Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Louisiana a un passo dal poker online

Il processo di regolamentazione del poker online negli Stati Uniti prosegue e, in attesa dei grandi Stati decisivi per sbloccare anche l’iter a livello federale come la California, anche la Louisiana sembra propensa a lanciarsi nel percorso legislativo.

 

SOLDI PER L’ERARIO E PROTEZIONE DEI PLAYERS – A sbloccare il tutto sembra sia stato il miraggio di redditi potenziali per le casse dell’erario e la preoccupazione per la protezione dei consumatori che attualmente potrebbero essere attratti dai siti illegali. In Usa, ovviamente, è ancora in vigore l’Uigea, la legge anti gambling varata a fine 2006 da George W. Bush, e applicata con veemenza solo nel 2011 con il Black Friday che chiuse le principali room operanti sul territorio americano. In Louisiana, poi, c’è un paletto in più rappresentato da una legge varata nel 1997 e che vieta proprio il ‘gambling by computer’ lasciando davvero pochi dubbi di interpretazione.

 

IL COMITATO DEI SAGGI SFONDA ALLA CAMERA E AL SENATO – A confermare il tutto il presidente del Louisiana Gaming Control Board, Ronnie Jones che ha esternato “il sospetto che un progetto di legge verrà probabilmente introdotto anche se ancora non possiamo confermare né ufficializzare il tutto”.

Ma alla House Administration of Criminal Justice Committee e al Senate Judiciary B Committeenè stato presentato un documento realizzato proprio da Jones, dal sostituto procuratore generale Leonce Gautreaux e dal maggiore Mike della Louisiana State Police Gaming Enforcement Division. Un dossier che ha delineato alla perfezione le questioni che riguardano il dibattito sul poker online e su altri prodotti di gioco.

 

TUTTO PRONTO MA L’ANNO SCORSO LO STOP IN COMMISSIONE – Il passo per la presentazione del documento da parte di questo comitato congiunto alla prossima sessione legislativa dovrebbe essere davvero breve a questo punto.

Non è il primo tentativo, comunque. Già l’anno scorso il deputato repubblicano Mike Huval aveva provato a lanciare un progetto di legge che cercava di sbloccare l’empasse normativa ma si arenò in una commissione dopo un primo passaggio alla Camera.

 

LE CRITICITA’ DA SUPERARE – I funzionari statali hanno posto alcune condizioni che, in ogni caso, sembrano davvero superabili guardando anche le esperienze degli altri Stati. In primis hanno richiesto la precisione della tecnologia di geolocalizzazione che, però, altre legislazioni sembra abbiano già varato con efficienza ed efficacia. Nel Nevada, ad esempio, basta registrarsi e tramite il cellulare si riceve un codice che identifica la posizione del player entro i confini dello Stato senza possibilità di errore.

In seconda battuta vanno verificati anche gli interessi di gioco tribali. Come in California potrebbero essere questi gli ostacoli più ostici. E per finire uno studio approfondito sui metodi di protezione dei giocatori.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.