Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

I Google Glass banditi anche a Las Vegas: ma quale poker player li indosserebbe?

Dopo Atlantic City anche la Nevada Gaming Commission ha pubblicato una lettera di diffida in queste ultiume ore invitando tutti i possessori di licenze di casinò a vietare gli occhiali all’interno delle sale da gioco.
“Non vi è nulla di illegale nel possederli ma l’uso improprio di questo prodotto offre la possibilità ai male intenzionali di operare in collusion con gli altri e di comunicarsi le carte tra giocatori e condividere informazioni preziose tra players”.

E ancora: “Il Consiglio incoraggia tutti i oconcessionari di giochi di vietare l’utilizzo di GG , o dispositivi simili nelle funzioni soprattutto durante l’azione di gioco”.
Come detto l’azione segue il primo provvedimento già preso nei 12 casinò di Atlantic City.
Ma tanti casinò delle due città avevano già preso il provvedimento poi implementato a livello più generale.
L’occhiale della discordia mostra all’utente un ‘heads up play’ davanti agli occhi di chi li sta usando. Lì vengono fornite informazioni contestuali e poi si possono scattare foto e video e condividere poi le informazioni. Sono visti come una grave minaccia per la privacy e sarebbero stati banditi anche dalle riunioni aziendali della stessa Google che poi ha smentito.
Accolta come una delle migliori invenzioni del 2012 dal Time sta sollevando altrettante critiche e rischia di incontrare molte difficoltà nell’utilizzo.
In ogni caso chi accetterebbe di sedere al tavolo con un avversario che indossa questo tipo di occhiali? Il sospetto non deve mai sorgere. E inoltre: ma c’è qualcuno che davvero li indosserebbe per barare al tavolo da poker? 

 

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.