Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Francia e online: 35mila francesi interdetti dal gioco ma 500 milioni di richieste di riattivazioni

 

In Francia sono 34.739 le persone interdette al gioco, secondo i dati diffusi dall’Arjel – l’autorità che regola il gioco online – relativi al 2012. La cifra è cresciuta del 6,6% rispetto al giugno 2010, quando il mercato è stato aperto alla concorrenza. L’interdizione al gioco ha una durata di 3 anni, ma l’Arjel ha registrato una percentuale di giocatori interdetti, compresa tra il 4% e il 5%, che lo scorso anno ha cercato di accedere ai siti aprendo un conto su un operatore. Tuttavia queste persone non sembrano aver smesso col gioco. Almeno stando ai dati decisamente più sconvolgenti dei tentativi di auto-riabilitazione che cercano di fare continuamente questi soggetti interdetti.
 
Come funziona il sistema? Ad ogni richiesta di apertura di un conto l'operatore autorizzato ricerca il suo nome nel file che raccoglie tutti gli interdetti ovviamente sui dati come nome, cognome e data di nascita e lo esclude. Un controllo viene effettuato mensilmente su tutti i conti gioco.
 
Ma sembra che i clienti siano scontenti e vogliano rientrare a tutti i costi. Nel 2012 527 milioni di richieste sono state tentate dagli interdetti, 16 al secondo in pratica. Pari a 44 milioni di richiesta al mese e ogni giocatore è stato controllato in media 50 volte l'anno.
 
Dall'apertuira del mercato del gioco il 23% delle persone interdette hanno cercato di aprire un conto di gioco online e 40 persone iscritti sulla black list tentanto di aprirsi un conto ogni mese almeno presso 3 operatori.  
 
Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.