Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
Poker Gangster

Cash Microlimiti – Giocare KK – Parte 3

Terza parte della traduzione “Giocare KK” …

 

1.Esaminare le tendenze dell’avversario

Ci sono alcune sovrapposizioni (tutti cercano il set) ma, in generale, flop diversi aiutano avversari diversi.

Ecco quello che secondo me è un tipico range di call per uno che gioca 32/12 con threebet bassa.

22-QQ

A5o+, A2s+

Kto+, K9s+

Qto+ Q8s+

Jto+, J8s+

43s-KQs

64s+

Ci sono moltissime variazioni possibili – sappiamo che ci sono quelli che non folderanno mai un asso, e quelli che non molleranno mai due carte suited. Aggiungete simili descrizioni alle vostre note sui giocatori particolarmente loose, perché dovete imparare a distinguerli.

Ecco un tipico range di call per un LAG 22/17 con threebet alta:

22-TT, forse JJ

Suited connectors: 67s-JTs

Nei piatti multiway il range si può allargare un po’, per includere a volte ATs, AJ ed AQ, ma non di più.

I TAG ed i nit sono fortmente sbilanciati verso 22-TT con qualche suited connector qua e là.

Esaminate la “trama” del board

Per semplificare l’esposizione divideremo i board in alcune categorie: A-high, alti e connessi, bassi e connessi, e bassi e rainbow.

a. Board alti e connessi – per esempio QqJq6c. Ecco la nostra equity rispetto alla sua.

Loose Passive: 78/21

 

Lag: 83/16

 

Tag/nit: 83/16

 

Board bassi e connessi – per esempio 9q7q5c

 

Loose passive: 78/21, fractionally better off than on the high board.

 

LAg 70/30

 

Tag/nit 69/31

 

c.Rainbow bassi: Tq6c2f

 

Loose passive: 83/16

 

Lag 76/24

 

tag/nit 74/25

 

In generale si vede che su board non connessi siamo messi meglio contro avversari loose passive rispetto a contro LAG e TAG. Più connesso è il board, per scale o colori, più tende a favorire i loose passive. Si tratta di un semplice riflesso del fatto che nei range dei giocatori più loose ci sono più mani suited e connesse di quante ce ne siano in quelli dei TAG e LAG, che privilegiano il set-mining.

b. flop A-high

i. Aq9q4p

Loose passive 58/41

 

LAg: 71/28

 

Tag/Nit: 76/24

 

ii. AdTh9h

 

Loose passive: 52/47

 

LAg: 68/31

 

Tag: 75/25

 

Come possiamo vedere, un asso al flop diminuisce di molto la equity in relazione a quanto è largo il suo range di call preflop. Realisticamente, heads up, un TAG o un nit che ci chiamano possono avere molte combo di AK o AQs. A seconda della nostra immagine e della posizione, i TAG ci threebetteranno spesso con queste mani, così come i LAG. Quindi quello che temiamo di più contro avversari con range larghi sono gli assi.

Implicazioni dei vari range: contro i LAG ed i TAG ci troviamo molto sopra o molto sotto molto più spesso che contro i range larghi. Un TAG o un LAG  che chiama con un range stretto molto spesso o ha settato o no. A volte ci troveremo contro qualche draw combo draw, ma per lo più saremo, come dicevo, molto sopra o molto sotto. Sui board dry o semi-dry possiamo alternare il nostro gioco contro di loro con una certa sicurezza. A meno che non si metta a fare cose strane di solito prenderemo una o due street di valore, o perderemo un piatto grosso contro un set.

Per contrasto, su flop senza assi è meglio continuare a puntare se gli avversari sono loose passive: non solo hanno draw che dobbiamo farci pagare, ma flopperanno anche molte mani che battiamo e con le quali ci chiameranno.

3. Contro l’aggressione

Se vi rilanciano contro al flop siete in una brutta situazione. Contro il loose passive, se avete un’overpair dovete studiare attentamente il flop. Può avere una doppia coppia? Ricordate che nel suo range di call preflop ci sono tantissimi one e two gapper. Potrebbe tranquillamente aver cercato il colore con J8s, e floppato top tow pair su J82. Quando succede di solito rilancia molto per cercare di andare ai resti sul flop prima di perdere il punto. Ho visto molti loose passive spingere tantissimo e mandare gli stack in overbet in spot del genere. Quindi, ripeto, esaminate con attenzione la trama del flop.

I loose passive, d’altra parte, rilanciano anche con top pair ed i progetti di colore, quindi non è che potete automaticamente foldare. Tenete presente che dai calcoli di equity che abbiamo fatto è risultato che siamo sopra contro il loro range, e siate quindi inclini a rimanere nella mano su board suited  ma non coordinati, dove è difficile che abbia floppato doppia coppia.

E ricordate che i loose floppano anche set a volte. Se giocate queste mani con attenzione, foldando sui board peggiori e rimanendo dentro in quelli migliori, verosimilmente otterrete un bel guadagno anche quando vi troverete contro un rilancio. L’ultima volta che ho controllato vincevo 11bb per mano con overpair non settate contro un rilancio al flop.

Un rilancio di un LAG o TAG su board dry è o un bluff o un set. Se il board è basso può anche essere che abbia un’overpair più bassa della vostra. Non è un buon momento per mandare la vasca, dato che folderà per lo più i bluff e chiamerà per lo più i set.

Quando un TAG o un LAG vi rilancia su un board pericoloso, di solito è in semi-bluff con una draw o combo-draw, o ha un set e rilancia per valore. È una situazione difficile. Potete rilanciare e chiamare, o chiamare ed andare in check raise all in su turn che non cambia le cose. Ma il principale motivo per cui i LAG ed i TAG forti sono così difficili come avversari è che giocano i progetti, i bluff, ed i set allo stesso modo, e finite quindi per pagarli spesso in questo ultimo caso.

Su un flop A-high, vi conviene lasciare se un avversario loose passive vi rilancia contro. Certo, a volte è in bluff, ma perché rendergli vantaggioso giocare il suo A5o contro di voi? La maggior parte delle volte mancherà il flop, voi non restituitegli i soldi (con altri in più) quando lo centra. Analogamente, lasciate perdere quando vi chiamamo su flop A-high, quando non possono essere in caccia di niente altro. Non riuscirete a fargli lasciare un asso debole, quindi non provateci nemmeno.

 

Fonte : http://forumserver.twoplustwo.com/78/micro-stakes-full-ring/cotw-playing-kk-682495/

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.