Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
Poker Gangster

Cash Microlimiti – Giocare KK – Parte 2

Seconda parte della traduzione “Giocare KK” …

 

Si tratta di calcoli di equity molto, molto MOLTO grezzi, che ignorano molti fattori. I suoi range, per esempio, sono più facili da giocare rispetto ai nostri. Quando flatterà con QQ perderà un piatto più piccolo di quello che vincerà, in media, quando flatterà con AA. Capite il senso quindi – c’è valore anche nel threebettare un raiser nitty UTG, ma siamo in territori di valore più sottile. Di certo non è “fat value”.

Al NL 50 i migliori reg vincono in media 4.5ptBB, o 9bb/mano con KK. Quindi, in termini di valore, threebettare un reg nitty che apre UTG è sotto la media. Ma NON PER QUESTO È SBAGLIATO. È solo sotto la media per i migliori reg del NL50.

Ma ora dovete chiedere a voi stessi: “Voi stessi: se chiamo, qua, posso vincere in media più di 6.6bb/mano, che sarebbe più o meno lo scenario migliore se threebettassi ‘sto nit?” Scommetto che la vostra risposta è sì. Se lo flattate tenete dentro la parte del suo range che battete, rimanendo con un 71% di equity. La vostra mano, inoltre, è sottorappresentata, siete in posizione la maggior parte delle volte il suo range sarà facile da giocare. Certo, un asso al flop migliora il 40% del suo range e vi metterebbe nei guai, ma succede solo di rado.

Un ulteriore aspetto da considerare, infine, per decidere se threebettare o chiamare, è se uno o entrambi i bui chiameranno dietro. Un piatto a tre con KK non ci dispiace troppo, ma uno a quattro è assolutamente da evitare.  Ma se uno dei due è un incapace siamo in una buona situazione: il not è stretto tra il buio e noi, quindi tendenzialmente giocherà in modo diretto, ed avremo posizione contro un incapace in un piatto grosso. Quando studiate la situazione, quindi, state particolarmente attenti al grande buio, che ha un grosso incentivo ad entrare nella mano. Se è un fish, chiamare merita ancora di più per farlo restare in gioco. Se entrambi sono loose e scarsi invece vi conviene threebettare, ed insultarvi per la pessima seat selection.

Dai bui

Siete fuori posizione, il che è un grave problema, e vi conviene molto threebettare. Le uniche volte in cui posso considerare di chiamare è quando il rilancio sembra uno steal di uno che lo fa con range molto largo e che folda spesso alle threebet. In tal caso posso chiamare per tenere dentro quella parte del suo range che distruggo. Ma anche in casi del genere di solito threebetto, semplicemente perché sul lungo periodo devo mostrare dei KK threebettati per far capire agli avversari che non lo faccio solo con schifezze.

Mandare la vasca preflop con KK

Nelle ultime analisi che ho fatto per gente a cui ho controllato questo dato, TUTTI erano negativi negli all in preflop con KK. E tutti lo facevano indiscriminatamente. Ne ho appena fatta una, in particolare, di un reg solido e molto conosciuto del NL100. Aveva uno stile molto aggressivo preflop, e mandava i resti con AA, KK, QQ, JJ, AK molto spesso ed AQ e TT un bel po’, oltre ad altre mani random qua e là. Calcolando l’EV adjusted perdeva sempre quando era contro full stack, eccetto naturalmente quando aveva AA.

Date un’occhiata al vostro database e vedete con cosa la gente va all in. A meno di situazioni particolari, i full stack lo fanno solo con AA e KK, e la cosa vale anche per gli incapaci che giocano 72/41.

Dovete quindi semplicemente smettere di vascare KK preflop? NO! Dovete invece creare situazioni inusuali dove possiamo farlo ed essere percepiti come più light. Vascare con KK va bene, ammesso che stiamo 4-bettando un range ragionevole. La lacuna della maggior parte dei giocatori non è di vascare indiscriminatamente KK preflop, ma che non 4-bettano un range abbastanza largo. Chiamare una 5-bet all in con KK sarà +EV solo se potete convincere alcuni avversari che alcune volte potete 4-bettare light. Altrimenti la maggior parte delle volte vi gireranno AA.

Sentite, anche un incapace capisce che avete solo AA o KK quando 4-bettate. Quello che dovete fargli capire è che potete farlo, per poi chiamare o foldare, con un range più largo. L’incapace non è abbastanza furbo da capire che scegliete con cura gli spot, e farà generalizzazioni troppo vaghe sul vostro gioco. Mettiamo per esempio che siate al bottone e nei bui ci sia uno che threebetta come un pazzo (diciamo una stat di threebet del 6%).Voi rubate, lui threebetta, e voi four-bettate. Non c’è nessun risultato negativo perché l’altro vede la vostra mano in un modo particolare. Se four-bettate, per dire, 77, e poi foldate, l’altro vedrà la vostra mano e dirà, “haha, stava cercando di resistere ma poi è scappato come un pollo”, o qualcosa del genere. La prossima volta che lo threebettate, quindi, penserà che voi siete quello che folda alle four-bet. Ragionamento analogo se 5-bettate all in con A7s, AK, JJ, ed arrivate allo showdown.

Dovete quindi costantemente manipolare la vostra immagine al tavolo. Se siete stati card dead, ed un nit rilancia UTG, voi threebettate, e lui four-betta, il suo range è molto più stretto di quando lo fa dopo che avete threebettato qualcuno in tutte le ultime tre orbite. Dovete tenere sempre in gran considerazione la vostra immagine.

Quindi? Devo foldare KK preflop?

Non normalmente. Ci sono situazioni in cui va bene, ma non mi piace troppo come mossa. Se vi trovate a pensare di foldarla, avete quasi certamente giocato male.

Cosa intendo? Beh, supponete che il raiser UTG con statistiche 11/9 rilanci, voi threebettate, e lui four-betta. Ora pensate, ocazzo, eccolo che ha davvero AA. E vi viene la tentazione di un hero fold. Sbagliereste? Forse sì e forse no, ma se ci pensate vuol dire che avreste dovuto flattarlo.  Il vostro errore è stato non creare una situazione dove avrebbe potuto four-bettare light.

Ci sono situazioni dove pur giocando bene si può foldare, ma sono molto rare, per esempio che il nitty di qua sopra rilancia, voi lo threebettate, un’altro four-betta ed il primo manda i resti. Qua, semplicemente, non siete mai buoni. Ma d’altra parte non mi ricordo di uno spot del genere nell’ultimo mezzo milione di mani, quindi non è proprio una situazione quotidiana, ed anche se vascate sapendo che uno dei due ha AA comunque il vostro winrate cambia pochissimo.  Quindi che problema c’è? Ridete e chiamate giusto per divertirvi a vedere un all in AA vs KK vs QQ (serietà 32,64%).

 

Fonte : http://forumserver.twoplustwo.com/78/micro-stakes-full-ring/cotw-playing-kk-682495/

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.