Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

La strana storia del poker player Paul Carr: il giudice vuole portargli via tutto

Un poker player professionista che in carriera ha vinto 463.000 dollari, rischia di perderne ben 410.000 per un ecquivoco di cui giudici e inquirenti non riescono proprio a venirne fuori. Anche per i tanti precedenti e gli strani comportamenti dell’imputato. 

 

DALLE STELLE ALLE STALLE – Paul Carr, irlandese doc, gioca quasi sempre tutti i tornei nella sua terra. Grazie a quel torneo dell’aprile 2010, il Paddy Power Irish Open dove era arrivato secondo per 312.000 euro di premio, aveva sistemato il suo bankroll e poteva avviarsi su una carriera decisamente più redditizia a livello pokeristico.

Tuttavia per una serie di incredibili casi e coincidenze rischia di veder sparire da sotto il naso tutti i suoi averi.

I FATTI – Carr aveva festeggiato il successo con gli amici, tra cui il noto criminale di Limerick Kieran “Rashers” Ryan e il giorno dopo era anche apparso al ‘The Late Late Show’, dove è stato intervistato da Ryan Tubridy.

Tuttavia, il 2 maggio 2011,le forze dell’ordine hanno trovato 36.000 euro in un armadio di una camera da letto in una casa sulla vecchia Cratloe Road, dove abita Limerick, nel corso di un’operazione anti droga.

Carr, che ha 23 precedenti condanne, si è poi presentato alla polizia sostenendo che il denaro fosse suo e che lo aveva dato a un amico poichè non aveva un conto in banca.
Tuttavia la corte penale di Limerick ha precedentemente avuto notizia che 300.000 e più euro che aveva vinto in quel torneo erano stati ceduti allo stesso amico. Carr si è difeso asserendo che, essendo noto per avere una grande quantità di denaro, temeva di essere un bersaglio per furto ed è per questo che li ha dati a un amico. Insomma, era un semplice caso che quei 36.000 euro fossero i proventi di un crimine.
GIUDICE IMPLACABILE – Tuttavia in questi giorni il giudice Tom O’Donnell ha affermato di essere “soddisfatto del bilancio delle probabilità” che il denaro “fosse il provento di un crimine e dovrebbe essere sequestrato dallo Stato”.
La corte ha anche esaminato un eventuale procedimento per la confisca di ulteriori 244.330 euro in contanti sequestrati, che Carr sostiene siano suoi.
NON PROPRIO CARR E FIORI – La situazione di Carr non è proprio così rosea. Lo scorso gennaio, Carr è stato multato di 2.500 euro e gli è stata sequestrata la patente per quattro anni per aver guidato attraverso la città di Limerick dopo aver assunto della cocaina.
Un mese dopo il successo di poker di Carr nel 2010, il suo stretto collaboratore Kieran ‘Rashers’ Ryan è stato catturato con una pistola semiautomatica e 15 cartucce da 9 mm.  

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.