Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Full Tilt vince due cause legali.

Sono di poco tempo fa due sentenze di giudici statunitensi che riguardano la celebre poker room Full Tilt, ed entrambe sono a suo favore.

La prima riguarda la ex pro Clonie Gowen, che aveva fatto causa alla room per dei supposti mancati pagamenti per il suo lavoro di promozione. A quanto sosteneva, le erano dovuti altri quaranta miliono di dollari, e tra gli accusati figuravano tutti i membri del team. Clonie aveva già perso il primo appello, ed era ricorsa una seconda volta, contro Raymond Bitar, Howard Lederer, e Tiltware, società affiliata alla room. Poco fa anche questo secondo tentativo è fallito. Ora la Gowen ha ancora una terza ed ultima possibilità di ricorrere.

La seconda sentenza invece riguarda il sequestro da parte dello stato del Kentucky di una serie di siti di gioco online, tra i quali anche fulltiltpoker.com. La causa era stata intantentata al Commonwealth Of Kentucky da parte di Poket Kings, una compagnia di software che lavora a stretto contatto con Full Tilt, , perché l’azienda che controlla il nome del suo dominio, Safenames, era stata costretta dal Commonwealth a cedere il controllo dell’url di cui sopra. La sentenza è di ieri ed è in favore di Full Tilt, bloccando per il futuro il sequestro del dominio.

 

fonte: http://www.pokernewsdaily.com/full-tilt-poker-victorious-in-clonie-gowen-and-domain-name-cases-5839/

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.