Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Il segretario Cisl Bonanni: ‘Una vergogna le tasse sul poker online, alziamole al 22%’

Ancora un’altra dimostrazione enorme di incompetenza da parte di chi gestisce interessi di livello nazionale. Stavolta a colpire fuori bersaglio e col mirino totalmente sballato è il leader della Cisl Raffaele Bonanni che, non a caso, in queste ultime settimane appare spesso e volentieri in tv urlando allo scandalo, anche giustamente, su spese e spreschi dello stato centrale.

 

In un intervento tenuto ad un convegno del sindacato Magnano in Riviera in provincia di Udine, Bonanni dice: “Il poker telematico realizza un fatturato di 50 miliardi all’anno e paga solo lo 0,46% di tasse. Una vergogna – ha spiegato – anche perché alzare al 22% quella tassazione significherebbe avere a disposizione piu’ di dieci miliardi di euro in grado, quindi, di risolvere anche il problema dell’Imu. Mi devono spiegare – ha concluso Bonanni – perche’ queste lobbies fanno quello che vogliono. Serve un dibattito pubblico su queste cose”.

Un passaggio rapido ma significativo ma che testimonia ancora una volta come questi personaggi siano informati male e consigliati peggio dai loro ghost writer o ‘autori’ chiamati solo per cercare elementi utili alal demagogia.

Raffaele Bonanni non saprà che i volumi del gaming online sono così alti per via della struttura stessa dei giochi e che prevedono payout altissimi dal 90 al 95%. E che l’esatto importo della tassazione costringe gli operatori italiani a veri e propri salti mortali per raggiungere il break even point o un utile decente.

Strutture che hanno alzato di pochi punti percentuali la tassazione, vedi la vicina Francia, vivono una crisi nera che sta per cancellare il settore del poker online riconsegnandolo alle poker room dot com. E quindi spesso a legislazioni off shore che non pagano tasse sul territorio italiano.

Ancora un errore enorme ma, niente paura, nessuno si sognerà mai di proporre tali tassazioni nel mercato del gioco italiano.

Se in un settore del genere queste figure compiono questi errori madornali i dubbi sulle loro competenze alla guida dei destini di milioni di lavoratori aumentano esponenzialmente. Molto di più delle folli richieste del segretario Bonanni.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.