Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Il Senatore Azzolini fa il punto sul poker live: ‘Confermato per ragioni di copertura finanziaria dalla Ragioneria generale’

Ancora dibattito in Senato sul poker live. A cercare di mettere ordine è il Senatore Antonio Azzolini del Popolo delle Libertà: “È necessario ricostruire la vicenda giochi in termini puntuali. La proroga dell’articolo 34 del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, era stata regolarmente inserita nell’emendamento che recava le proroghe di termini legislativi. La relazione tecnica che accompagnava quell’emendamento era chiarissima. Tra i termini da espungere perché privi di copertura c’era esattamente il comma 4, già denominato ludopatia dalla relazione tecnica, la quale così si esprimeva sul punto: “Si proroga al giugno 2013 il termine entro cui, con provvedimenti del MEF Monopoli di Stato, sono aggiudicate, tramite gara, concessioni novennali per l’esercizio del gioco del poker sportivo. La disposizione comporta effetti per la finanza pubblica in quanto, alla norma originaria, erano ascritti effetti positivi che, in caso di proroga, non si realizzeranno”. Ne chiedeva pertanto l’espunzione per ragioni di copertura finanziaria.

Il subemendamento 2.0.4000/7, sottoscritto dal senatore Pichetto Fratin e dalla senatrice Bonfrisco recepiva semplicemente le richieste che, per ragioni di copertura finanziaria, erano state avanzate dalla ragioneria generale dello Stato con la relazione tecnica legata all’emendamento principale. Questa è stata la natura della discussione nella Commissione bilancio che si occupava della questione. Dunque è stato tutto assolutamente corretto. Questo lo devo sotto il profilo dell’attenzione che la Commissione dà a ciò che esamina. Certo, le condizioni in cui abbiamo lavorato potevano anche consentire una qualche svista – di ciò ci siamo rammaricati per un momento -, ma in questo caso la svista non c’è stata.

Andiamo agli effetti però, perché la cosa che mi meraviglia è come si possa scrivere su tutti giornali il contrario esatto di ciò che succederà. Dubito che un vecchio proverbio, prima leggere, poi scrivere su ciò che si è letto, sia stato osservato in quest’occasione. Perché? Innanzitutto, questa norma che consente l’apertura è del 6 luglio 2011. Io leggo giornali con ritardo e quindi ho una memoria più vicina a quella data. Nessuno, allora, scrisse di questa norma. Nessuno.

Non si disse alcunché su quella norma che in quella sede poteva ottenere le critiche di chi non è d’accordo all’apertura di nuove «case da poker» (non mi intendo di queste cose). Allora, si faceva per ragioni finanziarie perché, come riportato nella relazione, erano ascritti effetti finanziari positivi, ma in ogni caso nel merito si poteva opinare; è chiaro che si sarebbe opinato molto correttamente e legittimamente.

Un anno e sei mesi dopo (anzi, per la verità, un anno e cinque mesi dopo), invece, quel termine è stato prorogato e poi, sempre per ragioni finanziarie, è stata chiesta l’espunzione di quella proroga e quindi la scadenza naturale del termine.

L’effetto di tutto ciò può essere uno solo: ove mai tutte le pratiche per le concessioni fossero state già completate entro il 1° gennaio 2013, avremmo avuto il numero di concessioni previsto all’epoca (il massimo); dunque, ove mai fosse stato cancellato, questo avrebbe potuto essere l’effetto massimo. Tuttavia era stato previsto il termine perché evidentemente tutte le pratiche di concessione non erano state espletate. Dunque, il range possibile (se mi consentite l’uso di un termine inglese) è tra zero e mille; pertanto, non è possibile alcun aumento. Il primo segno algebrico che possiamo considerare è «uguale». Se, però, era stata prevista la proroga, che poi è stata espunta, è altamente probabile che non tutte le gare siano state espletate e dunque l’effetto concreto è la diminuzione della possibilità di concessioni normata nel 2011 con un range che tende da mille a zero (perché potrebbe essere che nessuna concessione sia stata completata).

Quindi, l’effetto dell’emendamento presentato dal senatore Pichetto Fratin può avere il segno algebrico uguale o inferiore. Come è stato possibile affermare che con questa vicenda si sia semplificata o favorita l’apertura delle concessioni mi rimane estraneo.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.