Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
red_aces

Cash – La Dimensione delle Continuation-Bets – Parte 3

Terza ed ultima parte della traduzione “Cash – La Dimensione delle Continuation-Bets”…

 

Metodologia #7 : Dimensionare le bets in base a cio’ che si sta tentando di ottenere

L’ idea dietro questa metodologia e’ l’ adattare le proprie bets in modo da portare gli avversari non solo a giocare un pot di dimensione decisa da noi, ma anche di portarli a compiere le azioni a noi piu’ favorevoli.
Si puo’ a volte voler bettare piu’ piccolo fuori posizione, in modo da poter riuscire a vedere ulteriori carte a basso prezzo, vincere il pot con poco rischio, oppure indurre un raise; Oppure bettare piu’ grande per forzare l’ avversario a foldare, o almeno a metterlo in uno spot molto difficile nel decidere se continuare o meno nella mano.
Ad esempio, potremmo decidere di bettare meta’ pot quando siamo alla ricerca di action o stiamo tentando di indurre un raise, e bettare pot quando non vogliamo action o vogliamo scoraggiare gli avversari a callare down light.
Lo svantaggio di ogni metodologia di bet sizing complessa e’ che i vostri avversari potrebbero o meno arrivare all’ informazione che speravamo associassero alla nostra bet size per come l’ avevamo intesa.
Ad esempio, eseguiamo una bet di size A perche’ vogliamo che l’ avversario decida di compiere l’ azione X; In risposta, il nostro avversario potrebbe invece decidere di compiere l’ azione Y perche’ ha interpretato la nostra bet size A molto diversamente da una bet di size B, nonostante il fatto che avevamo previsto che questo avversario difficilmente avrebbe preferito l’ azione Y alla X se avessimo fatto una bet di valore A piuttosto che di valore B. Siete ancora con me ?
Ok, basta con la teoria, diamo uno sguardo ad un semplice esempio in cui potremmo essere in grado di manipolare il nostro avversario nel compiere azioni specifiche contro di noi variando il nostro bet sizing.

Mano #1
Hero (UTG): $100
BTN: $100

Preflop: Hero is dealt Tc, Ts (6 Players)
Hero raises to $4, 2 folds, BTN calls $4, 2 folds

Flop: ($9.50) 8c 3d Ah (2 Players)
Hero bets $5.50…

Giocheremo il ruolo di hero, un TAG pensante 18\14 che utilizza una metodologia di bet sizing molto varia.
Apriamo UTG e veniamo callati dal button 20\10. Nella poca history che abbiamo, vediamo il button come un villain aggressivo capace di fare giocate anche senza una mano forte. Su di un flop dry Ahigh, decidiamo di bettare leggermente piu’ di half pot, aspettandoci che il button foldi tutte le mani peggiori e calli o raisi tutte le mani migliori.

Flop: ($9.50) 8c 3d Ah (2 Players)
Hero bets $5.50, BTN raises $20

Easy fold vero ? Beh, forse. Potrebbe il button aver interpretato la nostra size half pot come debolezza ? Avrebbe una bet di 2\3 pot rappresentato una mano piu’ forte ? Di fronte ad una bet piu’ grande, sarebbe stato il button meno portato a fare una giocata con una mano debole ?

Nella mano in questione hero folda, e villain mostra le sue carte, Jh Qc.

Quindi, che cosa abbiamo imparato da questa mano ? Le azioni compiute da questo particolare villain potrebbero essere state influenzate dalla size della nostra bet. Forse il button stava plannando di fare una giocata indipendentemente dalla size della nostra bet, o forse no. E’ tuttavia qualcosa da tenere a mente.

Nella mano successiva contro lo stesso villain…

 

Mano #2 : (stesso villain) 
Hero (UTG): $100
BTN: $100

Preflop: Hero is dealt Ah, Qc (6 Players)
Hero raises to $4, 2 folds, BTN calls $4, 2 folds

Flop: ($9.50) 5h Kd Th (2 Players)
Hero bets $8…

In questa mano, abbiamo una read che questo villain potrebbe aver interpretato la nostra piccola continuation-bet come debolezza, adattiamo quindi la nostra strategia bettando con una size maggiore una mano con cui non cerchiamo necessariamente action.

Flop: ($9.50) 5h Kd Th (2 Players)
Hero bets $8, BTN folds.

Button folda ed hero vince il pot. Si rafforzano i nostri sospetti che questo villain potrebbe percepire le nostre continuation-bets piu’ piccole come debolezza e come forza quelle piu’ grandi. Possiamo quindi ora trarre vantaggio dalla nostra read manipolando il nostro avversario portandolo a commettere errori.
Certo, questo potrebbe non essere vero; Forse il button ha deciso di foldare in questa mano dato che aveva appena fatto una giocata contro di noi, o forse perche’ aveva percepito un timing tell e pensava fossimo piu’ forti in questa mano rispetto alla precedente.
Tuttavia, in un gioco senza certezze, continuiamo a voler sperimentare la nostra read, dimensionando le nostre bets nel tentativo di portare questo avversario a scegliere le azioni a noi piu’ congeniali nelle mani future.

 

Mano #3 : (stesso villain)
Hero (UTG): $100
BTN: $100

Preflop: Hero is dealt 7c, 7d (6 Players)
Hero raises to $4, 2 folds, BTN calls $4, 2 folds

Flop: ($9.50) 7h Js 2c (2 Players)
Hero bets $5.50…

Utilizzando la nostra history e la nostra read su villain, possiamo ora eseguire la stessa piccola continuation-bet che avevamo fatto nella mano #1, nel tentativo di indurre un call da parte di una mano debole o un bluff raise.

Flop: ($9.50) 7h Js 2c (2 Players)
Hero bets $5.50, BTN raises $20, Hero calls $14.50.

Turn: ($49.50) Ks (2 Players)
Hero checks, BTN bets $38, Hero raises all-in, BTN calls all-in.

Ship it. Button mucka Kh Th ed hero vince il pot.

Ora, ovviamente, la nostra strategia statica non funzionera’ per sempre contro questo particolare villain, e dovremo quindi fare gli opportuni aggiustamenti. La prossima volta che flopperemo una mano forte potremmo optare per una bet piu’ grande, oppure bettare piccolo in bluff.
L’ idea e’ di adattarci meglio di quanto faccia avversario, e continuare ad essere in grado di portarlo a compiere le azioni a noi piu’ congeniali.

Funziona al meglio contro : Villains sui quali abbiamo una buona read.

Svantaggi : Variando le nostre bet sizes in base ad uno specifico insieme di obiettivi, potremmo dover affrontare decisioni difficili nelle streets finali dato che le reazioni degli avversari potrebbero o meno essere influenzate dalla size delle nostre bets. Richiede costanti aggiustamenti.

 

Ci sono altre cose di cui non ho parlato ma che vale la pena menzionare, come l’ adattare il bet sizing in base alla stima del range di mani dell’ avversario, adattare il bet sizing in base alla posizione, al numero di avversari, alla propria immagine, all’ history, etc;

 

Fonte : http://archives1.twoplustwo.com/showflat.php?Cat=0&Board=ssplnlpoker&Number=10434758

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.