Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

L’impegno di PokerStars: Full Tilt Poker online domenica 4 novembre

Ormai ci sarebbe da fidarsi ad occhi chiusi anche se tanti poker players sono ancora dei piccoli ‘San Tommaso’ versione gaming online: finché non vedranno non canteranno vittoria. Ma PokerStars avrebbe promesso, secondo alcune indiscrezioni raccolte sulla stampa estera di settore, che Full Tilt Poker sarà online entro domenica 4 novembre ovviamente del 2012. Questo per quello che riguarda tutti gli account al di fuori degli Stati Uniti e di alcuni paesi europei però regolamentati. Sarà ripristinato tutto il sistema di account con i soldi in cassa e i saldi precisi per i players. Ci saranno come minimo oltre 100 milioni di dollari il giorno della riapertura.

Dopo la chiusura dell’affare con il Dipartimento di Giustizia Usa, dicevamo, c’è da fidarsi. Tutti i saldi di Full Tilt saranno resi disponibili il giorno del lancio e i giocatori potranno subito incassare il denaro se lo desiderano, senza doverli scaricare attraverso il gioco (era questa l’idea del Gruppo Tapie) o altri ostacoli simili. Specifiche sulle opzioni di incasso non sono ancora note, ma PokerStars “si adopererà per garantire il pagamento totale”, secondo le richieste dei giocatori .

Una concessione importante strappata da PokerStars al DoJ è quella di poter trasferire soldi tra i conti di gioco distinti delle due room ormai di proprietà dello stesso gruppo. Quindi chi non vuole più giocare su Full Tilt Poker e si è ormai stabilito sul dot com o sul dot eu di PokerStars potrebbe rimpinguare le sue casse trasferendo i vecchi fondi al nuovo account sulla room dalla picca rossa.

Tuttavia per le modalità di rimborso nei paesi in cui il poker online è regolamentato PokerStars sta stringendo accordi separati con tutte le autorità competenti. E non è ancora chiaro come verranno rimborsati i players italiani, ad esempio.

Intanto tornano a farsi largo tutta una serie di indicazioni che disegnano il futuro della nuova Full Tilt. Come noto PokerStars è ‘basata’ su due siti internazionali: Isola di Man e Malta. Per questo possiamo aspettarci due siti, Fulltiltpoker.com e FulltiltPoker.eu, entrambi con la stessa liquidità ed esperienza di gioco ma in giurisdizioni differenti. Come è per PokerStars anche per Full Tilt la convenienza per i players sta negli aspetti fiscali e giuridici del gioco. Specie per gli utenti provenienti da Germania, Svezia, Danimarca, Polonia, Slovenia, Romania e Paesi Bassi ossia tutti quelli che sono già stati convogliati nella nuova piattaforma di PokerStars Maltese dot.EU.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.