Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Il mondo del poker saluta Mike Sica, professionista dopo i 60 anni stroncato da un malore

Aveva scoperto il poker molto tardi come passione e quindi come lavoro. Purtroppo una malattia gravissima ai polmoni lo ha costretto a lasciare il tavolo e la vita proprio in queste ore. Non era un nome conosciutissimo nel settore Mike Sica, eppure era stimatissimo dai players più esperti e famosi di lui che lo conoscevano e lo apprezzavano.Era conosciuto come ‘Little Man’ e aveva iniziato a giocare dal 2004 racimolando in nove anni 1,3 milioni di dollari di vincite in tornei di poker live. Il suo primo successo è stato il decimo posto al $1,000 Seniors No-Limit Hold’em event alle World Series of Poker del 2004 appunto. Ha vinto il suo primo e unico bracelet Wsop nel 3.000 dollari No Limit Hold’em giusto due giorni dopo. Ha poi piazzato 12 premi Wsop e il suo ultimo itm in un evento del circuito delle World Series l’ha piazzato lo scorso aprile nel $365 No-Limit Hold’em tournament. Pochi giorni prima gli era stata diagnosticata la malattia.
“Ho iniziato a fumare quando avevo 16 anni e mi ricordo che un vecchietto di 93 anni un giorno si avvicinò a me e mi disse che sarebbe stato meglio smettere con il tabacco. Quando avrei voluto ascoltarlo”, rimpiangeva Sica in un’intervista.
Molte le condoglianze e tanto il dolore espresso su Twitter oltre alla vicinanza di famigliari e amici, ovvio.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.