Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

La ‘Casa degli Assi’: il concorrente ideale tra le analisi di Silvestrin e Treccarichi

Chi andrà nella ‘Casa degli Assi’, il nuovo reality show dedicato al poker e prodotto da Magnolia e PokerStars in una mega villa in Marocco? I pro e gli appassionati del settore sembrano divertiti e interessati da questa novità che, a breve, partirà anche con i casting per scegliere i protagonisti di questa avventura televisiva.

 

Ovviamente si tratta di un’opportunità incredibile per il poker di riacquisire un po’ di visibilità e chi ne farà parte scriverà sicuramente una pagina di storia di questa disciplina.

Ma come sarà questa ‘Maison du bluff’ all’italiana? Secondo Giorgio Silvestrin dipenderà molto dallo “STILE con cui verrà presentato per capire dove e quanto questo successo colpirà”. E Silvestrin scende subito nel particolare: “Se realmente l’intento è quello di arrivare “ai più” sarà perfettamente inutile collocare all’interno della casa 12 internet-boy con felpe ,cuffie e occhiale che multigrindano 27x parlando in pokerese tra loro di milioni, di rake ecc, insultando i vari “vecchi”, “omini”, “retard”,”dino” e via via tutte le altre definizioni che oramai ci sono venute a nausea”.

Insomma, per Silvestrin, ci sarebbero pochi grinder della new generation all’interno. “La chiave del successo di questo format per me sarà questa: se gli autori sapranno ricreare uno ‘stile nuovo’ nell’approccio al poker e verso il poker con persone capaci di divertirsi e divertire con passione ed educazione con un sorriso naturale stampato in faccia senza frustrazioni o perversioni, avendo la capacità di gestire e dividere un emozione da una passione allora si che la gente comune riuscirà a comprendere come il poker può essere sana competizione, gioco, sportività,divertimento puro e riuscirà finalmente a sdoganare l’immagine di azzardo, bisca, illegalità,soldi facili e rubati e quant’altro di negativo viene normalmente associato al giocatore di poke”.

C’è invece chi si è messo ad elencare una serie di personaggi, stilandone i profili in maniera divertentissima, e proponendo forse un mix interessante tra la new generation del poker, quelli che Silvestrin non vedrebbe proprio di buon occhio nella ‘casa’, e i personaggi che attualmente rappresentano la bontà di questo settore.

E’ stato Walter ‘Cesarino’ Treccarichi a indicare alcuni nomi come Federico Piroddi, Giuliano Bendinelli, Antonio Bernaudo, Dave En Deejay, Marco Bognanni, Gianluca Escobar, Enrico Camosci, Luigi Curcio, Carlo Savinelli e Ferinando Lo Cascio. Senza entrare nello specifico di ogni recensione, Treccarichi l’ha vista un pò a modo suo e guardando dentro al suo mondo. Ma, attualmente, il poker in Italia è proprio caratterizzato da personaggi di questo tipo che riescono a coniugare un ottimo professionismo online con splendide performances live e unendo anche della real life interessante.

Tutti nomi validi ma, stando alle intenzioni della produzione che sembrano arrivare da qualche voce di corridoio, la volontà è quella di riappassionare la gente al gioco e al poker. Forse un linguaggio troppo tecnico e quindi troppi grinder allontanerebbero i novizi. Forse ci vorrebbe qualche personaggio e, in ogni caso, il format non sembra incentrato esclusivamente sul gioco e sul grinding 24 ore su 24. Come al solito, però, la verità sta nel mezzo e un giusto mix tra lo stil novo e i personaggi indicati da Treccarichi sarebbe la giusta ricetta. Quindi bravi giocatori sì ma anche in grado di comunicare e divertire e quindi di essere personaggi. Stiamo sempre parlando di un format televisivo, insomma.  

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.