Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

I poker players firmano la petizione Divella contro Lederer e boicottano la poker room dell’Aria

“Firmo questa petizione perché odio vedere questo sacco di merda giocare a poker (Howard Lederer, ndr)senza alcuna vergogna. E la poker community non ha coraggio di vietare lui l’accesso alle room. Vergogna per tutti i ragazzi che giocano con lui solo perché giocano contro di lui che gioca ogni mani di una partita high stakes, a volte bisogna vedere le cose in un modo diverso non solo in ottica expected value”, scrive un player austriaco Jurgen Pathy.

Mentre un altro regular, Vinny Curry da Las Vegas dice: “E ‘offensivo per me avere al tavolo qualcuno che ha usato i fondi dei giocatori e vedere come giocatori derubati si comportino con lui come se non avesse fatto nulla di male”.

Sono due commenti alla petizione lanciata da Nick Divella che vuole raggiungere l’obiettivo di inibire ad Howard Lederer l’accesso alla poker room dell’Aria Casinò dopo che quest’ultimo si era ripresentato come se nulla fosse a giocare ai livelli più alti possibili al cash game.

Le firme su Change.org sono arrivate a 191 e non sono poche se si pensa che, ad essere interessati, sono più che altro giocatori regular di cash game che frequentano Las Vegas e le sue room esclusive. Significa che il rischio di boicottaggio esiste e che la direzione della poker room dell’Aria Casinò è meglio che faccia qualcosa a costo di scontentare un cliente eccellente come Lederer. Tuttavia si tratta pur sempre di un indagato, un ex ricercato e un truffatore che, seppur deve ancora ricevere la condanna, è stato già scoperto e smascherato.

Il testo della petizione, cui è seguita anche una lettera alla direzione dell’Aria Casinò, esprime la “profonda preoccupazione che Howard Lederer giochi a poker nel casinò Aria mentre è sotto inchiesta da parte del Dipartimento di Giustizia e nominato come co-cospiratore in un atto d’accusa civile promosso dal Dipartimento di giustizia presso la Corte Distrettuale degli Stati Uniti al Distretto Sud di New York. Siamo particolarmente preoccupati con si giochi nella stessa poker room con qualcuno che, secondo le accuse, ha consapevolmente cospirato per commettere atti di frode e riciclaggio di denaro per quanto riguarda i soldi dei players online di Full Tilt. Riteniamo che il casinò abbia un obbligo morale ed etico di impedire ad Howard Lederer di giocare nella sala da poker e casinò e qualora non dovesse agire l’Aria lo faremo noi, la comunità del poker, boicottando la room stessa”.

Intanto qualcuno ha già iniziato a boicottare la sala come fa sapere tra le righe il pro Tony Dunst: “E ‘il lavoro di un casinò soddisfare i propri clienti, quindi perché i clienti stessi non possono unirsi per auto-regolare la loro industria e comunicare i loro desideri al casinò? Per questo – ha proseguito Dunst – non mi sorprende che la gente abbia fatto la scelta di frequentare una room diversa invece di imbattersi in qualcuno che disprezzano nella sala da gioco che frequentavano abitualmente e non c’è nulla di sbagliato nel dire la propria al casinò tramite una lettera o una petizione”.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.