin
01-02-2008, 17:33
Concordo totalmente con Galb. Avrei pushato preflop.

il_Finnico
02-02-2008, 01:58
Secondo me gli errori ci sono ma non sono tutti quelli che hai elencato tu biziolas. La tua analisi è obv card oriented e quindi proviamo a capire come poteva essere giocata.

Il push preflop non mi piace tantissimo per 2 motivi: il piatto è (400x6)+2k+4k+8k=16,4k, quindi l''utg ha miniraisato che può essere indice di forza (non in italia) quanto di mano marginale (in italia). Quindi tu hai 60k e pensi... Io opto per un raise perchè non annullo la posizione (motivo 2) e riapro i rilanci per ottenere maggiori info da un player che limpa-calla con la spazzatura. Io avrei preferito un rilancio di almeno 30k o qualcosina in più (mi committo per far capire che ho una mano legittima e soprattutto per far capire che su un reraise chiamerei e che al flop posso mandare any flop).

Tu hai fatto 25k e quindi tu hai ancora davanti 35k con un piatto totale di 16,4k+25k+17k=58,4k. Capisci bene che la cbet non è attuabile qui.
A questo punto il tuo reraise può rappresentare una bella coppietta: rilancio il giusto per tirare in mezzo (solo che la ''rappresentazione'' delle carte è cosa per lo più sconosciuta lungo lo Stivale). Lui calla e comunque sia non hai ancora ristretto il tuo range di mani perchè la quantità del reraise non ti ha fatto restringere il cerchio (ricorda che lui ha 20k più di te e che siamo in bolla).

Il flop può essere favorevole o meno, ma hai il vantaggio della posizione. E'' a questo punto che il torneista si infila in sbattimenti mentali pazzeschi e perde tornei senza accorgersene.

Tu hai reraisato preflop con un''intenzione: volevi rappresentare una mano forte (che effettivamente hai). Al flop devi fare la scelta tra quelle a cui pensavi prima di reraisare preflop. Che faccio su un flop basso se lui checka/betta? Che faccio su un flop dove chiudo se lui checka/betta? Che faccio su un board connesso?
Se tu gli vuoi comunque rappresentare una coppia (diciamo al 60%) allora il suo check è come mi dice sempre lo zio un "prego...vuole questo piatto?"
Slowplayerebbe solo 67, se chiude la coppietta (A8 o A5) vasca per forza perchè nessuno darebbe una freecard. Tu checki dietro ma a questo punto la scelta è quella di rivelargli le carte. La coppietta non ha più ragione di esistere (a meno di un set, ma con 88 fai 25k di reraise preflop?), non la rappresenti più. Con AA KK QQ su un board del genere e con 60k di piatto aspetti a mettere i 35k che ti rimangono??? Io credo di no e quindi lì hai (quasi) perso la mano.
Altra interpretazione: tu pensi che Ax sia un range di mani che lui giocherebbe in reraise. Il board è abbastanza pericoloso, ma qui rientra in discorso, con A8 manda tutta la vita oop.

Dicevo: hai quasi perso la mano perchè c''era sempre la possibilità del check-check fino al river oppure che arrivasse un K o un A. Comunque, fin qui ti posso anche passare le scelte che hai fatto. Nel senso che: hanno una coerenza logica anche se discutibile.

Dal turn in poi è un disastro: esce un carta pericolosissima. Tu a questo punto (prendendo in considerazione coppie e Ax) batti solo 6 mani. Lui esce bettando 1/6 del piatto, tu a quel punto NON esiste che chiami e basta. O foldi (perchè non hai attaccato quando dovevi e la ritirata non è da fucilazione) oppure se non gli credi e pensi che quella gaybet sia per vincere il piatto, pushi sapendo che lui però (se sa fare 2+2) chiamerà e tu dovrai sperare di aver fatto una lettura pazzesca.



L''Asso al river, scusa, ma è una giusta punizione


P.S: sposto il 3d in small stakes perchè "LIVE" si considerano HIGH solo i donkaments da 300 in su

RaySantilli
02-02-2008, 02:39
il_Finnico ha espresso, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, la seguente opinione:

quindi l''utg ha miniraisato che può essere indice di forza (non in italia) quanto di mano marginale (in italia).

Io nn so perchè ma il miniraise lo vedo sempre con sospetto,mi sa sempre di monster
Quale sarebbe una lettura appropriata del miniraise??(vi prego risp che l''ho già fatta in qualke altra parte sperduta del forum questa domanda ma nn mi è giunta risposta)

il_Finnico
02-02-2008, 03:47
Allora dipende da tanti fattori: io parlo di torneo o sit.

Se il tavolo è particolarmente attivo mi aspetto che il miniraise preflop (obv in early pos) sia indice di ottima staring hand. Possibilità di reraise in posizione o squeeze o resteal possono essere ottime motivazioni per il miniraise PF con monster hand.

Altrimenti può essere vista come una sorta di blocking raise. Se ho una coppietta e non ho voglia di limparla per vari motivi (e nemmeno di foldarla) allora la miniraiso per dare segnali di forza e soprattutto per eventualmente essere l''ultimo a chiamare un eventuale reraise per giocare in HU.
Per lo stesso motivo (blocking) qualcuno si miniraisa i suited conn da 78s in su (scelta pessima visto che si va a progetto oop quasi sempre).

Il problema degli italiani, per tornare al discorso fatto prima, è che non hanno ben chiare mooooolte cose, soprattutto nei betting pattern (altro motivo dei miniraise da early, variare lo steal con i bui alti) e ovviamente nella teoria di base. Ripeto io parlo per Sit e Tornei.
Poi si potrebbe analizzare anche il miniraise su un raise PF o un bet Postflop... magari lo faremo...però altrove..

rebel
02-02-2008, 05:46
si ma... 25k su 60k e'' PIU'' di 1/3 dello stack, e con quei blind sei praticamente 10x sei da istant push preflop, con raise e basta abbiamo meno folding equity dell''allin (sopratutto contro le scimmie), quando nn prendiamo niente nn sappiamo se lui ha mani stupide tipo KQ JQ etc con cui ha voluto cmq callare il raise.

Cmq, as played, devi foldare il turn e cmq quando ti pusha il river e'' abb obbligato che stai dietro a mio avviso.

biziolaz
07-02-2008, 17:12
Scusate ma non ho avuto molto tempo per rispondere. Prima di tutto grazie per le vostre opinioni, come sempre lucide ed approfondite; e grazie per la passione (evidente) e la competenza (evidente) con la quale analizzate le mani proposte.

Detto questo, a presto per una nuova mano; magari emotivamente (per me) meno forte ma accademicamente più interessante.

fabrizio