Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Full Tilt Poker: tra qualche settimana pronto anche il ‘punto eu’

A distanza di un anno preciso dalla 'messa online' di PokerStars.eu potrebbe nascere il 'punto eu' di Full Tilt Poker per ospitare e far giocare nel popolare sito di gioco online i player provenienti da Svezia, Finlandia, Polonia, Slovenia, Romania, i Paesi Bassi e la Germania. Una mossa destinata ad offrire ancora un'opportunità in più di gioco ai pokeristi d'Europa, a drenare quelle sacche di raccolta che preferivano Full Tilt e che ora potranno giocarci tranquillamente. Oltre a consentire a nuovi clienti di affacciarsi al poker online.

UN ALTRO SCOSSONE AL POKER ONLINE D'EUROPA – Una mossa che potrebbe ridisegnare ancora una volta gli equilibri del gioco europeo e che allarga la piattaforma punto eu stimolando forse i legislatori nazionali a fare qualcosa in più a livello di liquidità internazionale. Il rischio, che però si sta già concretizzando, è quello di lasciare terreni inesplorati al Rational Group con PokerStars e Full Tilt già in pole position per un mercato con liquidità comune e gli altri costretti sempre ad arrancare. Come first mover PokerStars non ha nulla da insegnare a nessuno ma possibile che nessuno copi o insegua quanto meno da vicino?

I tempi prevedono comunque ancora qualche settimana da attendere. PokerStars.eu, però, venne lanciato e debuttò proprio a febbraio 2011.

STESSA PIATTAFORMA, STESSO GIOCO – Come noto la piattaforma è identica a PokerStars.com e viene utilizzata come piattaforma per i giocatori in alcuni paesi europei per eliminare le passività fiscali dalle vincite provenienti dal gioco.

Attualmente, i giocatori provenienti da Svezia, Finlandia, Polonia, Slovenia, Romania, i Paesi Bassi e la Germania sono stati spostati sulla piattaforma PokerStars UE, e lo stesso può essere previsto quando Full Tilt proporrà la sua offerta equivalente. Oltre alla licenza, l'esperienza di gioco rimane invariata. Le funzioni disponibili sono identiche.

LA MICCIA DELL'ADE SVEDESE – Secondo alcune interpretazioni della legge sul reddito in alcune giurisdizioni dell'UE, le vincite provenienti da siti in base all'interno dello Spazio economico europeo ( SEE ) sono esenti da imposte. Anche se geograficamente in Europa, l'Isola di Man, dove la Rational Group ha sede e gestisce i siti primari sia per PokerStars e FTP non fa parte dello Spazio Economico Europeo.

Tutto nacque da un'inchiesta condotta e coordinata dall'Agenzia delle Entrate svedese contro i poker players online. Gli accertamenti infatti riguardavano proprio le vincite riportate negli spazi economici al di fuori dell'Ue. Un fatto che, volente o nolente, ha ridisegnato la geografia del gioco online e prossimamente ne ridisegnerà ancor di più i confini.

 

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.