Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

L’Icann rilascia il dominio ‘. poker’ e si scatena l’asta

Si starebbe scatenando una vera e propria asta in cui i prezzi rischiano di schizzare alle stelle per la gestione del dominio ‘. poker’ generico di primo livello (gTLD) che è ricompreso nei 1,900 nuovi suffissi in quella che è prevista come la più grande espansione immobiliare online di tutti i tempi nel world wide web.

ICANN, l’Internet Corporation for Assigned Names and Numbers, ha rivelato la lista dei gruppi di interesse che avrebbero pagato 185,000 dollari per la gestione della desinenza finale dei nuovi domini.

La vera asta per il controllo esclusivo su “dot.poker,”, che si preannuncia lunga e costosa, si scatenerà presumibilmente tra Afilias Domains, Binky Mill LLC, dot Poker Limited and Dot Poker LLC . Solo uno può essere il proprietario del suffisso, che garantirà il pieno controllo del gTLD con la possibilità da qui al futuro prossimo di rivendere i nomi del dominio come meglio credono.

Tutti e quattro sono considerati dei veri e propri ‘squali’ e organizzazioni molto potenti nel web per il controllo dei dominio. Afilias offre già la registrazione del dominio e i servizi DNS e sta cercando di espandere il proprio portafoglio con più di 20 gTLD, con nomi di gioco .poker, .bet, .lotto,.black e .red e altri nomi generici come .app,.mail e .blog.

Dietro Binky c’è Donuts Inc e il co-fondatore Dan Schindler, che ha avanzato richiesta per ben 307 gTLD. Egli sarà anche in lizza per la decisione impugnata .bet e . bingo .

Geir Rasmussen tra le 60 applicazioni richieste ha inserito anche dot.poker. Ma anche .bet e .win.

Dei quattro, il signor Collins Reeve è il più temibile visto che si concentrerà solamente sul dominio di primo livello sul poker con una società registrata in California e che non ha mai partecipato a queste aste e quindi punta deciso all’acquisizione.

Nella lista dei concorrenti però ci sono ancheghe non richiederanno il dot poker ma i loro nomi completi come . Ladbrokes e . WilliamHill. Ladbrokes tenterà di portare a casa anche il dominio .bet che gli darebbe un valore incredibile a livello mondiale.

Si prevede una telenovela con molte puntate e trattative da portare avanti forse per un anno intero con lunghi periodi di consultazioni: quindi i nomi contestati saranno messi all’asta.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.