Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
pasqualinirossi

Global Poker Index sospende i francesi Pasqualini e Rossi: ‘Difendiamo l’integrità del ranking e di questo sport’


Global Index Poker "sospende" due giocatori dal sistema, a seguito di alcune prove video che mostra le attività sospette. Abbiamo discusso internamente per gli ultimi dieci giorni, da quando abbiamo saputo di questi fatti, come tutti gli altri. E' stata, e rimane, una decisione molto complicata da prendere ma ci sentiamo in dovere di proteggere i soldi che i giocatori investono e anche l'investimento che abbiamo profuso in questo progetto per rendere il GPI uno strumento rispettato e integro moralmente agli occhi di tutti i poker plyers e gli appassionati”. Parole e opere di Alexander Dreyfus, il Ceo di Global Poker Index, il ranking che ha rilevato 8 mesi or sono, e che punta ad una classificazione obiettiva dei risultati dei players nel gioco dal vivo come i ranking Atp del tennis o il Pga del golf. 
 
 
 
 
 
 
I FATTI E IL VIDEO SOSPETTO – Ovviamente il riferimento è ai due poker players francesi Jean Paul Pasqualini e Cedric Rossi che in questi ultimi giorni erano finiti nel ciclone della critica di tutti gli appassionati del poker mondiale. Compresi i giocatori italiani che avevano ricordato quelle mani sospette quando il compianto Gianni Giaroni era rimasto solo contro i due francesi e aveva già dichiarato qualcosa di anomalo appena eliminato dal final table del Partouche Poker Tour di Cannes nel 2009 in terza posizione. 
 
Nicolas Levi e un gruppo di giocatori hanno preso le distanze isolando Pasqualini e Rossi. Ha parlato solo Pasqualini ribattendo che un video di 4 minuti non poteva spiegare l'andamento di un torneo di una settimana e di decine di ore di gioco. 
 
DREYFUS NON CI STA – Ora però arriva questo pesante provvedimento dalla Global Index Poker che forse intende anche prendere autorevolezza da questo caso e guadagnarsi il rispetto dei giocatori che già seguono con grande interesse questo ranking. 
“Ho rilevato il GPI otto mesi fa, perché  credo che il poker abbia ancora i suoi migliori anni davanti a sé . Per promuovere il poker e aiutarla a crescere, abbiamo bisogno di renderlo più mainstream. Credo che la classifica aiutare a trasformare il poker in uno sport come il tennis o il golf e allarghi l'attenzione a più spettatori. Ci credo  sto investendo un sacco di soldi in questo obiettivo”, ha proseguito Dreyfus. 
 
IL PERCHE' DELLA DECISIONE – “Di recente, alcune informazioni sono state rese pubbliche in merito a un incidente molto sospetto di collusion, che nel poker è equivalente alla frode. Abbiamo speso un sacco di tempo ad analizzare i fatti, verificare l'esattezza del video e le sue fonti. Abbiamo anche sollecitato il punto di vista dei 50 players migliori del GPI. Il feedback da parte del settore e gli attori è stato molto chiaro: erano a favore della sospensione di Jean-Paul Pasqualini e Cedric Rossi  dall'inclusione nel Global Poker Index” .
Che cosa significa la sospensione dal Global Poker Index? “I loro nomi non compaiono  più nel ranking (Francia, in Europa e nel mondo) e sulla loro pagina di profilo di giocatore, è chiaramente dimostrato.
Con questa azione,  non li stiamo accusando, questo lo dovranno provare e decidere gli organi preposti. Ma siamo convinti che non c'era la correttezza al tavolo e che il comportamento sleale non sarà mai promosso attraverso il Global Poker Index . Va contro tutto quello che sto cercando di fare per promuovere poker, i giocatori e gli eventi”.
 
IL RISCHIO DI APRIRE UN VASO DI PANDORA – “Mi rendo conto che può essere un terreno scivoloso – spiega Dreyfus – ma è per questo che abbiamo agito con molta cautela e in conformità con  una serie di norme che ci stiamo osservando. La prima è che,  per sospendere chiunque, deve esserci alla base un fatto evidente per sostenere tale decisione . Essa non può essere basata su voci – quelle sono facili da trovare, le prove no.
Quello che stiamo sostenendo è l'equità al tavolo , non necessariamente l'etica. Non vogliamo ripercorrere gli errori del Comitato Wetico della ormai defunta Epic Poker League.  Non posso imporre la mia etica agli altri. Non voglio giudicare lo stile di vita di una persona. Il Global Poker Index ha lo scopo di classificare i giocatori di poker sulle loro prestazioni.  Se la prestazione è distorta o compromessa, allora agiamo.  In questa fase, non possiamo fare molto altro. Mi ha fatto piacere che questa decisione è stata sostenuta da così molte delle persone con cui ho parlato, perché significa che nessuno di noi vuole vedere questo comportamento sul tavolo.
 
 
Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.