Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
wsop_chips

Balance – Andrew Brokos

Andrew Brokos – Two Plus Two Magazine, Vol. 8, No. 1

 

Il concetto dell’ essere bilanciati e’ uno dei meno chiari e piu’ confusi nel poker in modalita’ torneo. Molti giocatori credono che giocare in modo bilanciato conti soltanto nell’ affrontare avversari che incontrano regolarmente.

In una situazione di torneo, in cui si aspettano di giocare al massimo qualche ora con un dato avversario, non vedono ragioni per preoccuparsi di bilanciare i propri ranges.

Questo ragionamento porta ad affrontare il problema in modo sbagliato. Il bilanciamento conta maggiormente nel giocare contro avversari sconosciuti di cui non si e’ a conoscenza delle tendenze.
E’ il modo migliore di giocare quando non sapete che cosa aspettarvi. Dopo aver esaminato il significato dell’ espressione “giocare in modo bilanciato”, questo articolo analizzera’ situazioni in cui e’ utile farlo ed altre in cui non lo e’.

 

Balance

Parlando genericamente, giocare in modo bilanciato significa che ogni qualvolta bluffate, esistono anche value hands che giochereste allo stesso modo. Analogamente, ogni volta in cui value bettate, l’ essere bilanciati richiede che siano presenti anche bluffs che giochereste alla stessa maniera.

Piu’ vicino diventa il rapporto tra i vostri bluffs e le vostre value bets alle pot odds che la vostra bet offre al vostro avversario, piu’ bilanciata diventa la bet. Ad esempio, se nel pot ci sono $500 e voi bettate $500, la vostra bet offre al vostro avversario 2:1 sul call. Per essere perfettamente bilanciati, dovreste scegliere una mano per bluffare ogni due mani che value bettereste.

Ovviamente, tutto questo e’ teorico. Giocate soltanto una mano alla volta, quindi dovete conoscere il vostro gioco abbastanza bene da essere onesti riguardo le altre mani che avreste potuto giocare allo stesso modo fino a quel punto. Da quel range di mani che potreste avere, dovete pensare a quelle che bettereste per valore per poi scegliere quindi un appropriato numero di mani con cui bluffereste.

Questo livello di precisione e’ praticamente impossibile da ottenere in tempo reale. Nella pratica, e’ generalmente sufficiente riconoscere se potete avere un value range ampio o stretto in un dato spot per decidere quindi se bluffare piu’ o meno spesso.
Per darvi un semplice esempio, immaginate di raisare da UTG ed essere callati dal BB. Il board esce Jh 7h 2h 3c 8d. Il BB fa check e calla le vostre bets al flop ed al turn, per poi fare nuovamente check al river. Di nuovo, per semplicita’, decidete che, contro questo avversario, value bettereste soltanto il nuts in questo spot, e fareste con esso una pot-sized bet.

Considerando il vostro range UTG, determinate che avreste giocato Ah Kh, Ah Qh, Ah Th, e Ah 9h in questo modo, mentre avreste foldato A8s e peggiori pre-flop. Questo vi consente di avere quattro combo di mani per value bettare.
Una bet pot-sized offre al vostro avversario odds 2:1, quindi avete bisogno di un bluff ogni due value hands nel vostro range. Questo significa che dovete identificare soltanto due combo con le quali bluffereste. Le migliori bluffing hands hanno poco showdown value ma buoni blockers al calling range del vostro avversario, quindi potreste bluffare quando avete l’ Ah nella vostra mano e nessuna pair. AQ ha leggermente meno showdown value di AK, quindi anche se la differenza non e’ molta, potreste scegliere anche queste mani per bluffare. Per avere due combo, potreste bluffare con una queen nera e la Qh ma non con la Qd.

Questo rappresenterebbe un betting range bilanciato al river. Non avra’ importanza quanto spesso il vostro avversario callera’ o foldera’ (considerando anche l’ opzione che l’ avversario possa raisare complica leggermente le cose, quindi diciamo che la vostra bet e’ all-in), non potra’ exploitare questo range.

 

Exploitazione

L’ argomentazione e’ che dato che non vi troverete probabilmente mai piu’ in questo spot contro questo player in futuro, non dovreste preoccuparvi dell’ essere bilanciati. Dovreste eseguire soltanto la miglior giocata possibile con mano specifica che avete.
Con il nuts, e’ facile vedere che bettare e’ la miglior giocata. Ma qual e’ la miglior giocata con Ah Qd ? Con Ah Qc ? Con Ac Qc ? E come potete saperlo ?

A questo punto, il sostenitore di questa tesi potrebbe dire che se pensate che l’ avversario foldera’ dovreste bettare, e se pensate che callera’ dovreste fare check. Sono daccordo. Questo e’ giocare in modo exploitativo.

Ma cosa fare se non sapete che cosa fara’ l’ avversario ? Per exploitare un giocatore, dovete sapere qualcosa, o almeno essere in grado di dedurre qualcosa, del modo in cui gioca. Se non avete letteralmente alcuna idea, allora bettare con un range bilanciato e’ la cosa migliore che e’ possibile fare. Bluffare troppo premia l’ avversario se questo risulta essere un caller loose, e non bluffare abbastanza lo premia ancora facendogli vincere pots con una mano che avrebbe foldato.

In questa situazione, il bilanciamento e’ utile precisamente perche’ state affrontando un avversario sconosciuto. Non ha niente a che vedere con il fatto che giocherete con lui ancora in futuro e tutto a che vedere con il prendere la migliore decisione nello spot corrente.

Dovreste avere delle reads su di un avversario contro il quale giocate regolarmente. Potete usare queste reads per creare ranges exploitativi che sono piu’ profittevoli dei ranges bilanciati. Se vi aspettate che il vostro avversario foldi troppo in un certo spot, dovreste allora ampliare il vostro bluffing range. Se vi aspettate che calli troppo spesso, allora non dovreste bluffare affatto.

Di nuovo, un avversario che incontrate regolarmente ha probabilmente a sua volta reads su di voi, e potrebbe addirittura stare provando ad anticipare quello che voi vi aspettiate lui faccia e come l’ history tra di voi influenzera’ il suo gioco. Questa dinamica e’ chiamata “leveling war”, e la vostra abilita’ di giocarla meglio del vostro avversario e’ quello che determina quanto exploitativi potete essere. Contro avversari che pensate essere migliori di voi, e’ generalmente meglio essere inclini all’ essere bilanciati, dato che questi saranno probabilmente in grado di essere sempre un passo avanti a voi nella guerra del leveling.

Se volete giocare in modo exploitativo, come dovreste nella maggior parte delle situazioni, dovreste allora essere consci di cosa esattamente state cercando di exploitare. Dovreste essere in grado di identificare i leaks nel gioco dei vostri avversari e dire, “E’ una calling station, quindi non bluffero’” o qualcosa di simile.

Se non riuscite ad individuare leaks nel gioco di un giocatore, dovreste allora propendere per il giocare in modo bilanciato. Anche se sapete che non incontrerete questo giocare mai piu’ nella vostra carriera.
Andrew Brokos – Two Plus Two Magazine, Vol. 8, No. 1
Fonte : http://www.twoplustwo.com/magazine/

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.