Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Bwin e Party Poker confermano le trattative per la fusione

Ci sono state, negli ultimi tempi, molte voci e notizie di fusioni tra colossi del gioco online. Una di quelle che ha fatto più parlare è quella tra Bwin e Party. Le voci hanno cominciato a girare la scorsa estate, ma per una conferma che qualcosa stesse effettivamente bollendo in pentola si è dovuto aspettare ancora qualche mese.

Entrambe le compagnie hanno di recente ammesso di essere in trattativa, ma continuano a rifiutarsi di dare delle conferme ufficiali e chiare. Il quotidiano inglese Guardian riporta una frase del presidente di bwin Hannes Androsch secondo la quale “ci sono delle discussioni in corso, ma non sappiamo ancora se verranno portate a termine”. Nel frattempo il direttore esecutivo di Party Gaming Jim Ryan ha fatto allusioni a delle “discussioni attive.” In una dichiarazione più ufficiale, Party Gamin ha rivelato che “si conferma che stiamo continuando a mantenere trattative con un certo numero di compagnie nel settore del gioco, riguardo a possibili opportunità di consolidamento.” Il fatto che nessuna delle due aziende voglia dare conferme ufficiali sembra indicare che in gioco ci sono più compagnie. “Credo che effettivamente potrebbe esserci un effetto domino”, sostiene una fonte anonima citata dalla Reuters, “che cioè una volta che il primo accordo verrà firmato tutti correranno per farlo anche loro”.

Resta comunque il fatto che quella tra bwin e party è la fusione più probabile, se non altro per una questione di dimensioni. Al momento, inoltre, non c’è nel settore del gioco online una forza dominante, e la sua nascita potrebbe portare molta forza ad entrambe le aziende. Le quali sono inoltre complementari come tipo di clienti – più scommettitori “sportivi” su bwin, più giocatori di casinò su party. Quest’ultima è infine secondo pokerscout.com la più grossa compagnia del mondo a non accettare giocatori statunitensi, e terza in assoluto. In network ongame, di proprietà di Bwin, è invece il quinto al mondo.

 

fonte: http://www.flopturnriver.com/blogs/bwin-and-partygaming-confirm-merger-talks-12178

 

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.