Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Giulio Astarita lascia Pokerstars: l’annuncio sulla sua pagina Fb

È con un post sulla sua pagina Facebook che il manager Giulio Astarita, annuncia di lasciare Pokerstars. “No, non mi hanno rubato l’accesso al computer – scrive – (anche se ammetto, sarebbe uno scherzo perfido, ma riuscitissimo), no, non è una presa in giro, no, non sono impazzito. Ecco, rispetto a qualche anno fa dall’esterno è molto più difficile poter dire ‘Eh me lo aspettavo’, anche se qualche minuscolo segnale c’era e immagino non mancheranno profeti di varia natura. Dopo una lunghissima serie di valutazioni per motivi che, perdonatemi, proprio non è facile discutere ora, ho deciso di lasciare PokerStars. Una decisione che ha preso mesi di tempo. E da allora, tra le altre cose, sto interrogandomi su cosa avrei potuto scrivere qui.

Sono stati quasi 3 anni molto belli sotto il segno della Picca. Penso di aver contribuito (spero!) al successo della room, che a settembre 2010 era decisamente più piccola e ora è decisamente leader di mercato. Sono stati anni di sfide, di record battuti, di imprese come il Sunday Million, di successi (e qualche insuccesso), di promo riuscite e di qualcuna meno valida, di oltre 3 miliardi di mani, ma spero siano stati anni positivi. Tuttavia, arriva un momento dove si devono fare delle scelte e per quanto possano sembrare assurde o difficili viste da fuori… fidatevi che sono ben motivate. Lascio un’azienda in grandissima forma, in ascesa totale sul mercato, e che sicuramente anche senza me continuerà a fare i salti mortali e a proporre una grandissima offerta, come solo PokerStars sa fare… anche perché certo non distruggeranno quanto fatto fino ad ora ma cercheranno, magari riuscendoci, di migliorarlo ulteriormente. Per chi mi conosce da un pò, è sicuramente una situazione molto diversa da quando salutai la mia vita “digitale”. Lì l’azienda era molto piccola, era una startup che aveva letteralmente messo su il mercato italiano, eravamo 4 gatti che portarono avanti qualcosa che solo una start-up può dare. Ps è un gigante, è la poker room ed aveva (ed ha) l’intenzione di dominare il mercato. Però la cosa è lievemente diversa vista da dentro, il team Italiano è decisamente molto più piccolo, ed è grazie a loro che PokerStars è diventata quella che è più che a chiunque altro. Quindi il mio ringraziamento va PokerStars nella sua interezza, ma permettetemi un abbraccio in particolare a chi è stato al mio fianco per questi anni, o solo per un pò. La persona che più devo ringraziare in assoluto per la mia vita sotto il segno della Picca è Elena Galli. Abbiamo vissuto assieme quasi 3 anni, è stata un invalutabile punto di appoggio per tutto, diventando poi la CRM Manager di PokerStars.it e facendo un sacco del lavoro, anche sporco, per il quale mi sono preso i meriti qui sul forum. Ha messo mano in praticamente qualsiasi iniziativa di successo si sia vista qui. E’ una persona fantastica che ha fatto le fortune di quest’azienda… e anche mie Vorrei poi ringraziare Barbara Beltrami, la mitica Country Manager, che è stata la prima a volermi in quest’azienda, pensando che potessi fare la differenza. Se non ci fosse stata lei, tutto sarebbe stato diverso. Un caro abbraccio a Sandro e Maurizio, che hanno lavorato a strettissimo contatto con me nel PRM e che ora si smazzeranno tutto quello che si deve fare. E potrei andare avanti per ore, ma ringrazio Massimiliano, Marco, Laura, Veronica, Francesca, Davide, Giovanni, Giulia, Alberto, Antonio, IntelliPaolo, Valentina e a tutti i 1000 ragazzi/e del support, tutti i ragazzi/e del Team Pro/Online ivi inclusi quelli che per diversi motivi non ne fanno più parte, a circa millemila persone che lavorano in altre sedi che non leggeranno mai quanto scrivo qui Sono stato davvero bene… ma è tempo di fare altro. Anche se, vi dico la verità, per un pò di lavorare non se ne parla. Sicuramente starò off un pò, un bel pò. Partirò per un’avventura che volevo vivere da anni. E penso che me ne andrò per la prima volta (!) a Vegas a cercare di vincere un braccialetto Tranquilli, non mi metto a fare il pro! Dopo si vedrà. Nel frattempo good luck all… e ci vediamo ai tavoli. Su PokerStars, tra l’altro”.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.