Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
Meoni_Manuel_Kovsca_R__DSC_8149

Ale Meoni: ‘L’Ipt non mi cambierà la carriera ma basta con gli sponsor fasulli’

“E’ la vittoria live più importante della mia carriera questo è ovvio. Tuttavia proseguo per la mia strada e non mi ha cambiato la vita. Giocherò online e gli stessi tornei di prima e valuterò solo progetti seri e concreti con qualche poker room perché sono già state tante le perdite di tempo in cui mi hanno tirato dentro”. Alessandro ‘Cippino’ Meoni torna sulla sua vittoria all’Itp di Sanremo di fine luglio.

Sono passati una decina di giorni ed è tempo di bilanci, di capire se cambierà qualcosa nella sua vita. “Ripeto avevo vinto già qualcosa in carriera – puntualizza il 29enne di Prato – ma questa chiaramente è la vittoria più importante mai raggiunta. Cosa cambierà? Nel live ci sono da tanti anni ed è chiaro che questa somma vinta (180,000 ndr) incrementa il mio bankroll. Ma non intendo cambiare la mia impostazione. Mi regalerò di tanto in tanto qualche bel torneo ma preferisco giocarli se sono in un ottimo momento con l’online o se vincerò qualche satellite”.

Meoni ha le idee chiare, specie in fatto di sponsor: “Sto valutando qualche proposta arrivata dopo la vittoria e che era già in corso ma mi legherò solamente a progetti seri e concreti perché io e tutti i giocatori ci siamo scantati delle proposte assurde che ogni tanto arrivano e ci fanno perdere solo tempo”.

Ogni riferimento a poker room ed esperienze appena passate non è ovviamente casuale: “Ripeto basta con i finti sceicchi di turno, mi sono stancato di perdere tempo anche se ogni tanto noi giocatori rischiamo di finire in progetti che non hanno el giuste garanzie”.Meoni Manuel Kovsca R  DSC 8149

Il torneo com’è andato? “Come spesso mi succede o faccio subito chips o esco. Quindi sono rimasto sempre primo nel chip count e al final table sono arrivato in media. I players rimasti corti sono usciti senza trovare quei raddoppi che avrebbero cambiato tutto. I primi due in chips poi si sono scontrati favorendomi quando siamo rimasti in tre. E lì poi ho iniziato a giocare a poker e sono riuscito a vincere anche se non si era messa benissimo”.

Programmi imminenti? Ci sarà comunque un sogno pokeristicamente parlando? “Non sono mai andato a Las Vegas e vorrei andare l’anno prossimo ma con un programma valido. Fare solo il main event secondo me non ha senso. Ma non ho neanche 70-80k euro da spendere così facilmente per giocarne tantissimi e vediamo da qui a 12 mesi come andranno le cose, Ma mi piacerebbe molto sì”.

Tu giochi molto online ma ami anche molto l’Heads up e il Pot Limit Omaha: come mai in Italia non decollano dal vivo queste specialità? “Ho giocato buoni tornei di heads up in qualche Ept ma non sei proprio comodo con i migliori al mondo che giocano buy in notevoli che per loro sono briciole. L’Omaha c’è qualche tentativo ma secondo me sarà dura vederlo diffuso dal vivo da qui a qualche anno e rimarrà una disciplina prettamente online”.

Tu e la bellissima Francesca Pacini siete una coppia che pokeristicamente parlando comunque vola alla grande no? Quanto lei ti ha portato fortuna rispetto al tuo contributo tecnico che le avrai sicuramente trasmesso? “Sicuramente porta fortuna, e lo posso dire forte all’Ipt. Meno online visto che potevo vincere e sono arrivato solo quarto. Ma non ci lamentiamo e va tutto bene!”.

E ora vacanze? “Siamo sempre in vacanza – sorride Meoni – diciamo che appena potremo faremo una vacanza ancor più rilassante”.

(foto Manuel Kovska)

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.