Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

La soluzione per il poker online Usa? Su Pure Play i players pagano l’abbonamento per giocare

Tante proposte, leggi, azioni della Poker Players Alliance e la soluzione è già lì, sotto gli occhi, e nessuno l’aveva vista. Stiamo parlando delle enormi difficoltà per regolamentare il poker online in America, almeno a livello federale, visto che sono già molti gli stati che sono riusciti ad aprirsi un varco importante con una legge nazionale.
Ma quale sarebbe questa soluzione? “Quello che stiamo facendo è lòegale, non siamo un sito di gambling, non contravveniamo alcuna legge, siamo solo un sito di poker su abbonamento”. A ribadire con orgoglio il suo business model è Jason B. Kellerman, proprietario e ceo di Pure Play una delle più grandi poker room online nel mondo.
In effetti la soluzione sembra geniale. Kellerman insiste sul fatto che i suoi tornei non sono da considerare d’azzardo perché in realtà sono tutti freeroll seppur con vincita in denaro.

Ecco come funziona: “E’ un modello basato sulle lotterie. Le persone possono partecipare gratuitamente inviando alla società una cartolina d’iscrizione. Ovviamente ciò che facciamo è molto diverso da quello che fa MacDonald con il suo Monopoli dove si raccolgono pezzi di gioco per vincere premi in denaro. Quando si acquista un panino si ottiene un pezzo del gioco. Non si vincono premi in denaro. Pure Play opera sullo stesso principio”. I clienti pagano 25 dollari al mese per unirsi al gioco ma c’è anche un’opzione gratuita. “Alcuni clienti ci mandano una cartolina ogni mese si iscrivono, altri vengono accreditati con la loro carta e i soldi vengono scalati ogni mese. Non parlo di quanti abbonamenti facciamo, diciamo che sono centinaia di migliaia”, fa melina Kellerman. Tuttavia pare che la maggior parte della sua clientela sia dagli Stati Uniti con oltre 9 milioni di persone che si sono iscritte dal debutto della room nel 2005. I tornei distribuiscono 100.000 dollari di vincite al mese ma è possibile anche giocare al casinò online.
Il sistema sembra legale non solo agli occhi degli avvocati di Pure Play ma anche a quelli del Governo Federale: “Non abbiamo mai avuto un problema o una richiesta di qualsiasi controllo da parte delle autorità federali”.
Ma non sarebbe tutto rose e fiori per Pure PLay. La room avrebbe ricevuto un totale di 33 denunce di cui 30 si sono risolte a favore del cliente. E siccome il sito opera in 14 stati in cui molti di questi i cittadini hanno il divieto di iscriversi a qualsiasi sito di gioco, pur facendo i debiti scongiuri per Kellerman e soci, è possibile che prima o poi arrivi un provvedimento contro la lottery-room in questione.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.