Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
magistro-aams

I soldi del poker live già in bilancio e il bluff di Aams le speranze per il settore

Come farà il Governo Monti o il nuovo Governo di prossima composizione a non considerare gli importi previsti comunque nel bilancio di previsione statale derivanti dal rilascio delle 1,000 concessioni di poker live? Ormai scrivere di questo ‘prodotto’ di gioco inizia ad essere complicato ma gli stake holders del settore provano a riorganizzare le idee dopo la mazzata arrivata dal dg di Aams Luigi Magistro una decina di giorni fa. Sembra essere di natura contabile e finanziaria l’unica scappatoia per un settore che, in ogni caso, continua ad andare avanti con continue aperture di sale e anche di pronunce di tribunali sparsi in tutta Italia sempre più controverse ma anche (e spesso) a favore. Ma forse non è detta l’ultima parola e le dichiarazioni del dg Aams potrebbero essere state anche di comodo in un momento che definire burrascoso per il gioco potrebbe sembrare riduttivo.

I SOLDI SONO GIA’ IN BILANCIO – Insomma questi soldi in bilancio erano stati contabilizzati. Nonostante l’ennesimo rinvio di fine luglio che ha complicato lì’iter di approvazione in maniera determinante, i milioni di euro attesi dal Governo dalle licenze di gioco fisico in bilancio erano stati messi. In questa fase , anche se non si tratta di cifre incredibili, ogni fonte di nuovo ingresso può tornare utile. In molti ipotizzano che il nuovo Governo potrebbe farsi onore di legalizzare un settore e sanare una sacca di illegalità. Le lobbies del poker live, poi, sotto campagna elettorale, potrebbero strappare promesse solide e aspettative concrete. Del resto parliamo di circa 20,000 posti di lavoro e con i tassi disoccupazione ai massimi anche questa goccia nel mare della crisi può tornare buona.

Dovesse tornare al Governo Pierluigi Bersani, la sua linea sulle liberalizzazioni e sul regime concessorio creato con il suo bando 2006, traccia una linea chiara di come potrebbero andare le cose. Il centro destra, che si fa portavoce sempre della legalità e del rispetto delle regole, non sarebbe da meno. E insieme, destra e sinistra, hanno comunque contribuito a sviluppare il gioco portandolo a performance pazzesche di raccolta per poi abbandonarlo a se stesso per fare esercizio di demagogia di basso grado.

Siamo comunque nel campo delle ipotesi e, per ora, il pessimismo regna sovrano.

LUIGI MAGISTRO, BUON VISO A CATTIVO GIOCO? – Un’analisi doverosa delle dichiarazioni di Luigi Magistro, poi, va fatta. Che il gioco sia magistro-aamssotto attacco è ormai cosa assodata. Gli 80 miliardi di raccolta non sono mai interpretati in maniera corretta e cioè, altissima payout, riduzione della spesa e quindi del prelievo erariale con un vantaggio per il players. Ma si continua a tenere l’attenzione sull’importo totale dei volumi e non sui flussi reali del settore. Con l’arrivo delle slot online il Governo si è trovato in mezzo, tra l’incudine e il martello. Per chi critica con i paraocchi associare slot online ai videopoker (termine in disuso dal 2004 ma di cui tutti abusano ancora) è immediatissimo. In quei giorni, quindi, parlare della regolamentazione di 1,000 sale di poker live sarebbe stato un assist ideale per la stampa generalista (in primis i bacchettoni dell’Avvenire). Già immaginiamo i titoli: ‘in Italia aprono 1,000 bische legalizzate dallo Stato’. Senza contare che nessuno di questi quotidiani è informato delle dimensioni di un settore che, a questo punto in mancanza di una regolamentazione, non può rimanere per anni al palo. Anche chi si era fermato per il rispetto delle indicazioni di luglio 2009, sta pensando infatti di riaprire il proprio circoletto.

Per questo Magistro potrebbe aver dribblato le critiche per proteggere il settore e riprendere a parlare di poker live più avanti. In ogni caso siamo di fronte all’ennesimo slittamento e c’è chi davvero non ne può più.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.