Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
Diego Frattaruolo Iena1978

Intervista a Diego Frattaruolo alias Iena1978

Diego Frattaruolo Iena1978

Molti di voi lo conosceranno con il nick di Iena1978, assiduo grinder che assalta i tavoli sit and go di GDpoker ma il suo vero nome è Diego Frattaruolo ed è un ragazzo di 35 anni che qulache anno fa ha deciso di abbandonare il proprio lavoro per dedicarsi al gioco full-time. Da ormai 5 anni Diego è imperatore su GDpoker e nonostante i vari problemi legati al calo di traffico e alla crisi del poker in generale il suo approccio al gioco non sembra aver subito ripercussioni.

Ciao Diego, evitiamo le noiose domande su come hai iniziato e su come si svolge la tua giornata tipo, cose di cui hai già parlato nel tuo “The Well” sul nostro forum e passiamo direttamente a parlare dell’evoluzione del mercato pokeristico italiano in questi tuoi ultimi anni di grinding.

A differenza di tanti altri regular che hanno abbandonato i tavoli sit and go per dedicarsi al cash game tu sei uno dei pochi che è rimasto fedele alla scelta iniziale, ad oggi, quali sono i motivi che ti spingono a non cambiare modalità di gioco?

Il motivo principale è che sono abitudinario (no non leggo la targhetta sopra l’ascensore), all’epoca l’altro fattore di scelta era dovuto anche al numero di regulars cash provenienti dalle .com con anni di gioco alle spalle. Fattore che ho sovrastimato vedendo poi i guadagni di molti giocatori con poca esperienza nei primi due anni di cash game in italia. Oggi invece il motivo principale è il poco traffico ai livelli  alti con poca possibilità di table selection  che rende difficile il level up e anche la scarsa motivazione in questo momento di imparare una nuova disciplina.

Come è evoluto il tuo modo di giocare in considerazione del calo di traffico che si è verificato negli ultimi anni?

Ho iniziato giocando i sit and go da 55€ e 100€ 9man turbo. Successivamente con l’ingresso del cash .it quel poco di traffico che era rimasto si era spostato sui newflash. Anche li inizialmente grindavo i 60€ e 100€ ma col passare dei mesi ho dovuto iniziare a giocare tutti i newflash che partivano anche ai buyin più bassi. Infine dopo avere ridotto il buy in medio ho intensificarto la mia attività aumentando i giorni di grinding.

Se è ancora possibile guadagnare bene giocando con assiduità perchè secondo te è sempre più difficile trovare players disposti a grindare diverse ore al giorno come ai”vecchi tempi” ? E’ solo un calo di interesse o il fatto che bisogna giocare di più per guadagnare le stesse cifre ha creato un clima di demoralizzazione generale?

Oggi è più facile trovare players che giocano tante ore, difficile trovarli tra quelli che hanno iniziato nel 2008-2009. Fare le stesse ore di 5 anni fa e guadagnare la metà od un terzo diventa difficile e di conseguenza si fa più fatica, poi chi ha iniziato da poco ha parametri di guadagno diversi.

Alcuni regulars hanno abbandonato gdpoker in favore di pokerstars.it. Credi che questa scelta sia stata dettata da mancanze di GD o piuttòsto dall’influenza mediatica di pokerstars sui players italiani?

All’inizio c’è stato il fattore mediatico di PS, parlo del periodo pre-cash. Su GD si guadagnava decisamente meglio rispetto a PS, poi il cambio client con quello di ongame ha fatto andar via altri giocatori.

Sappiamo che GD non è mai andata a genio ai vari regulars per via del software. Credi che il nuovo client possa dare una spinta decisiva al business di GD?

Il nuovo client risolverebbe i problemi  gravi che affliggono gli mtt sul client di ongame (late registration,mtt su più giorni,deal FT) lato sng e cash il client in questo momento è l’ultimo dei problemi. Credo che in ottica futura si dovrebbe puntare più sul marchio Bwin.Party al lancio del client che sul marchio GD.

Alcuni regular hanno abbandonato l’Italia per andare a giocare sulle poker room .com .es .fr. Credi che la loro sia stata una scelta +EV? E se le cose dovessero mettersi veramente male, prenderesti in considerazione una scelta del genere?

Sicuramente è stata una scelta +EV, ma dubito che la maggior parte di loro grinderà per sfruttarla al meglio.

Si non avrei problemi a trasferirmi all’estero per giocare a poker.

Credi che la crisi del poker online sia legata esclusivamente ad un calo di interesse del giocatore medio nei confronti del gioco o ci potrebbero essere altre motivazioni alle spalle?

Non so se si può parlare di crisi al momento, i primi 3-4 anni di poker online non sono da prendere in considerazione. Il giocatore medio se non vince , non si diverte e di conseguenza smette. A parte i giocatori compulsivi la maggioranza smetterà dopo un breve periodo di tempo e difficilmente tornerà a giocare. In più ci sono troppe poker room rapportato al numero di potenziali clienti.

Ti lasciamo con un grosso in bocca al lupo per il proseguo della tua carriera pokeristica, keep up the good work!

Grazie a voi e crepi il lupo.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.