Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Barbaro (Asi): “Riconoscere il poker come sport, ecco la via della regolamentazione"

Roma – “Questo è il lancio di nuova fase per il poker sportivo. Devo precisare tuttavia alcuni passaggi di rapporti con l’Asi. Ci troviamo di fronte ad un progetto ambizioso, ma bisogna partire da un presupposto: l’Asi non è un ente di promozione come gli altri, ha un’impostazione politica diversa rispetto ad altre realtà. Abbiamo un rapporto diverso col Coni, siamo ‘conicentrici’ e crediamo nel rigore e nella distinzione dei ruoli tra federazione ed enti. Se facciamo una convenzione vogliamo avere la certezza che questa rientri nei solchi delle regole che disciplinano lo sport”.

È quanto afferma Claudio Barbaro presidente Asi alla presentazione del progetto ‘Poker Sportivo 2.0’ che si sta tenendo in queste ore a Roma.

 

“Non è un semplice rapporto con un ente di promozione – aggiunge – perché la Figp è l’unico soggetto deputato a parlare col Coni, per i suoi rapporti pregressi con Coni e ministero delle Finanze che la Figp ha avuto in questi anni. Crediamo che tramite il poker sportivo potremmo tornare a finanziare il Coni come ai tempi del Totocalcio. Ci impegneremo a introdurre la Figp nel Coni e speriamo di arrivare al definitivo riconoscimento della federazione. L’obiettivo è quello di ricondurre il poker all’interno dei rapporti di natura sportiva. Siamo convinti che sia questa la via per la regolamentazione. Gli incontri con il sottosegretario all’Economia, Alberto Giorgetti, hanno mostrato che egli guarda con benevolenza il riconoscimento del poker come sport. Ad oggi ribadiamo che l’unico soggetto riconosciuto dal Coni è la Figp”.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.