Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Le Wsop 2012 battono le Wsop 2011

Las Vegas – La crisi non ha scalfito tutto il mondo visto che le partecipazioni alle Wsop 2012 hanno permesso di generare 222 milioni di dollari di montepremi per una rake di 20 milioni che, se comparati con i 192 milioni di dollari dell’anno scorso, fanno registrare un più 14% di volumi rispetto al 2011. Il numero dei partecipanti cresce, ovviamente, am non di tantissimo visto che nel 2012 abbiamo 75,672 players contro i 74,766 dell’anno scorso.

Uno dei fattori che ha permesso di battere i risultati dell’anno scorso è l’organizzazione di ben 61 tornei tra cui il Big One for One Drop che, da solo, ha generato un montepremi di 42,6 milioni di dollari. Quindi crescono i giocatori partecipanti ma se il risultato è ‘depurato’ dal Big One, i 30 milioni in più di raccolta indicano addirittura un calo evidente.

Ma Ty Stewart, direttore esecutivo delle Wsop, ha dichiarato trionfalisticamente che “Siamo ancora nell’età dell’oro del poker e tutti vogliono venire a vincere un braccialetto delle Wsop. Ringraziamo tutti i giocatori che supportano le Wsop e che hanno dato un colpo duro alle condizioni del mercato lanciando un segnale ben preciso”.

Il Main event ha chiuso a 6,598 iscritti che si sono dati appuntamento per cercare di scippare il titolo di campione del mondo e facendo registrare la quinta partecipazione nella storia delle Wsop. Un leggero calo rispetto al 2011 con 267 players in meno ma il risultato per il main è comunque ottimo. E ora sotto con la battaglia per la prima moneta da 8,5 milioni di dollari.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.