Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Valutare la texture del board – Parte 1

Indice dei contenuti

01. Cosa rende un board pericoloso(wet)? 
01a. Il flop e’ pericoloso se si connette con il range del nostro avversario.
01b. Il flop e’ pericoloso se il numero di potenziali scare cards e’ alto.
01c. Il board puo’ solo peggiorare.
01d. La valutazione della texture dipende dai Villains.
01e. La pericolosita’ e’ relativa.
01f. La valutazione della texture dipende dall’ action pre-flop.
01g. La valutazione della texture dipende dal livello di gioco.

02. Cosa rende un board non pericoloso(dry)?
03. Note finali.

 

Preambolo

Nel leggere i post di strategia nei forum di poker, i boards vengono generalmente descritti come “wet” o “dry”.
Questi termini sono semplici abbreviazioni per esprimere quanto il board ha aiutato i nostri avversari.

 

01. Cosa rende un board pericoloso(wet)?

Come la maggior parte delle cose nel poker, esiste un unica risposta costante : Dipende.
Due flops identici possono essere wet o relativamente dry, in base semplicemente alla situazione.

Entrando in un pot, abbiamo normalmente una buona idea del tipo di flop che vorremmo vedere.
In modo analogo, assegnando ai nostri avversari dei ranges di mani, dobbiamo capire che la relativa pericolosita’ del board non dipende molto dalle carte che vediamo, ma da quanto queste possono aver aiutato l’ avversario.
Con questo approccio, possiamo ricavare una serie di regole generali abbastanza semplici da assimilare.

 

01a. Il flop e’ pericoloso se si connette con il range del nostro avversario.

Possiamo sapere se un flop si e’ connesso con la mano del nostro avversario? Ovviamente no, o almeno, non per certo.
Questo e’ il punto in cui le nostre reads ed i range che abbiamo assegnato assumono importanza.
Le statistiche sull’ avversario sono buone, le note prese giocando ancora meglio.

Contro un set-miner nitty, possiamo tranquillamente assumere che un flop A-Q-4 ha missato il suo range il 90% delle volte.
Nello stesso momento, il nit vede un flop con due high cards ed assume che la nostra mano ha hittato.
Quindi, dal nostro punto di vista il flop e’ dry, mentre dal punto di vista del nit il flop e’ in qualche modo wet.

 

01b. Il flop e’ pericoloso se il numero di potenziali scare cards e’ alto.

“Chiama il flop, rivaluta il turn”.

Capita comunemente di leggere questo consiglio, normalmente nelle discussioni sulle mani piu’ interessanti.
Senza contare le pocket pair, missiamo il flop circa il 70% delle volte. Cosi’ come i nostri avversari.
Anche se non possiamo sapere esattamente che cosa ha in mano il nostro avversario, una buona parte dei flops non saranno esattamente di suo gradimento.

Quando chiamiamo una bet al flop stiamo sperando in una carta safe al turn, dopo la quale le azioni dei nostri avversari dovrebbero aiutarci a restringere i loro range.

Ad esempio :

Siamo in mid-position, con 55+/AJs ed open-raisiamo.
Un buon Villain cold-calla dal CO ed il resto del tavolo folda.

Il flop esce Tc 9d 7c, che e’ abbastanza orribile, o nella terminologia comune : molto wet.

C-bettiamo e Villain raisa.

Prima di chiamare il raise, provate a pensare a tutte le carte che potrebbero uscire al turn e peggiorare ulteriormente il board.

  • Ogni Xc completa un flush (Fino a 11 carte).
  • Ogni 8 mette quattro carte a scala sul board e da a 88 un set + OESD (altre 3 carte).
  • Ogni Jack o 6 completano un OESD (altre 6 carte).
  • Ogni King completa ancora un altra OESD per QJ (altre 3 carte).
  • Assumendo che la mano del nostro avversario si e’ connessa con il flop, ogni asso non-club potrebbe facilmente dare two-pair (altre 3 carte). Fanno 11+3+6+3+3 = 26 carte.

Quindi, nel caso peggiore, su 47 carte disponibili, piu’ della meta’ saranno carte che non vorremmo necessariamente vedere.

Dipende molto dalla nostra mano, e specialmente dalla read che abbiamo su Villain sulla sua intenzione di continuare o meno a mettere soldi nel pot.

Ora, se il flop fosse stato Kc Th 9s non sarebbe stato nemmeno lontanamente brutto come il precedente.
Certo, sempre wet, ma senza almeno consentire una moltitudine di draws e combo-draws.
Come fattore aggiunto, trovarsi contro two-pair floppate sarebbe stato meno pericoloso rispetto al primo caso.

 

Texture e c-bets

Ora, questo dato del 70% di flops missati rappresenta soltanto un valore matematico.
Infatti, ai micro stakes, possiamo generalmente assumere che contro un singolo avversario questo missi effettivamente il flop l’ 80% delle volte.
Un cold-call pre-flop implica normalmente o una pocket pair, o qualche asso suited, o uno dei migliori suited connectors (87s-JTs).
Un board King- o Queen-high e’ quasi perfetto per c-bettare.
Gli assi suited lo hanno missato, e quasi tutti metteranno AK/AQ nel vostro probabile pre-flop raising range.
Anche con mani vere, tipo piccole pocket pairs, la maggior parte dei Villains sono semplicemente in set-mining e giocheranno fit-or-fold.

 

01c. Il board puo’ solo peggiorare.

Questo punto suona un po’ pessimistico, vero?

Pensate all’ orribile flop wet della sezione precedente.
Il board e’ Tc 9d 7c, ed abbiamo gia’ calcolato che almeno il 55% del deck potrebbe peggiorarlo ulteriormente dal nostro punto di vista.

Cosa riguardo il restante 45% del mazzo?

Anche con un turn blank, diciamo un 3h, il board non cambiera’ in meglio. Tutti i draws saranno ancora li, ed ogni made hand sara’ forte quanto prima, mentre la nostra mano non sara’ certamente migliorata.

Infatti, non c’e’ virtualmente alcun turn che potrebbe piacerci. (Con un unica eccezione : Abbiamo AdAh ed il turn e’ As).

 

Fonte : http://forumserver.twoplustwo.com/78/micro-stakes-full-ring/concept-week-8-evaluating-board-texture-442027/

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.