Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
Pocket Aces

Cash Microlimiti – Aggression Factor e Aggression Frequency – Parte 2

Seconda parte della traduzione “Cash Microlimiti – Aggression Factor e Aggression Frequency”…

 

L’ aggression factor non e’ la statistica che puo’ risolvere ogni vostro problema postflop.

Il suo compito e’ infatti quello di darvi una vaga idea del modo in cui il vostro avversario si comporta quando decide di giocare una mano.
Un giocatore con un aggression factor di 1.0 puo’ giocare esattamente lo stesso numero di mani di un altro con un aggression factor di 5.0.
La differenza e’ che questi due giocatori giocano queste stesse identiche mani in modo diverso (uno calla molto, l’ altro betta e raisa molto).
Questo e’ il problema principale dell’ AF, ed e’ il motivo per cui non e’ cosi’ utile come molti pensano.

Prendiamo in esame questo esempio :

Hero e’ in posizione con top pair. Betta flop e viene callato, betta turn e villain check\min-raisa.

Molti pensano che in questo spot piu’ e’ alto l’ AF dell’ avversario, maggiore e’ la probabilita’ che stia bluffando.
Questo non e’ necessariamente vero. Potrebbe tranquillamente essere che un giocatore con AF alto check\raisa questi spot per valore con le monsters mentre uno con AF basso le calla soltanto in slowplaying.

Questo e’ il punto in cui la statistica dell’ AFreq puo’ essere molto piu’ utile dell’ AF, dato che potra’ dirci quanto spesso un giocatore prende una linea aggressiva.
Se il villain dell’ esempio avesse al turn AF = 2.0 ed AFreq = 25%, potreste concludere che e’ generalmente passivo su questa street, e che il check\raise dovrebbe normalmente essere per valore con una mano forte.
Al contrario, se villain avesse al turn AF = 4.5 ed AFreq = 38%, potreste invece concludere che gioca il turn molto aggressivamente e che la probabilita’ che il check\raise sia un bluff sia molto piu’ alta.

Tuttavia, suggerirei che la linea seguita dall’ avversario e’ normalmente piu’ importante delle sue mere statistiche di AF ed AFreq. Per metterla semplicemente, un min check\raise al turn di qualsiasi giocatore e’ molto spesso per valore, e questo dovrebbe essere il vostro punto di partenza nell’ analisi della mano.

Un altro utilizzo non molto sensato dell’ AF e quello di provare a determinare tramite esso la probabilita’ che un avversario calli o raisi una donkbet, o che c-betti.
E’ di gran lunga migliore, e piu’ veloce, guardare semplicemente alle statistiche relative alle tendenze che vogliamo conoscere, come quanto spesso villain cbetta oppure quanto spesso calla\raisa una donkbet.
Un AF alto significa semplicemente che SE l’ action di villain non e’ fold, sara’ probabilmente raise.
L’ AFreq vi dara’ un’ indicazione di quanto spesso calla o raisa, tuttavia le statistiche specifiche (call\raise donk bet) continuano ad essere molto piu’ accurate ed utili.

Provero’ ora a darvi un esempio sul come potete utilizzare le statistiche AF ed AFreq :

100bb effettivi, raisate AA da MP, calla solo BB (17\10\4.0).
Il flop e’ 5s, 8s, 2h.
Non avete As. Villain check\raisa la vostra cbet con una size standard, controllate la sua AFreq al flop e vedete che e’ alta. Notate anche un’ alta percentuale di check\raise al flop. Che cosa fate ?

Bene, normalmente, un check\raise in questo spot per valore dovrebbe far intendere, “Ho un’ overpair o meglio”. Contro quel range, AA non e’ in genere messo bene.
Tuttavia, sembra improbabile che un 17\10 calli preflop OOP con 85, 82 o 25, il che significa che raramente avra’ two-pair. Questo lascia soltanto i sets tra le cose di cui preoccuparsi.
La prossima domanda da porsi e’ “Quanto spesso puo’ bluffare ?”. Beh, potrebbe avere un semi-bluff con flush draw, 67 e 34, e – ovviamente – air.
Data l’ esistenza di molte drawing hands, il fatto che ha un AF alto, una AFreq alta, ed una percentuale di c\r alta… possiamo concludere che questo giocatore check\raisa questo flop con un range molto piu’ ampio di quello per valore.
Dovremmo quindi callare per dargli modo di continuare a bluffare.

Ora, se quello stesso villain fosse invece stato un 13\9\3.0 con percentuale di c\r al flop bassa, ed AFreq al flop bassa, ci saremmo trovati ad affrontare una decisione molto piu’ difficile.
E’ probabilmente leggermente nitty foldare direttamente mettendolo precisamente su di un set. Questo potrebbe essere lo spot per callare e rivalutare al turn.
Se sta bluffando o bettando con peggio, questo tipo di giocatore si arrendera’ spesso dopo il nostro call al flop. Se betta di nuovo al turn, ha una mano che in genere batte AA.

Il punto chiave e’ che la linea seguita dai vostri avversari in relazione alle statistiche di VPIP/PFR e’ spesso l’ indicazione piu’ importante da seguire sul come comportarsi nella mano.
Il fattore successivo sono le statistiche specifiche, come 3-bet%, c\r%, etc…
Utilizzate l’ AF e l’ AFreq come ulteriori indicatori da tenere in considerazione nel prendere la vostra decisione.

 

Fonte : http://forumserver.twoplustwo.com/showpost.php?p=16400770&postcount=2

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.