Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

L’Australia boccia le app di mobile poker

Le app di mobile poker sia di PokerStars che di 888poker, sono state rimopsse dallo store di Itunes in Australia su richiesta alla stessa Apple da parte del governo nazionale. La motivazione? Le app di poker online sono considerate illegali in Australia anche se le scommesse sportive sono legali. 

Una brutta sorpresa per tutti gli utenti visto che non c’è stata alcuna dichiarazione ufficiale da parte di Apple agli operatori di poker prima che il servizio venisse staccato. Il divieto di giocare a poker online su laptop era già in vigore ma le versioni mobili delle room continuavano ad andare. Poi il blocco anche di queste.
PokerStars non ha fatto altro che dirottare le richieste di informazioni “alle autorità locali che saranno senz’altro il miglior punto di riferimento per reperire informazioni. Per quello che ne sappiamo noi si tratta di una repressione sul mobile gaming“.
L’obiettivo del Governo australiano potrebbe essere quello di costringere questi operatori a reperire una licenza di gioco statale per continuare con la raccolta. Un metodo alquanto bizzarro ma che viene spesso portato avanti da vari stati: an mali estremi estremi rimedi, insomma.
Ma chi ha scaricato l‘app da Android può ancora giocare. La vicenda è ancora più curiosa.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.