Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
allin

Cash Microlimiti – Salire e scendere tra i livelli – Parte 1

Indice dei contenuti

1. Introduzione
2. Scendere di livello
3. Salire di livello
4. Conclusioni

 

1. Introduzione

Per prima cosa, questo articolo non e’ per tutti.
Molti giocano a poker per divertimento e possono ricaricare il proprio bankroll con fondi indipendenti dal poker senza alcun problema.
Il poker per questi giocatori e’ un intrattenimento, come andare al cinema.
Per questo, per giocatori di questo tipo essere costantemente perdenti non e’ un grosso problema, si puo’ semplicemente vedere come un altro costo nella loro vita. Non hanno mai bisogno di scendere di livello.
Altri giocatori sono felici nel giocare al livello in cui stanno giocando e vincendo, e non prendono quindi in considerazione il salire di livello.

Non c’ e’ niente di male all’ appartenere ad una di queste due categorie di giocatori, e non c’ e’ nulla da criticare riguardo a questi due approcci al gioco.

Se pensate di essere uno di questi due tipi di giocatore, non mi preoccuperei molto del leggere questo articolo, a meno di essere interessati a come gli altri giocatori approcciano il poker.
Semplicemente non sara’ applicabile al vostro caso.

Questo articolo coprira’ quelli che sono due argomenti molto differenti.

Salire di livello e’ altamente dipendente dall’ individuo coinvolto, non esistono risposte standard. Quello che spero di trasmettere con questo articolo e’ il tipo di domande che dovreste porre a voi stessi in modo da trovare la giusta risposta per il vostro caso.

Scendere di livello e’ diverso. La dura legge del poker e’ che se siete perdenti ad un livello, nessuna strategia di bankroll management vi salvera’ dal perdere e dover ricaricare.
Scendere di livello puo’ essere volontario, ma diventa spesso una necessita’ se non si ha modo di ripristinare il proprio bankroll con fondi extra poker.
Ai microlimiti, questo non e’ quasi mai il caso, a meno di sceglierlo volontariamente.
La maggior parte delle persone puo’ raccimolare facilmente alcune centinaia di dollari in caso di necessita’.

Dal momento che preferisco terminare l’ articolo con la parte positiva, affronteremo per prima cosa lo scendere di livello.

 

2. Scendere di livello

Questa e’ un’ area estremamente difficile da affrontare per qualsiasi giocatore, indipendentemente dal livello di gioco. Le ragioni sono molteplici.
La prima e’ dovuta alla dipendenza dal gioco. Parte di quello che attira la maggior parte della gente al poker e’ l’ emozione del gioco d’ azzardo.
Non c’ e’ dubbio che alcune persone sono piu’ esposte di altre a questa cosa, ma e’ un effetto che non puo’ essere ignorato.

Il problema con lo scendere di livello e’ che anche lo stake diminuisce. Per via di questo, anche l’ emozione del gioco diminuisce. Senza di questa, il poker diventa noioso per la maggior parte della gente. Questo e’ il motivo per cui si vedono molti giocatori professionisti che dicono di non essere felici e che non riescono ad immaginare il giocare per il resto della loro vita. Non sono piu’ presi dal gioco.

Un’ altra ragione e’ l’ ego. Iniziate a pensare a voi stessi come “un giocatore del 25NL”, invece di “un giocatore di poker”.
L’ immagine di voi stessi viene legata al livello in cui giocate. Lasciarlo significa perdere parte della vostra identita’.
Inoltre, c’ e’ l’ idea di credere di essere molto piu’ forti degli altri giocatori con cui si gioca. “E’ un idiota, come ha fatto a chiamare il mio raise con T8o”.

Varianza. La varianza ci consente di prenderci in giro da soli. Praticamente nessuno ammette mai di stare runnando hot. Quando parliamo di varianza, e’ sempre perche’ stiamo vincendo meno di quanto dovremmo. Tuttavia, la varianza puo’ trattenerci ad un livello in cui ci sentiamo di poter vincere. Vinciamo abbastanza spesso dal poter trovare una scusa come “ho solo trovato l’ avversario al top del suo range”. Ricordiamo le sessioni vincenti piu’ di quelle in cui perdiamo.

I bonus per il bankroll, come i reload, possono portarvi a pensare di continuare a giocare per sfruttarli.

Gli amici possono sviarvi. Nessun amico vuole dirvi che non riuscite a battere un livello, ma solo che state runnando male. I vostri avversari non vogliono a loro volta che facciate level down, vi diranno quindi qualsiasi cosa possibile per farvi continuare a giocare.

Infine, ci sono i vip system delle poker room. Scendere di livello significa perdere lo status, cosi’ come i bonus.

In definitiva, praticamente tutto e tutti cospirano per farvi continuare a perdere soldi.
Certo, potreste studiare di piu’ e quindi sperare di vincere. Tuttavia, nel salire di livello, il lavoro richiesto per mantenere un edge e migliorare diventa piu’ duro, mentre l’ edge ottenuto si restringe.
I vostri soldi potrebbero non durare abbastanza a lungo per dare modo al vostro gioco di migliorare a sufficienza.
Potete contare soltanto su una persona nel fare questo per voi :

Voi stessi.

La soluzione e’ di essere brutalmente onesti con voi stessi.
Agli esseri umani non piace essere onesti riguardo loro stessi, ma questo e’ quello che separa i giocatori vincenti da tutti gli altri. Questo significa affrontare la realta’.

 

#1 Il giocatore medio dei microlimiti perde piu’ di -3ptBB/100.

Si, la gente perde in media piu’ di 3ptBB/100. Essere nella media non e’ sufficiente. Dovete essere essere nel top 40% dei giocatori soltanto per essere break-even.
Per vincere costantemente, dovete essere ancora meglio.
La cosa va oltre il vecchio detto del “se non riuscite a capire chi e’ il fish al tavolo dopo 30 minuti, il fish siete voi”.
Se non riuscite a trovare qualche fish e 4-6 regulars scarsi, siete al tavolo sbagliato.
Se la maggior parte dei tavoli non rientra in questi criteri, non potete battere quel livello di poker.
Non c’e’ niente di male nel giocare break-even per un po’ di tempo mentre si acquista esperienza e si migliora. Tuttavia, non prendetevi in giro nel pensare di essere giocatori vincenti e che le cose cambieranno da sole.

 

#2 Se crushate un livello a poker, non avrete strisce negative molto lunghe.

Si, la varianza esiste. Sono al corrente che il poker puo’ essere problematico anche al 2NL se questo e’ il livello piu’ alto a cui giocate.
Tuttavia, la maggior parte dei giocatori ai livelli piu’ alti dei microlimiti ammetterebbe che se avessero una striscia di 50k mani break-even al 2NL, qualcosa non andrebbe nel loro gioco.
La ragione e’ che la maggior parte dei giocatori ai livelli piu’ alti dei microlimiti puo’ giocare ad un livello talmente superiore del giocatore medio del 2NL che runnare male significherebbe semplicemente fare 2-3ptBB/100, invece dei +10ptBB/100(o piu’) che potrebbero ottenere.

Quindi, se state perdendo costantemente, siete al massimo giocatori break-even o di poco vincenti al livello.

 

#3 Siamo scarsi, giochiamo ai microlimiti.

Nessuno che gioca ai microlimiti ha un gioco completamente solido. Abbiamo tutti leaks, anche molto grandi agli occhi dei top players.
Nel salire di livello, i leaks diventano piu’ difficili da risolvere perche’ sono diventati abitudini. Piu’ alto il livello, piu’ costoso sara’ l’ abbandonare queste abitudini.

 

Riporto di seguito un elenco di cose che dovrebbero indicarvi che il momento di scendere di livello e’ arrivato.

 

Fonte : http://forumserver.twoplustwo.com/78/micro-stakes-full-ring/cotw-moving-up-moving-down-729719/

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.