Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

La Virginia valuterà se il poker è un gioco d’abilità

La Corte Suprema della Virginia ha accettato di ascoltare le motivazioni di un operatore di gioco che possiede una poker room che cercherà di dimostrare gli aspetti di abilità dell’Hold’em e delle sue varianti.

La causa in questione venne allontanata nel 2011 da un tribunale della Virginia Circuit Court. Charles Daniels, di Portsmouth, sarà giudicato sulla base del verdetto che chiuse la sua Poker Palace. Il suo caso è stato riaperto da una recente sentenza della corte federale che dichiara il poker come un gioco di abilità. Daniels sarà assistito dalla Poker Players Alliance nel suo appello, così come era successo nel suo processo iniziale.

L’appello si concentrerà su due punti, che la legge della Virginia che tratta del gioco d’azzardo e per la quale è stato condannato Daniels è incostituzionalmente vaga, e che sì il poker è un gioco di abilità, come dichiarato nel recente caso del distretto orientale di New York a livello federale nel caso Dicristina dal giudice Jack Weinstein.

Tuttavia, il caso Dicristina non è vincolante per la questione della Virginia, e può essere esso stesso oggetto di un processo d’appello.

Daniels aveva gestito la sua Poker Palace per diversi anni senza difficoltà di ordine giuridico, e aveva raccolto fino a $ 700.000 per beneficenza, soldi generati direttamente dai proventi della room.

Una decisione nel caso è prevista nei primi mesi del 2013.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.