Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
tweet_candio

Il Tg5, Candio, il tweet e il danno fatto: altra sconfitta per tutti

Arrivano le scuse, o meglio, l'ammissione che quel servizio del TG5 sul maxi presunto evasore e re del poker Filippo Candio, la redazione poteva anche risparmiaselo."Mio errore firmare un pezzo in cui non mi riconosco", ha twittato Claudio Della Seta, caporedattore di Mediaset e del TG5 su stimolo di un altro tweet di Thatspoker e Domenico Gioffré.

Ma un tweet non ripaga di certo il danno che questa leggerezza ha causato da più parti. Intanto Filippo Candio ha sparato, speriamo senza pensarci davvero sul serio, di smettere col poker giocato. Poi il DriveOn è stato danneggiato pesantemente nella sua immagine di player e di cittadino contribuente. E infine tutto il settore del poker è stato per l'ennesima volta colpito da un'approssimazione imperdonabile dei media generalisti.

L'abbiamo già scritto ma vogliamo ripeterci: il mondo del poker è stufo di questi attacchi 'a caso' (come amiamo dire noi) e soprattutto di essere utilizzati quasi esclusivamente per fare notizia e tinteggiare con note e colori forti, quelle parti del servizio che senza la parola 'poker' sembrerebbero non reggere l'impatto col grande pubblico.
Dovete smetterla di pensare che il poker sia quello di 'Asso' o di 'Regalo di Natale' di Pupi Avati, tra l'altro mitico, epico ma lontanissimo dall'hold'em e dalle sue varianti ancor più giocabili.

Purtroppo la rete genera fake, bufale e porcate di vario genere. Da una goccia si crea un fiume. E se spesso il messaggio che passa può essere positivo (ci capita spesso grazie a Il Giornale e in passato al Corriere della Sera di lanciare messaggi positivi a favore del settore che vengono raccolti dai media generalisti con competenza e obiettività), da un errore come quello dell'Ansa e dell'Unione sarda si è generato uno 'sputtanamento' clamoroso, inutile e stucchevole.

Ci da fastidio assistere al pater familias che mentre inforca lo spaghetto bofonchia: 'Ma ovvio questi pokeristi tutti evasori, rotti e delinquenti'. In quel frangente di secondo è l'immagine del poker a morire e finire nel dimenticatoio (o sarebbe meglio dire nel ricordatoio?) dell'opinione pubblica e il danno è fatto. Altro che tweet di scusa.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.