Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
Poker

Pensare come un fish – Parte 1

Come pensano i fish, e perche’ pensano in questo modo ?

Gli esseri umani sono pigri per natura. Hanno una cosa chiamata “ego” che li porta ad alterare la loro logica in qualcosa che non ha alcun senso.
La gente si rifiuta di ammettere di essere battuta/surclassata/”out of their league”.
Questo e’ il motivo per cui il gioco non morira’ mai, i fish non vogliono ammettere di essere giocatori scarsi, o abbassarsi a chiedere aiuto a qualcuno per migliorare.

 

Giocatori istintivi vs Giocatori razionali

Il dibattito infinito… sei un giocatore “istintivo” che segue le sensazioni, o un giocatore “razionale” che segue la matematica ?

Il giocatore istintivo crede che la matematica sia sopravvalutata e stupida e che nel gioco contino soltanto l’ esperienza nel leggere le mani degli altri giocatori e tells e linguaggio del corpo per capire quando l’ avversario e’ “weak” o “strong”.

Il giocatore razionale pensa che ogni situazioni andrebbe calcolata matematicamente. Quali sono le odds, qual e’ la % di vincere la mano, etc… “E’ questa mossa +EV ?”.

La logica e’ fallata in entrambi i casi. Perche’ essere un tipo di giocatore e non l’ altro ? Perche’ scegliere di ignorare la matematica dietro il gioco ? Perche’ scegliere di ignorare variabili che potrebbero alterare la vostra equazione ?
Seguire la matematica e’ una buona cosa soltanto se lo si fa correttamente e si hanno i numeri corretti per i propri calcoli. E’ possibile cambiare le variabili a proprio piacimento fino a far passare una decisione sbagliata per corretta.

Ecco alcune idee sbagliate comuni, riguardanti entrambe le filosofie di gioco.

 

– “Ci sono volte in cui i numeri non hanno alcuna importanza”

No, non e’ vero. Ci sono volte in cui e’ possibile usare le proprie “sensazioni” per alterare i numeri e rimuovere mani dal range dell’ avversario. Anche se avete un tell su qualcuno accurato al 100%, raramente potrete metterlo su di una sola mano, generalmente potrete assegnargli un “range” di mani.
Piu’ accuratamente definirete il range piu’ accurati saranno i vostri numeri.

 

– “Ho odds 3-1, devo callare”

Questo punto e’ molto comune, anche per i giocatori che non conoscono la matematica.
“Posso callare perche’ ho pot-odds”, ai fish piace citare “pot odds” o “implied odds” per giustificare il vedere flops, callare bets o inseguire draws, anche quando e’ matematicamente sbagliato farlo.
Esistono volte in cui il call e’ molto economico, ma in realta’ non si hanno odds corrette per farlo.
E’ importante pensare alle mani con cui l’ avversario potrebbe bettare per valore ed a quelle, che potrebbero essere ancora in gioco a questo punto della mano, con cui potrebbe bluffare.
Potrebbe villain avere un busted draw ? Potrebbe trasformare una low pair in bluff ? Sta’ overplayando la sua mano ? Bettera’ top-pair su di un 3-flush/4-straight board al river ?

 

– “La sua strategia rappresenta il modo sbagliato di giocare”

Questo punto sembra verificarsi molto con giocatori che sentono che il loro stile di gioco e’ ampiamente superiore a quello di tutti gli altri.
“Gioca piu’ loose di me, e’ un maniac”“E’ piu’ tight di me, quindi e’ un nit”.
La bellezza del poker e’ che esistono molti stili che possono essere vincenti, prima di denigrare completamente la strategia di un giocatore, fermatevi e pensate a come potreste exploitare il suo modo di giocare.
Non solo questo vi aiutera’ a sviluppare il vostro gioco, ma anche a comprendere il mindset delle persone che si siederanno al vostro tavolo, dandovi modo di exploitare piu’ velocemente il loro thought process.

 

– “E’ un giocatore vincente, deve per forza aver ragione”

Questo e’ pericoloso. Non dovreste mai limitarvi a prendere i consigli strategici di qualcuno ed integrarli direttamente nel vostro gioco, dovreste fermarvi e pensare al perche’ una giocata e’ considerata la migliore possibile, oppure perche’ un’ altra e’ considerata orribile.
Il forum di TwoPlusTwo e’ un esempio lampante per questo punto, ci sono moltissimi giocatori vincenti che postano consigli utili, tuttavia questi aiuti potrebbero non essere direttamente applicabili al vostro gioco. Il giocatore potrebbe aver guardato la mano ed averla interpretata male (dopotutto non ha soldi sul tavolo in questo caso, non ha reads sui villains e potreste non aver fornito tutte le informazioni rilevanti sulla mano, il suo aiuto potrebbe quindi essere distorto sulla base delle informazioni che ha a disposizione).

Questo non considerando il caso di giocatori che anche avendo uno stile vincente, hanno grandi lacune fondamentali nella loro conoscenza del gioco. Quello che funziona per alcuni potrebbe non funzionare per altri.

 

– “Sono talmente bravo che non ho bisogno di lavorare sul mio gioco”

Questo punto non dovrebbe aver bisogno di spiegazioni. Il gioco del poker cambia e si evolve nel tempo. E’ necessario adattarsi per mantenere un edge.
Se un giocatore come Phil Ivey impara qualcosa di nuovo ogni volta che gioca, cosa vi rende migliore di lui ?

 

– “Sono soltanto in downswing, tutto tornera’ presto alla normalita’“

Anche se e’ vero che la varianza fa parte del gioco, e’ ingenuo pensare di stare ancora giocando il proprio miglior poker quando si e’ in downswing.
Analizzate le mani giocate, avete veramente perso il minimo possibile nel vostro downswing ?
Avete buttato un paio di buy-in a causa del tilt ? Avete commesso alcuni errori di frustrazione perdendo 10-20bb di tanto in tanto ? Tutto si somma e la maggior parte di noi non gioca il proprio a-game quando e’ in perdita.
Le carte non hanno memoria, tuttavia trovarsi nel mezzo di qualcosa si crede sia un “downswing” puo’ causare problemi di mindset.
E’ una buona idea in questi casi ridurre il tempo di gioco ai tavoli e concentrarsi maggiormente sul capire se si hanno leaks che stanno contribuendo al downswing.
Avete estratto il massimo valore dalle vostre mani forti ? Avete perso il minimo nelle mani sfavorevoli ? Avete bluffato negli spot corretti per farlo ?
Non siate pigri e non cercate scuse, mettete da parte il vostro ego e mettetevi a studiare.
E’ molto probabile troviate alcuni leaks nel vostro gioco che sono sempre stati presenti ma che si stanno verificando piu’ frequentemente del normale, cosi’ da poter vincere di piu’ quando le carte torneranno a sorridervi.

 

Fonte : http://forumserver.twoplustwo.com/78/micro-stakes-full-ring/cotw-pitfalls-common-thinking-thinking-like-fish-837964/

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.