Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
Poker

Contate gli errori – Mason Malmuth

Mason Malmuth – TwoPlusTwo Magazine, Vol. 8, No. 1

 

In questo articolo esamineremo una mano interessante che ho giocato ad un tavolo $30-$60 al Bellagio.
Contiene numerosi errori commessi dai partecipanti, ed ha ricevuto molti commenti quando l’ ho postata nel forum di 2+2.

Ho aperto 8s 6s da due posizioni a destra del bottone. Il giocatore sul bottone ha callato con Ac Qh ed il giocatore sul big blind ha chiamato a sua volta con Qd Js.

Siamo quindi arrivati al flop in tre, 7d 6c 4d.

Il giocatore sul big blind ha bettato, io ho raisato, il giocatore sul bottone ha cold-callato le due bets, l’ original bettor ha 3-bettato, ed abbiamo entrambi callato.

Il turn ha portato la Qs, che ha dato ad entrambi i miei avversari top pair. Il giocatore sul big blind ha bettato, ho callato, ed il giocatore dietro di me ha callato a sua volta.

Al river e’ uscito l’ 8h (che mi ha dato two pair e la best hand). Il giocatore sul big blind ha bettato, ho callato, ed il giocatore sul bottone ha callato a sua volta. Ho vinto quindi un buon pot, $560.

Ok, analizziamo ora le giocate in modo piu’ approfondito.
Per iniziare, e’ stato corretto il mio raise con 8s 6s ?
Notate che se callato (o re-raisato) la mia mano ha molto poco valore, nel senso che molto poco probabilmente avro’ la best hand.
La logica impone quindi che se i giocatori restanti tendono ad essere tight e non aggressivi un raise e’ appropriato dato che avro’ diversi modi per vincere : potrei rubare i blinds, essere fortunato e chiudere la best hand, o rubare il pot al flop (o su una street seguente).
Tuttavia, se avessi saputo che un paio dei restanti giocatori, in particolare il big blind, avessero giocato come hanno fatto, avrei dovuto foldare la mia mano.

(In mia difesa, mi ero appena seduto e non avevo alcuna informazione sui giocatori dietro di me. Quindi in questo caso e’ probabilmente ok raisare occasionalmente con una mano come 86s in questo spot. Farlo tuttavia come standard in questo spot e’ probabilmente sbagliato.)

Guardiamo ora alla giocata del bottone. E’ chiaramente sbagliata. Ace-Queen e’ troppo forte per limitarsi a callare un late position raiser che potrebbe essere tranquillamente in steal.
Avrebbe dovuto 3-bettare automaticamente. Oltre all’ ottima possibilita’ che abbia la best hand, il 3-bettare dovrebbe spingere i giocatori sui blinds a foldare, incrementando le sue possibilita’ di vincere anche senza migliorare la propria mano.

Il call del big blind e’ ok. Contro un possibile steal ed un caller, due carte medio alte sono abbastanza forti per callare un raise, anche se il giocatore sul big blind preferirebbe probabilimente giocare heads-up contro l’ initial raiser. (Si, lo so, alcuni di voi non saranno daccordo con l’ affermazione sull’ heads-up.)

Il flop e’ dove l’ action si scalda. La bet iniziale del giocatore sul big blind e’ chiaramente sbagliata. La sua bet e’ essenzialmente un bluff completo su di un board che non solo e’ composto da carte basse, ma che contiene anche due carte suited e tre carte a scala.
Non ha virtualmente alcuna chance di vincere il pot, e potrebbe ritrovarsi a buttare altri soldi al turn.

Il mio raise al flop e’ certamente corretto. Primo, data la possibilita’ che stia giocando contro uno straight o flush draw, la mia pair potrebbe essere (al momento) la best hand. Se non e’ la best hand, dovrei avere almeno 13 outs. Piu’ importante, nel caso la mia mano sia al momento la migliore, e’ imperativo il far foldare il giocatore dietro di me.
Il pot e’ ora abbastanza grande ed il massimizzare le mie possibilita’ di vittoria e’ la strategia piu’ adeguata. Vincere il pot e’ piu’ importante del provare a raccogliere altre bets nel caso la mia mano sia buona (o diventi la best hand).

Il cold call del giocatore sul bottone e’ una giocata terribile, come dovrebbe apparire ovvio alla maggior parte di voi.
Questo giocatore sta semplicemente investendo troppi soldi nel pot con pochissime possibilita’ di vincerlo, data l’ action precedente e la texture del board.
Inoltre, potrebbe ritrovarsi a perdere ulteriori soldi al turn.

La 3-bet da parte del big blind e’ a sua volta ridicola. Data l’ action, il board, e la dimensione del pot, nessuno foldera’ la propria mano, e non prendera’ certamente altre bets perche’ ha la best hand.
Potrebbe tranquillamente prendere un po dei suoi soldi e bruciarli, ottenendo il medesimo risultato.

Dovrebbe anche essere chiaro che il call alla terza bet mio e del giocatore sul bottone sono corretti.
La dimensione del pot lo impone, potreste argomentare che dovrei 4-bettare per provare a prendere una free card nel caso il turn non mi aiuti. Il problema con questa strategia e’ il giocatore che ho dietro. Non solo rende piu’ difficile il prendere la free card, ma l’ initial bettor potrebbe 5-bettare (che rappresenta il limite nella maggior parte delle cardrooms a LV).

La queen al turn cambia tutto. Ora il “maniac” sul big blind pensa probabilimente di aver chiuso la best hand. Quindi betta. Tuttavia, se raisato, dovrebbe riconsiderare le sue chances di essere messo bene, e forse anche foldare. Data l’ action e quello che sappiamo riguardo questa mano (dopo il fatto) sono sicuro che non sarebbe successo, per questo lo conto come un errore.

Il mio call e’ corretto per via del numero di outs e la size del pot. Cosa invece riguardo il call del giocatore sul bottone ? Un raise potrebbe essere migliore. Primo, potrebbe ora avere la best hand – che aveva – e secondo, potrebbe far foldare almeno uno degli altri giocatori.
Di nuovo, in un grosso pot, aumentare le proprie chances di vincere e’ frequentemente la cosa piu’ importante che si puo’ fare.

Il river e’ stato nuovamente giocato male dal big blind. Data l’ action ed il fatto che era stato callato da entrambi gli avversari al turn, poteva tranquillamente essere gia’ battuto.
Tuttavia, nel caso avesse avuto la best hand, l’ 8 al river avrebbe potuto facilmente far chiudere una mano migliore agli altri giocatori.
In piu’, con un four-straight board, qualcuno avrebbe potuto raisare.
La giocata piu’ appropriata in questo spot sarebbe stata il check, con la speranza di non vedere alcun avversario bettare. E, nel caso di action, il fold avrebbe potuto essere facilmente la giocata migliore.

Il mio call al river e’ corretto. Data la dimensione del pot, le mie two pair dovrebbero vincere abbastanza spesso.
Il giocatore sul big blind potrebbe stare bettando two pair inferiori o una mano come A7 per valore.
Ovviamente, esiste anche una piccola possibilita’ che stesse bettando qualcos’ altro che avrei potuto battere.

Riguardo al giocatore sul bottone, il suo call e’ molto difficile da giustificare. Per consentigli di vincere, l’ initial bettor dovrebbe stare completamente giocando a caso, ed il mio call essere una mano estremamente debole. Premesse che non dovrebbero verificarsi molto spesso, secondo me, per rendere questo call profittevole, anche considerando la grande dimensione del pot.

Bene, ho contato otto errori. Quanti ne avete individuati ? E si, i tavoli a LV possono essere molto buoni.

 

– Mason Malmuth – TwoPlusTwo Magazine, Vol. 8, No. 1
Fonte : http://www.twoplustwo.com/magazine/issue85/mason-malmuth-counting-errors.php

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.