Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Le banche Usa e l’Uigea, un ostacolo per il poker online interstatale

Il poker online sta diventando legale in tre stati e sono già tanti altri quelli che stanno studiando una legislazione negli stati uniti d’America. Tuttavia alcune banche e sistemi di pagamento stanno rifiutando depositi nei siti di gioco in alcune giurisdizioni.Il divieto è un residuo dell‘Unlawful Internet Gambling Enforcement Act del 2006 che ha rego illegale elaborare i pagamenti per il web del gioco d’azzardo. L’accento era posto sui sistemi di pagamento con carta di credito per bloccare le transazioni tra i players e il gioco online.
Ovviamente si tratta di una legge federale e ora sono gli stati a legalizzare il gioco online quindi si sta creando una conflittualità su due livelli giuridici. Non si tratta proprio di una novità visto che al lancio del gioco in Nevada, alcune poker room hanno subito avuto problemi con i players che non potevano ricaricare i conti online.
Questo è il motivo per cui alcuni stati preferiscono attendere un lancio federale del gioco online prima di preisporre dei framework statali. Questo avrebbe creato una legge uniforme senza strappi e problematiche di integrazione tra stati e governo centrale.
Le principali banche, secondo Bloomberg, sarebbero Bank of America e Wells Fargo, la seconda e la quarta banca più grande d’america.
I process payment che creano maggiori problemi, invece, sono PayPal e American Express.
Alcune istituzioni finanziarie, invece, si sono adeguate ai cambiamenti. Tuttavia nel Nevada il Governo ha fatto capire che i casinò hanno già influenzato le banche. Le sale da gioco sono molto potenti e dovrebbero prevalere gli interessi delle poker room rispetto a quelli dell’Uigea.
Ad essere interessati alle limitazioni in Usa sono 57 milioni di clienti nella Bank Of America e 70 milioni per la Wells Fargo. Basta pensare che i potenziali giocatori nel Nevada sono appena 2,7 milioni e nel New Jersey 8,7.
Nel Nevada, comunque, esiste già un sistema per trasferire soldi da un conto gioco all’altro. Un sistema ‘ombra’ che vuole aggirare il sistema bancario ancora legato al divieto della legge anti gambling di sette anni fa.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.