Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
Professional poker player

Cash Microlimiti – Bluff-Catching

In questo articolo spiegheremo che cosa si intende per bluff-catcher. Mostreremo come, contro avversari appropriati, anche una mani marginali come ace-high e bottom pair possono avere un valore molto alto al river.

 

Definizione

Un bluff-catcher e’ esattamente quello che indica il suo nome : Una mano che, anche se non molto forte, lo e’ abbastanza da battere un bluff dell’ avversario. E’ una mano non abbastanza forte da poter essere value bettata, e non abbastanza forte da battere il value-betting range dell’ avversaio, ma che ha showdown value contro i bluffs.

 

Quando bluff-catchare

Generalmente, quando si parla di bluff-catching, ci si riferisce al callare la bet finale al river.

 

Dove bluff-catchare

I bluff-catchers si trovano comunemente nei giochi in cui il bluff e’ una componente essenziale del, come il No-Limit Hold’ em o il Pot-Limit Omaha, tuttavia i concetti alla loro base sono validi ed utili anche in tutte le altre forme di poker.

 

Perche’ bluff-catchare

Per exploitare i giocatori che bluffano troppo potete trasformare mani mediocri che normalmente foldereste in strumenti di guadagno.

 

Bluff-catchare correttamente

La cosa piu’ importante nell’ utilizzare questa mossa e’ il capire quando avete effettivamente in mano un bluff-catcher, e se le condizioni per poter callare la bet al river sono ottimali.

Come tutto nel poker, la decisione corretta dipende interamente da cosa sapete riguardo il vostro avversario.

Dovete avere chiaro il suo value-betting range, e la sua frequenza di bluff. Dovete capire come si comporta al tavolo.

Per definizione, un bluff-catcher e’ una mano dietro all’ intero value-betting range dell’ avversario. Quindi dato che puo’ battere soltanto un bluff, e’ fondamentale essere in grado di capire in quali situazioni un giocatore bluffa spesso.

Molto semplicemente, il bluff-catching non funzionera’ mai contro qualcuno che non bluffa mai.

 

Per poter catchare un bluff, deve esserci un bluff

Ad un tavolo di giocatori ABC/TAG, fareste bene a dimenticarvi dei bluff-catchers e concentrarvi soltanto sull’ ottenere valore dalle vostre mani forti. Tuttavia, contro avversari tricky e aggressivi, lascereste molti soldi sul tavolo foldando ogni volta che non avete il nuts.

Dato che i buoni giocatori capiscono che le mani sono raramente a prova di proiettile, proveranno ad exploitarvi bettando missed draws, 3-barrels, ed air pura al river.

Per utilizzare efficacemente un bluff-catcher dovete identificare i giocatori che bluffano troppo, ed exploitarli callando con mani che stanno cercando di farvi foldare.

Contro il giusto avversario, nella giusta situazione, callare una bet al river con ace-high vi rendera’ una fortuna durante la vostra carriera.

Per farla corta, cercate giocatori troppo aggressivi che bettano e raisano piu’ di quello che dovrebbero.

 

La matematica del Bluff-catching

Il modo piu’ semplice di pensare riguardo la matematica dietro un bluff-catcher e’ di mettera in termini di pot-odds ed equity.

Normalmente, quando calcolate l’ expected value, comparate le pot-odds e la vostra probabilita’ di vincere una mano hittando un draw.

Tuttavia, dato che un bluff-catcher puo’ vincere soltanto quando il vostro avversario sta bluffando, potete sostituire la sua frequenza di bluff alla probabilita’ di hittare il vostro draw per capire se state compiendo un call corretto.

Diamo uno sguardo ad un esempio per chiarificare le cose :

Tutti foldano fino al bottone ad un tavolo $1/$2 No-Limit Hold’em, che raisa a $8. Lo small blind folda e voi callate con Ad 3d.

Pot = $17

Il flop esce 9d 8s 3c e check-callate una bet di $10.

Pot = $37

Fate entrambi check sul 2h al turn, ed al river esce il 2c. Fate check ed il bottone betta $20.

La vostra mano batte soltanto air, quindi se l’ avversario ha una pair o meglio perderete la mano.
Dovreste callare ?

Per decidere se un call sara’ profittevole nel long run e’ necessario calcolare le pot odds, e compararle con la frequenza di bluff dell’ avversario in questo spot.

Dovete callare $20 per vincere $57, quindi il pot vi offre 2.85 a 1 sul call.

Se credete che la bet del vostro avversario al river sia un bluff almeno il 50% delle volte dovete callare, dato che le vostre odds contro la vittoria sono 2 a 1, ed il pot vi sta offrendo un prezzo migliore di 2 a 1.

Mentre assegnare un numero esatto alla frequenza di bluff e’ impossibile, dovete fare tutto quello che potete per capire le tendenze ed il comportamento del vostro avversario negli spot comuni al river.

Se riuscite ad identificare gli spots dove bluffa troppo, vi trovate nella posizione corretta per bluff-catchare con una mano debole che foldereste altrimenti.

La skill piu’ importante da padroneggiare nel poker e’ l’ abilita’ di mettere l’ avversario su di un range, e questo include il sapere quando sta bluffando e quando sta value bettando.

Piu’ accuratamente riuscirete a stimare la probabilita’ che il vostro avversario stia bluffando, piu’ soldi riuscirete a vincere bluff-catchando.

 

Fonte : http://www.pokerlistings.com/10-essential-texas-hold-em-moves-the-bluff-catcher

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.