Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Hacking all’Ept di Barcellona: spuntano casi anche in altri tornei del circuito

Truffe reali o tentativi di mistificare perdite ingenti al tavolo e, visto mai, di recuperarle ai danni di qualcuno? Dopo i fatti scabrosi dell’Ept di Barcellona, che hanno visto coinvolti alcuni players che hanno temuto una manomissione ai propri laptop da parte di hacker professionisti, ecco spuntare come funghi i casi di ulteriori attacchi.
NO NEWS BAD NEWS – Va subito premesso che non ci sono novità in merito alle denunce fatte da Jens Kyllonen e da parte di tutti quei giocatori che si sono visti sparire e riapparire come per magia il proprio pc portatile nella stanza dell’Hotel Arts di Barcellona convenzionato con l’Ept. PokerStars aveva promesso e annunciato indagini ma non c’è nessuna novità di rilievo e sembra pazzesco come ignoti si siano potuti intrufolare nelle camere di un hotel del genere e fare il loro comodo alle spalle dei grinder professionisti.
I NUOVI CASI – Insomma ecco uscite i casi di Scott Seiver che sul solito forum Two plus two annuncia si aver subìto un simile attacco anche a Berlino. Il campione Wpt si lamenta con PokerStars che non gli avrebbe dato nessuna assistenza.
Poi è la volta di Jason Koon denunciare una discutibile perdita di 48.000 dollari proprio dopo l’Ept Deauville del 2013. L’autorevole voce di Dan Cates assicura che le camere Ept non sono sicure e sostiene di essere a conoscenza di almeno un altro caso di hacking ad un player high stakes.
IPOTESI, TESI E INDAGINI IN ALTO MARE – L’accusa agli hotel non sta in piedi. Così come scricchiola la tesi che le perdite di vari giocatori siano legate proprio dal ‘filo Ept’. Oppure bisogna pensare che ci sia una talpa interna all’Ept ma che dovrebbe avere anche potere sugli hotel dove alloggiano i players che sono sempre di discreta qualità se non di lusso e risultano difficlmente violabili a livello sicurezza.
PokerStars assicura che3 le indagini vanno avanti con tenacia e rigidità. Possibile che non ci sia nemmeno una traccia di questi hacker da camera da letto?

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.