Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Badante gioca 4 freeroll e vince il Main Event Wsop su Giocopiù.it

“Ho giocato e vinto prima il freeroll che offriva 10 posti per lo step successivo, quindi quello intermedio che offriva cinque seat per l’ultimo che offriva la partecipazione al satellite vero e solo al vincitore. E poi ho vinto anche l’ultimo e così volerò a Las Vegas per giocare il main event delle World Series Of Poker. Che soddisfazione!”. Tutto sommato un fatto del genere non farebbe notizia giusto? Soprattutto se lo avesse vinto un ragazzino in fissa col poker online. Ma il racconto che segue vede protagonista Cinzia Osti una donna di 50 anni che è nata e vive in provincia di Mantova e che ha compiuto questa autentica impresa giocando sulla piattaforma di poker online della concessionaria Giocopiù.it. In palio il classico pacchetto e la ‘nostra’ si è messa al tavolo quando tornava a casa stanca dal suo lavoro che la mantiene e la sostiene, in una casa di riposo di Revere, sempre nel mantovano. “Io gioco per hobby per divertimento non sono una professionista. Ho iniziato a giocare perché piace anche al mio compagno e quando torno dal lavoro, la sera, mi piace rilassarmi e giocare i freeroll o tornei piccolissimi. Insomma ci passo il mio tempo”.

Così Cinzia si è imbarcata nell’impresa: “Ho iniziato con questi freeroll e piano piano sono riuscita a vincere e la soddisfazione è tantissima. Il fatto di andare in America e sapere che tanti lo fanno per lavoro. So che ci devo andare ma non mi rendo conto di quello che mi è capitato anche perché noi siamo abituati in mezzo alla campagna e non alle luci e ai grattacieli”.

Purtroppo questa storia fa ancora più notizia per la triste vicenda del terremoto: “Dove abito sono le zone più colpite e la mia casa sarebbe praticamente da demolire – lo dice sorridendo e mostrando una forza che forse evidenzia il lato potente del suo carattere – così mi sono dovuta trasferire in affitto. Andare a premio? Al di là dei soldi, che comunque servono perché chiaramente siamo ridotti all’osso, sarebbe una grandissima soddisfazione andare più avanti possibile”.

Come pensa di giocare? Strategie, sta leggendo libri o guardando la tv? “In un torneo del genere la fortuna credo conti molto, così come conta sempre. Lo diciamo anche nelle nostre zone che alla ‘fortuna’ (non dice esattamente così, ndr) non si comanda. Certo è un gioco di abilità ma con così tante persone in gioco non basta la tecnica”. E valle a dare torto.

Sarà dura ritrovarsi nella Strip di Las Vegas e tra migliaia di giocatori al Rio Casinò? “L’ho detto a Elisa Azzena la manager di Giocopiù.it che mi ha contattato e seguito: adottatemi! Ho 50 anni e parto da sola, lasciandomi il terremoto alle spalle e il mio compagno che gioca a poker anche lui e vorrebbe tanto andare al posto mio”. Se la ride ancora la signora Tosti e ci regala ‘buoni esempi’ a raffica. Il poker è intrattenimento e può essere un lavoro ma va preso comunque per quello che è: un gioco.

A Las Vegas la seguiranno i pro di Giocopiù.it che sono in trasferta: Luca Falaschi e Gianluca Marcucci che giocherà il main event anche lui.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.