Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

La pazza storia di Eric Riley, poker player sfuggito a due rapine in poche ore

Una storia da film che l’atmosfera americana sembra favorire, quanto meno come ‘sceneggiatura’. O forse per induzione ‘costringe’ i protagonisti di questo ‘mini film’ a comportarsi così. 


Ecco quindi cosa è successo ad Eric Riley, poker pro che nei giorni scorsi ha lasciato Atlantic City con un bottino di ben 100.000 dollari di cui buona parte da trasportare in contanti, nella classica ’24 ore’ probabilmente. Tuttavia non immaginava cosa lo aspettasse fuori dalla sala da gioco: attimi di terrore con due tentativi di rapina sventati nel giro di pochi minuti. 
Tutto parte quando il 32enne player accetta un passaggio da un amico chiamato Junior per andare all’aeroporto e lasciare la Las Vegas del New Jersey. Peccato che l’avidità sembra aver avuto la meglio sul suo amico. Quando i due sono arrivati al terminal 5, al momento dei saluti ecco la brutta sorpresa. Junior ha strappato la preziosa borsa dalle mani di Riley ed è fuggito. Il player ha tirato fuori qualche centinaia di dollari per convincere un tassista a seguire (o inseguire forse è meglio) la macchina dell’ex amico. Raggiunto il truffatore vicino al JFK Expressway ad un semaforo Riley è rientrato in posssesso della borsa e Junior è fuggito via. 
Ma non è finita qui. Tempo qualche minuto e un Toyota Camry nero piomba sulla scena. All’interno ci sono due uomini che sostengono di essere poliziotti in borghese. I due si offrono di aiutare Riley visibilmente frastornato dall’accaduto. Il player sale in macchina racconta tutto ai presunti poliziotti che, di punto in bianco, tirano fuori una pistola puntandola al petto di Eric. “Dacci i soldi”, gli intimano i due. Ma Riley è ormai dentro al suo ‘film’ e si getta dalla macchina in movimento. Rotola lungo la strada riducendo i suoi vestiti in brandelli e rischiando grosso di farsi investire. 
Alla fine il ‘nostro’ riesce a prendere un taxi ‘normale’ e a raccontare tutto a dei poliziotti veri. Ora stanno indagando sull’accaduto perché si ipotizza un collegamento tra i tre truffatori. Un piano studiato, insomma e non una coincidenza. 
Riley era arrivato due settimane prima al Borgata Hotel di Atlantic City con 80.000 dollari. Ai tavoli ha avuto un profit di 20.000 bigliettoni e se ne stava tornando a Deerfield Beach, in Florida, col suo ottimo profit da professionista oculato. Recentemente ha vinto un torneo da 2,500 dollari di buy in per 82.000 dollari di premio. In carriera ha vinto circa 300.000 dollari in tornei ma cash game dovrebbe averne vinti molti di più. Lavora anche con una società che vende biancheria per alberghi. Una storia che ricorderà per sempre, la sua.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.