Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Buonanno, miglior risultato italiano delle Wsop Las Vegas, il braccialetto dell’evento 57 va a Perrins

Las Vegas – “Meglio che vincano i giovani che ci lavorano con questo gioco che io che avevo già deciso di smettere e comunque di fare meno tornei. Tra i quattro rimasti in gioco quando sono stato eliminato (proprio dall’inglese che ha vinto il braccialetto, ndr) temevo Matt Perrins. Ora giocherò il main delle World Series al day1b poi si vedrà, ci sono cose molto più importanti nella vita e non faccio programmi”.

Antonio Buonanno ha centrato il miglior risultato degli italiani alle Wsop, finora con il quarto posto itm all’evento 57 5.000$ No Limit Hold’em che gli sono valsi ben 231.000 dollari. Eppure il morale non poteva essere buono, anzi. “Ovviamente c’è un po’ di delusione ma ci vuole anche molta fortuna quando si giocano certi tornei e ho subito degli scoppi notevoli, sono sceso poi risalito e quindi uscito”.

 

Il colpo con coppia di 9 contro 6-4 di quadri ai resti preflop è simbolo delle Wsop degli italiani cui è mancata proprio la zampata finale vicini al titolo mondiale: “Ho giocato in maniera molto diretta per andare a vincere i massimi ma alla fine ho subito questi scoppi e quella mano maledetta che mi ha costretto poi a rincorrere il chip count e poi a uscire”.
Poco prima dello start del final table Buonanno ci confessava di essersi allontanato dal poker nonostante le sei bandierine in altrettanti eventi Ept. “Ne gioco pochi, non ho sponsor che mi segue e mi finanzia e alla fine a certi livelli conta molto la varianza e che la fortuna giri dalla tua parte altrimenti, come oggi, basta uno scoppio come quello subito da me e si rimette tutto in gioco”, prosegue Bonanno.

Ora il player italiano passerà dei giorni con il figlio e poi si getterà nella mischia del day1c del main event.
Certo questa vincita potenzia un bankroll importantissimo per giocare una stagione intera e a livelli alti: “Giocherò quando avrò voglia e se sono ispirato senza fare programmi. Ero indeciso anche di venire a Las Vegas”. Scelta indovinatissima, invece, alla faccia di chi una sua vittoria non l’aveva mai desiderata. Chissà poi perché.

IL BRACCIALETTO A PERRINS-  Alla fine ha vinto Matt Perrins, giocatore fortissimo che vinse l’Ipt di Venezia già nel 2009 e poi si è fregiato di un braccialetto nel 2010. Questo è quindi il secondo e inizia ad entrare nella storia del poker insieme a tanti ottimi piazzamenti e final table.
Per lui 792.000 dollari dell prima moneta su 3,7 milioni in palio generati da 784 giocatori per 5.000 dollari buy in.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.