Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

California: le tribù indiane contro l’ingresso di PokerStars nel poker online

Mentre un’apertura per il poker online l’avevano data, i gruppi tribali della California che rappresentano tre gruppi di nativi indiani, hanno espresso la loro ferma opposizione nei confronti di PokerStars come ipotetico nuovo operatore della legge in fase di studio.

La California Tribal Business Alliance (CTBA) comprende la Paskenta Band of Nomlaki Indians, la Pala Band of Luiseño Indians e il Viejas Band of Kumeyaay Indians, “si opporranno fermamente a qualsiasi legislazione alla quale PokerStars cercherà di partecipare”, ha detto il presidente della CTBA, Leslie Lohse.
Il tutto scaturirebbe dalle voci circolate la scorsa settimana che vedrebbero PokerStars in fase di negoziazione per stringere un accordo con tre club di carte della California e la Morongo Band of Mission Indians al fine di poter offrire poker online nello Stato non appena sarà varata la legge.
Un potenziale scoglio che arriva proprio nel momento in cui il senatore Lou Correa e il deputato Reginald Jones-Swayer hanno presentato ben due disegni di legge. Tuttavia bisogna capire se l’accordo di PokerStars andrà in porto e se le tribù rischieranno di compromettere lo sviluppo del settore bloccando con forza il processo legislativo. Oppure si tratta di una mossa già in previsione del mercato nascituro: fare fuori un concorrente scomodo e potente come Rational Group avrebbe i suoi vantaggi per le tre tribù.

 

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.