Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

L’Avvenire contro ‘azzardopoli’ e la lobby del gioco

Ancora l’Avvenire, sia in prima pagina in edicola, sia nella versione online. ‘Le lobby fanno poker e via alle mille sale‘. Questi i titoli del quotidiano di chiara estrazione cattolica che aveva intervistato Luigi Magistro, direttore generale di Aams, facendogli confessare che il poker fisico non sarebbe partito, almeno nel giro di qualche mese.

Gli articolisti dell’Avvenire parlano di attività di lobby ma, in realtà, molti operatori del poker live non hanno compreso il balletto degli emendamenti e stanno cercando di capire chi c’è dietro a questi nomi che sostengono gli interventi alle leggi senza spesso neanche sapere di cosa stanno parlando. Quindi parlare di lobby e poker è decisamente fuori luogo. Tanto che è condivisa da tutti gli addetti ai lavori del settore l’opinione che il texas hold’em abbia pochissima presa nella politica nazionale specie rispetto ad altri giochi molto più radicati tra gli scranni del Parlamento (vedi slot e scommesse).

Alla fine la contro informazione del settore del gioco che dovrebbe rispondere unito contro la disinformazione di chi attacca solo con i paraocchi, è riuscita a far passare un messaggio quando l’Avvenire parla di “25,000 posti di lavoro mentre i contabili dell’Erario sperano di portare in cassa altri quattrini, magari dirottando le emorragie di euro dei circoli privati (illegali, ma su cui da sempre si chiude un occhio) ai tavoli dei concessionari pubblici”.

Come dicono ormai politici, operatori e giocatori stessi, in Italia si gioca e si giocherà sempre e comunque. Non sarebbe meglio farlo nell’alveo della legalità (sempre che non vengano penalizzati gestori attuali e giocatori) o forse è meglio non impegnarsi per paura di finire sui ‘ceci’? E se in Italia si gioca (anche in maniera sportiva e quindi sana) pazienza. Per alcuni la preoccupazione è come giustificare il lancio di 1,000 sale. Non quella di far emergere e anche aiutare, un fenomeno di più di 1,000 circoli visto che parlare di bische per partite a 30 euro è assurdo e fuorviante.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.