Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
France

bwin.party: una multa da 40mila euro in Francia per aver violato le leggi sul poker

Il tribunale di Nanterre ha comminato una sazione da 40.000 euro ai co-direttori del gruppo bwin.party Manfred Bodner e Norfert Teufelberger per aver violato la legge francese sui giochi d’azzardo molto prima della regolamentazione entrata in vigore nel 2010.

In particolare Bwin avrebbe violato la legge tra il 2003 e il 2005 quando la società offriva gioco, poker e betting online, ai cittadini francesi.
Anche se la Francaises des Jeux e il Pari Mutuel Urbain hanno ritirato le loro denunce il caso sarebbe andato avanti d’ufficio ed è ancora seguito dal pubblico ministero.
Incriminata l’offerta di gioco ma anche la pubblicità che sarebbe stata illegittima. Specie quella alle squadre di calcio e ai giocatori. Come per il caso della sponsorizzazione stretta con il Monaco.
Un brutto colpo e di sicuro non un premio per bwin.party che fu la prima società a ricevere la licenza di gioco ‘dot fr’ a giugno 2010. La difesa è sempre incentrata sul rispetto delle regole del diritto europeo e, come noto, le leggi precedenti che regolavano il gioco in Francia risalgono addirittura al diciannovesimo secolo.
La Commissione europea potrebbe non essere d’accordo con la posizione del gruppo Bwin. In alcuni casi l’Ue riconosce alcune restrizioni alla circolazione di servizi anche perché all’epoca esistevano già due licenze che operavano in monopolio come FDJ e PMU. Ancora problemi per Teufelberger e soci. Impossibile dimenticare l‘arresto del direttore austriaco in Belgio nel 2012, sempre per aver operato senza licenza.

 

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.