Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Assoluzione per il circolo di poker live di Treviso: ha vinto la tesi difensiva, smontata la pubblica accusa

“I miei assistiti sono stati assolti e il provvedimento della Questura quindi non avrà più efficacia. Aspettiamo le motivazioni della sentenza ma oggi il Giudice del Tribunale di Treviso ha seguito e quindi accolto la mia tesi che prevede la valutazione della legittimità penale da parte del giudice di un provvedimento amministrativo”, informa l’avvocato Cristian Menegon a Gioconews.it Grande soddisfazione per il titolare della All Stars di Camalò Povegliano, in provincia di Treviso che ha finalmente vissuto la fine di un incubo dopo la denuncia penale avuta tre anni fa e ben tre capi di imputazione del codice in base agli articoli 718, 719 comma 1 e 4 e l’articolo 650 che gli pendevano sul collo come una spada di Damocle.

Il principio che si va ad instaurare è fondamentale e va ad aprire tantissime porte per altre provincie e altre sale da gioco in Italia: se il Texas Hold’em non è inserito da una legge nazionale nella tabella dei giochi proibiti, a livello locale il giudice penale può valutare la legittimità dell’atto amministrativo. Nel caso della All Stars il giudice ha sovvertito le decisioni della Questura di Treviso abbracciando la tesi difensiva di Menegon. “Leggeremo nella sentenza le reali motivazioni che hanno portato il giudice ad assolvere dopo tre anni i miei assistiti – analizza il legale che ha collaborato a lungo con Max Rosa, avvocato espertissimo in materia di gioco – tuttavia sembra essere passato il mio concetto. Non possiamo trovarci a Treviso ed essere condannati penalmente per gioco d’azzardo mentre in altre città non succede nulla. La legge penale deve essere applicata uniformente lungo tutto il territorio statale, altrimenti non ha senso”.

Una sorta di discriminazione territoriale, quindi. E la tabella dei giochi proibiti, a questo punto, può risultare inutile se non modificata da un provvedimento nazionale e a livello generale.

Esiste la legge 88/2009 che riserva il poker sportivo alla gestione dello Stato. Tuttavia a livello locale, le cose cambiano.

Soddisfazione per i players trevigiani che, forse, potranno a tornare giocare liberamente. Tuttavia siamo alle solite: il solito caos normativo e sotto ogni campanile vige una regola differente. E del regolamento zero tracce.  

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.