Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Caso Full Tilt: il giocatore Daniel Cates vicino al rimborso del suo denaro

Quando lo scorso anno Full Tilt Poker è ‘scomparso’, ha lasciato migliaia di giocatori di poker online a domandarsi ciò che stava accadendo ai loro fondi, a riflettere su uno dei più grandi fallimenti del Venerdì Nero del poker mondiale. Daniel Cates, conosciuto con l’ex pseudonimo di jungleman12 su Full Tilt, ha vinto circa 7 milioni di dollari su Ftp tra la fine del 2009 e il temuto giorno del 15 aprile 2011.

Cates ha affermato questa settimana che, in quel fatidico giorno, circa l’80% del suo fondo su Full Tilt era bloccato, un problema che gli è rimasto negli ultimi 15 mesi. Tuttavia, con l’accordo di PokerStars con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti che ha consentito loro l’acquisto di tutte le attività e soprattutto l’accordo di rimborsare tutti i giocatori del mondo, Cates ora vedrà di nuovo il suo denaro.

Il governo degli Stati Uniti ha affermato martedì che nei “prossimi giorni” saranno pubblicate on-line delle informazioni specifiche sull’indennizzo alle vittime di Full Tilt. Per il governo, il denaro per rimborsare gli ex giocatori americani di Full Tilt sarà disponibile dai fondi confiscati da PokerStars.

Cates ha affermato che era triste in attesa di un qualche tipo di soluzione dello scandalo, ma che “quelle emozioni erano inutili.” Era pronto ad andare avanti indipendentemente da quello che era successo ai suoi milioni presenti in un conto di poker online liquidato. Ma ora deve attendere un po’ di tempo affinchè il governo degli Stati Uniti lo rimborsi.

Cates ha considerato un’azione legale contro Full Tilt, ma ha deciso che vi era la possibilità che il caso si risolvesse per conto proprio e il denaro gli fosse restituito.

Per il ventiduenne del Maryland, non era solo una questione di soldi. Stava annientando la concorrenza quando il sito è crollato. “Ha distrutto il mio momento”, ha affermato Cates. “Full Tilt era il luogo dove ho avuto grandi successi”.

La sua rapida ascesa ad una elite di giocatori con alte puntate gli ha portato un posto nella Durrrr Challenge, una volta in una gara promossa da Full Tilt. Tom “durrrr” Dwan, l’ex sponsorizzato da Full Tilt aveva delle probabilità che sarebbe stato in nero dopo 50.000 mani di heads-up. Cates aveva alzato l’offerta, e jungleman12 ha vinto 1,2 milioni di dollari alla fine di marzo 2011.

Cates ha affermato che è in trattative con Dwan per riprendere la loro sfida heads-up.

Nonostante la sofferenza, Cates è riuscito a continuare a giocare al più alto livello. Ha affermato che di recente aveva vinto 1,5 milioni di dollari su alcuni siti europei, prima di subire una flessione di 600.000 dollari. Finora nel corso della sua giovane carriera, i periodi in cui ha perso sono stati rari e non sono durati a lungo.

Ha viaggiato molto dal Venerdì Nero e ha preso la residenza nel Regno Unito, ma ha affermato che ora sta cercando di giocare poker online legale in America ancora una volta. In assenza di un progetto di legge federale, lo stato del Nevada è sul punto di lanciare un’industria interstatale di poker sul web, che sarebbe la prima del suo genere negli Stati Uniti

L’accordo PokerStars-Full Tilt permette a PokerStars di rientrare negli Stati Uniti, ma hanno ancora bisogno di uno stato che gli dia il permesso di farlo e, naturalmente, di un operatore terrestre con base negli Stati Uniti con cui lavorare.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.