Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Gli schermi e i pc dei poker grinder online sotto attacco: Poker Defender blocca gli hacker oltre l’antivirus

“Un software dal prezzo accessibilissimo ma creato da un’azienda estremamente professionale che si occupa di sicurezza per banche e istituti finanziari di livello mondiale. Ce l’hanno commissionato dall’estero, ovviamente un’azienda di gaming, che ha avuto problemi di sicurezza sulla piattaforma. In tanti non lo sanno, molti non lo dicono: i nostri pc sono a rischio di virus trojan e backdoor e sono già tanti i casi di persone truffate grazie a questo sistema”. C’è Poker Defender ora, però, il nuovo software che agisce al di là dell’anti virus bloccando quelle minacce che arrivano allo schermo dei nostri pc quando giochiamo a poker online.

E, come dice Valerio Pastore, Chairman e Chief Software Architect di Boole Server – software factory italiana qualificata e riconosciuta nel mondo per l’approccio innovativo nella difesa assoluta dei dati e delle informazioni contenute sui pc e sui server delle aziende, i casi di frode e truffa a noti players italiani cominciano ad essere un po’ troppi. “Boole Server è stata scelta da Poker Defender per realizzare il loro software che nasce dagli stimoli delle esigenze di un’azienda estera che ci ha commissionato la risoluzione di questo problema. Noi siamo esperti di protezione, crittografia e cifratura. Abbiamo trovato questa soluzione e creato questo prodotto che protegge da hacker e virus che aggrediscono lo schermo del pc”.

Sì ma come funziona e come è concepito Poker Defender? “Si tratta di una soluzione molto particolare. Molti confondono questo prodotto con un antivirus ma in realtà il software integra quello che non vedono i sistemi di protezione. Gli hacker riescono ad entrare nel pc a prescindere dall’antivirus da porte che non vengono protette dai tradizionali sistemi. Il principio, quindi, è quello di proteggere sempre e comunque lo schermo del pc che vien bloccato da Poker Defender quando giochiamo a poker o navighiamo in siti dove abbiamo dati protetti”.

Ma siamo così sotto attacco? “Purtroppo il problema è molto vasto e anche molto complesso. Siamo comunque riusciti a dare una soluzione economica rispettando i massimi livello di sicurezza. Abbiamo già scatenato delle discussioni? Forse perché abbiamo detto le cose come stanno e che tanti players sono a rischio”.

Nel mirino Aams e le poker room? “Noi reputiamo che Sogei e i Monopoli di Stato controllano molto bene il gioco e che le poker room sono sicure. Semmai è il pc ad essere poco sicuro e i virus possono entrare in varie modalità e senza accorgerci di nulla possiamo essere spiati mentre giochiamo”.

A cosa bisogna fare attenzione? “Attenzione massima agli applicativi, ai sistemi di messaging, semplici mail e anche a bug su porte e servizi nel sistema operativo. Tramite l’infezione di un virus possono aprirsi le porte del pc e gli hacker possono accedere al nostro schermo. Spesso basta solo l’ip per entrare nei nostri pc”.

Quindi come agisce Poker Defender? “Il software si avvia in modalità di memoria come una protezione della memoria video. Quando il virus cerca di raggiungere il monitor e di attivare la funzione ‘cattura schermo’, PD attiva un sistema di offuscamento e appare un’immagine che copre agli hacker la visione dello schermo e quindi delle carte nelle room o di quello che stiamo facendo in quel momento col nostro pc”.

Niente di più semplice per gli hacker. Basta un normalissimo tool di snipping che cattura lo schermo per sapere cosa sta facendo un utente/player e rubare informazioni cruciali. “E l’antivirus non blocca questi attacchi, è dimostrato. Mentre Poker Defender opera proprio in questo punto preciso del sistema bloccando sempre e comunque questi attacchi. Basta lanciare il software la prima volta e poi l’utente non se ne accorgerà neanche e non avrà problemi di sovraccarichi nella memoria”.

Come stanno andando le vendite? “Ci dicono per ora un buon successo in Italia e anche all’estero. Ribadisco, siamo riusciti a contenere molto i costi per renderlo raggiungibile a tutti e garantire il massimo della sicurezza. E, in ogni caso tranquilli: il software è facile da usare e da installare, occupa poca memoria e non blocca il pc. Definirlo user friendly è riduttivo!”.

Non è stato facile lanciare e creare un “prodotto che non esiste al mondo ed è unico. Abbiamo valutato molto i pro e i contro di arrivare in questo mercato con la nostra grande esperienza in mercati ben più complessi. Ma le persone sono ignare dei rischi che corrono e non vogliamo che vengano raggirate da questi hacker”.

Il software è disponibile solo per Windows. Apple non ha concesso i codici sorgente così come non ne permette l’utilizzo a molti programmatori rendendo quindi la piattaforma più sicura. Ma quasi tutti i grinder e le room ‘girano’ e giocano su pc Windows. Quando si presenterà il problema Poker Defender agirà anche sui seguaci dell’azienda di Cupertino.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.